Food Meets Hope by S.Pellegrino al 50 Best Recovery

Summit sul futuro del mondo enogastronomico dopo la pandemia: avrà luogo martedì 13 ottobre via web come evento di lancio del Recovery Summit

di Donato Troiano

Ultima Modifica: 12/10/2020

Prosegue la campagna #SupportRestaurants, il programma di azioni concrete che S.Pellegrino ha ideato per accompagnare il periodo di riapertura della ristorazione. L’acqua minerale, partner internazionale del fine dining, ha annunciato, come prossimo step della campagna, l’evento digitale Food Meets Hope, ideato per raccontare storie positive di rinascita, ripresa e rinnovamento dei ristoranti ed esplorare come il settore gastronomico possa ancora prosperare. Food Meets Hope, che avrà luogo martedì 13 ottobre come evento di lancio del Recovery Summit promosso da 50 Best Restaurants, riunirà la comunità enogastronomica globale con l’obiettivo di condividere le migliori pratiche per affrontare la crisi dovuta alla pandemia.

Il webinar, trasmesso in diretta sul canale Facebook di The World’s 50 Best Restaurants e su finedininglovers.com a partire dalle ore 16, affronterà tre diversi temi:

Recovery: la prima sessione vedrà protagonisti ristoratori che hanno ricevuto sovvenzioni dal programma 50 Best Recovery; sarà l’occasione per celebrare la progressiva ripresa nel mondo gastronomico attraverso gli interventi di chef internazionali che spiegheranno il valore rappresentato per loro dalla donazione, in un periodo così complesso e delicato;

Inclusivity: la seconda sessione, costituita da un panel di chef tra cui figureranno Daniela Soto-Innes, chef del Cosme a Manhattan, e Ivan Brehm del Nouri di Singapore, sarà una riflessione sulla cultura culinaria e sulle prospettive di un atteggiamento inclusivo nei ristoranti, con l‘obiettivo di contribuire a sviluppare un settore dell’ospitalità diverso;

Evolution: la terza sessione ospiterà una discussione tra alcuni dei più rinomati top chef del mondo – tra cui Richard Ekkebus chef del ristorante Amber a Hong Kong, Dominique Crenn del tristellato Atelier Crenn a San Francisco, Tim Raue dell’omonimo ristorante a Dublino – che condivideranno i loro pensieri sulla riapertura e lo sviluppo di un modello più sostenibile dal punto di vista aziendale, sociale e ambientale.

Per offrire uno sguardo più approfondito sulle tematiche della riapertura, degli insegnamenti del lockdown, della sostenibilità e dell’inclusività, S.Pellegrino lancerà anche Vision of Recovery Insta Live Series, un programma di interviste con top chef, tra cui Daniel Humm, chef dell’Eleven Madison Park di New York, e Bjorn Frantzén chef del Frantzen a Stoccolma, che sarà ospitato durante i 3 giorni del Summit sul canale instagram di The World’s 50 best.

Il commento di Stefano Bolognese, direttore dell’International Business Unit Sanpellegrino

Il settore della gastronomia in tutto il mondo è stato scosso dagli eventi del 2020, ma crediamo che, unita, la nostra industria sia forte e resiliente. Per questo motivo, a inizio anno, abbiamo lanciato la Campagna #SupportRestaurants per essere al fianco della comunità gastronomica in tempi così impegnativi. All’insegna del nostro impegno per aiutare la ripresa del settore, siamo orgogliosi di far parte del Summit 50 Best for Recovery con il nostro evento Food Meets Hope, per offrire la possibilità di discutere, imparare, condividere esperienze e contribuire attivamente a plasmare l’industria di domani in maniera positiva”.

Food Meets Hope è uno degli elementi principali del Recovery Summit che includerà anche i seguenti eventi:

50 Best Masterclasses, con chef e bartender internazionali top che illustreranno piatti e cocktail in abbinamento per una curiosa audience a casa;

#50BestTalks, presentato da Miele, durante il quale opinion leader del settore discuteranno di come gli ultimi avvenimenti stiano trasformando ciò che mangiamo:

New Horizons, un’esplorazione sul futuro del fine dining, dell’inclusività e dell’accettazione.

Maggiori dettagli sul programma, con gli appuntamenti e la piattaforma da cui seguire l’evento, saranno disponibili sul sito S.Pellegrino e sul sito 50 best For Recovery.

Condividi L'Articolo

L'Autore