ViaggioDiVino: il Garda nella top ten di Wine Enthusiast - InformaCibo

ViaggioDiVino: il Garda nella top ten di Wine Enthusiast

Dal lago di Garda a Lisbona, da Bangkok a Salonicco, e le altre destinazioni enoturistische di Wine Enthusiast

di Silvia Armati

Ultima Modifica: 23/01/2019

La terra del Chiaretto e del Bardolino è tra le dieci destinazioni vitivinicole al mondo da vedere secondo gli esperti della rivista Usa, Wine Enthusiast.

Il lago di Garda è l’unica zona italiana segnalata dalla rivista statunitense insieme ad altre rinomate destinazioni: in Europa il Beaujolais francese, e ancora Salonicco in Grecia, la capitale portoghese Lisbona e la svizzera Lavaux, coi suoi vigneti terrazzati affacciati sul lago di Ginevra. Al di fuori dai confini europei vengono proposti i vini californiani della Temecula Valley e quelli della zona di Seattle, nello stato di Washington, la capitale thailandese Bangkok, che è anche una delle città emergenti per l’alta ristorazione, la valle di Maipo, in Cile, e la Tasmania, terra emergente del vino.

La principale novità dello “studio” sta nell’ampiezza e nella cura con cui la responsabile per l’Italia della testata americana, Kerin O’Keefe, “suggerisce”, dopo un’accurata disamina del luogo, un soggiorno sul territorio gardesano per la qualità dei vini prodotti, per la varietà e la bellezza dei paesaggi e per la sua ricchezza storica e culturale.

Foto a corredo della pagina di Wine Enthusiast: Scaliger castle at Sirmione, Garda lake

Le sottolineature di Kerin O’Keefe per indicare un viaggio sul lago di Garda

A parte gli olivi e i limoni, che sono inusuali così a Nord – scrive Kerin-, la regione è tappezzata dai vigneti ed è patria di alcuni dei classici vini del paese: i rossi del Bardolino, i rosati del Chiaretto e i bianchi Lugana e Custoza“.

Il commento di Franco Cristoforetti, Presidente del Consorzio del Bardolino e del Chiaretto

L’articolo di Wine Enthusiast – commenta Franco Cristoforetti, Presidente del Consorzio di tutela del Bardolino e del Chiaretto – premia la professionalità e la caparbietà dei nostri viticoltori e dei nostri produttori, che in questi anni hanno intensamente lavorato per rafforzare e rendere percepibili i valori della nostra identità territoriale, l’elemento in grado di creare vera distinzione nell’attuale scenario competitivo del vino. Se questa importante rivista americana ci ha scelto come unica destinazione italiana tra le centinaia possibili, significa che stiamo percorrendo la strada giusta. I nostri vini sono davvero i frutti di un territorio unico al mondo, come ha sottolineato Kerin O’Keefe“.

L’elenco delle 10 destinazioni del 2019 scelte da WINE ENTHUSIAST

Tasmania, Australia

Temecula Valley, California

Thessaloniki, Grecia

Maipo Valley, Cile

Beaujolais, Francia

Garda, Italia

Lisbona, Portogallo

Seattle, Washington

Lavaux, Svizzera

Bangkok, Thailandia

 

Condividi L'Articolo

L'Autore

Redattore