L’IVSI a Taiwan per la Settimana della Cucina italiana nel mondo

L’Istituto Valorizzazione Salumi Italiani organizzerà presentazioni alla stampa, degustazioni, show cooking e incontri B2B

di Silvia Armati

Ultima Modifica: 14/11/2018

Si avvicina la terza edizione della Settimana della Cucina Italiana nel mondo (in programma dal 19 al 25 novembre) e si moltiplicano le adesioni e le iniziative di questa “settimana del cibo” che si è concretizzato per la prima volta nel 2016 sull’onda di Milano Expo 2015.

Il Ministro Gian Marco Centinaio alla presentazione della Settimana della Cucina Italiana tenutasi a Roma

Si è svolta stamane, 14 novembre, a Roma la presentazione ufficiale alla presenza del ministro delle Politiche agricole e del Turismo Gian Marco Centinaio (ne parleremo a parte), si preannuncia una importante iniziativa all’estero da parte dell’Istituto Valorizzazione Salumi Italiani.

IVSI: promuovere il made in Italy dei salumi italiani a Taiwan

L’Istituto Valorizzazione Salumi Italiani, che ha aderito alla Settimana della Cucina italiana nel mondo sin dalla prima edizione, ha scelto di svolgere la sua attività di promozione in una destinazione del tutto nuova per i salumi italiani: Taiwan. Un Paese che ha aperto alle importazioni di salumi e carne suina italiana da soli otto mesi, esattamente dal 9 marzo scorso, e che adesso avrà la possibilità di conoscere e gustare i salumi italiani originali.

Una serie di appuntamenti, quelli organizzati da IVSI insieme all’Agenzia ICE di Taipei, pensati proprio per presentare, per la prima volta a Taiwan, la salumeria italiana e per favorire occasioni di incontri commerciali tra le aziende consorziate dell’Istituto che parteciperanno all’iniziativa e gli operatori locali.

Taiwan è un mercato promettente per le aziende del settore sia per l’elevato consumo pro‐capite di carne suina sia per l’immagine positiva di cui gode il Made in Italy – ha affermato Francesco Pizzagalli, Presidente di IVSI. Secondo ISTAT solo nei primi tre mesi di apertura del mercato sono stati esportati 643 kg di salumi per un valore di 6.984 Euro (di cui il’90% sono salami) e 142.000 Kg di carni suine per un valore di 374.000 euro.  Un buon segnale che fa ben sperare per il futuro del nostro export, soprattutto considerando che ad oggi non è ancora stato possibile esportare i prosciutti stagionati, che stanno completando la fase di stagionatura e che solitamente rappresentano il principale traino delle esportazioni di prodotti della salumeria italiana”.

I giorni a Taipei saranno intensi e pieni di impegni, ha spiegato Monica Malavasi, Direttore di IVSI. Il 21 novembre, le aziende italiane parteciperanno a un incontro formativo con esperti locali e visiteranno alcuni punti vendita della città, per capire meglio le logiche distributive del Paese. La giornata si concluderà con la presentazione alla stampa dei salumi italiani e con un networking dinner.

Il 22 novembre verranno organizzati degli incontri business fra le aziende italiane e gli operatori locali oltre a free tasting per ristoratori e altre figure commerciali.

Il 23 novembre sarà la volta dei corsi sui salumi italiani presso la Kay Ping Culinary School, la più importante scuola di cucina a Taiwan, tenuti dallo chef italiano Cristian Broglia.

Infine, “durante la settimana della cucina italiana nel mondo non potevano mancare le degustazioni di salumi in selezionati ristoranti di Taipei durante il fine settimana”, ha concluso Malavasi.

Condividi L'Articolo

L'Autore

Redattore