Symbola e Assocamerestero lanciano nel mondo “L’Italia in 10 selfie”

La prima tappa si svolgerà a maggio in Bulgaria

di Silvia Armati

Ultima Modifica: 08/04/2018

Agli inizi di gennaio  2018 la  Fondazione Symbola presentando il suo Rapporto su “L’Italia in dieci selfie“, ha elencato i dati sul Bel Paese che funziona.

Nell’agroalimentare siamo i primi al mondo per sostenibilità (emettiamo il minor numero di tonnellate di CO2 per milioni di euro prodotti, meglio di quanto facciano Spagna e Francia, la metà di Germania e Regno Unito).

Siamo tra i “grandi” nell’export: 450 miliardi, quasi l’8% in più che nel 2016 e con tutte le premesse (rivitalizzazione del tessuto produttivo, investimenti, scelte di politica economica del governo per affrontare meglio i mercati internazionali) perché si cresca ancora pure nel 2018.

Senza vanto di propaganda né ottimismo di maniera, ma nemmeno senza eccessi di pessimismo“, aveva commentato Ermete Realacci, presidente di Symbola, “l’Italia che va” e compie buone cose.

Il Rapporto Symbola “L’Italia in 10 Selfie” va all’estero con Assocamerestero: tutte le tappe

Lo scorso 5 aprile a Milano Assocamerestero – l’Associazione delle Camere di Commercio Italiane all’Estero (Ccie) e di Unioncamere – e Fondazione Symbola hanno presentato a Milano il piano operativo e le prime tappe del progetto di promozione e diffusione all’estero del Rapporto Symbola “L’Italia in 10 Selfie”, che illustra i primati di innovazione, competitività e sostenibilità del sistema produttivo italiano sui mercati mondiali.

Sono intervenuti nella sede di Unioncamere Lombardia: Gian Domenico Auricchio, Presidente di Assocamerestero, Ermete Realacci, Presidente della Fondazione Symbola e Giuseppe Tripoli, Segretario Generale di Unioncamere.

Il report – adattato e tradotto anche in francese, inglese e spagnolo – sarà illustrato nel corso di un tour mondiale ideato da Assocamerestero e coordinato dalla Rete delle Camere di Commercio Italiane all’Estero tramite l’organizzazione di iniziative con opinion leader locali e le business community che si riuniscono intorno alle Ccie.

Vista la concomitanza con il periodo bulgaro di Presidenza del Consiglio dell’Ue, la prima tappa del calendario di appuntamenti per l’area Europa si aprirà a maggio in Bulgaria, all’interno del Festival Italiano, con la presentazione del programma a Sofia.

Seguiranno poi altre iniziative a Sydney (Australia), Rosario (Argentina), Montréal (Canada), Quito (Ecuador), Francoforte (Germania), Mumbai (India), Tel Aviv (Israele), Londra (Regno Unito), Singapore, Madrid (Spagna), New York (Stati Uniti d’America), Zurigo (Svizzera), Istanbul (Turchia) e Ho Chi Minh City (Vietnam).

Siamo orgogliosi di poter contribuire con tale progetto alla valorizzazione e diffusione di un’immagine inedita del Made in Italy e del Paese, legata innanzitutto all’applicazione di tecnologia innovativa e soluzioni sostenibili nei settori di maggior eccellenza della nostra industria” – ha esordito Gian Domenico Auricchio, Presidente di Assocamerestero, presentanto l’iniziativa. – “Il Made in Italy è tradizionalmente riconosciuto modello di riferimento per qualità e saperi artigianali consolidatisi nel tempo. Con il tour, faremo conoscere nel mondo una nuova identità dell’Italia tecnica, innovativa e all’avanguardia, in grado di porre le basi per lo sviluppo del Paese di domani.

I dieci selfie” – ha spiegato Ermete Realacci, Presidente di Symbola – “sono dieci istantanee che mettono in luce i primati della nostra competitività sui mercati mondiali, indicando i driver della qualità (ambiente, design, cultura) e osservando le performance eccellenti dei singoli settori del Made in Italy (agroalimentare, legno arredo, meccanica, moda, ma anche settori di punta come il farmaceutico). È questa l’Italia che Symbola legge e racconta nei suoi lavori e distilla in questi selfie. Un Paese fatto di tante imprese, comunità, persone, associazioni, istituzioni accomunate dall’ambizione e dalla sfida della qualità. Che sposa tradizioni antiche e nuove tecnologie, ricerca, digitale e artigianato, che tiene insieme cultura, green economy, competitività. È l’Italia che fa l’Italia. Che guarda a un nuovo modello di economia più a misura d’uomo, che assomiglia a quello tratteggiato da Papa Francesco nella Laudato Si’”.

I dati delle nostre esportazioni e l’alta presenza di turisti stranieri nel nostro Paese” – ha aggiunto Giuseppe Tripoli, Segretario Generale di Unioncamere – “mostrano che nel mondo c’è un bacino di attenzione e una domanda di Italia molto alta, che, però, può ancora crescere. Questo progetto sarà molto utile, quindi, alle imprese del Made in Italy e a tutta la filiera dell’ospitalità, perché consentirà di sfatare tanti luoghi comuni sull’Italia e far conoscere di più le eccellenze e i primati della nostra produzione e le attrattive del nostro Paese”.

Il Rapporto Symbola, vero censimento dei talenti italiani, racconta l’Italia attraverso dieci istantanee e si concentra sui settori più competitivi e all’avanguardia del Made in Italy (agroalimentare, legno arredo, meccanica/automazione, moda, farmaceutico) e sui driver di crescita sostenibile della nostra economia.

L’Italia in 10 Selfie

SELFIE 1. Italia seconda al mondo per competitività dei settori produttivi.

SELFIE 2. Italia leader in Europa per uso efficiente di risorse nei processi produttivi

SELFIE 3. Sostenibilità, in Italia 3 milioni di green job, il 13,1% degli occupati.

SELFIE 4. Il design dà forza al Made in Italy.

SELFIE 5. Cultura, bellezza e creatività valgono il 16,7% del Pil.

SELFIE 6. Agroalimentare: primi in sostenibilità

SELFIE 7. Farmaceutica: primi tra i grandi Paesi europei per crescita dell’export.

SELFIE 8. Legno arredo: primi esportatori europei verso mercati extra-Ue.

SELFIE 9. Machinery: quarti al mondo per surplus commerciale

SELFIE 10. Moda: secondi al mondo per quote di mercato

Ed ecco i contenuti de “L’Italia in 10 Selfie”

 

Condividi L'Articolo

L'Autore

Redattore