Gelato all’extravergine di Intosso di Caprafico, capolavoro del gusto targato Abruzzo. A Host Milano

di Redazione Informacibo

Ultima Modifica: 27/10/2017

di Jolanda Ferrara
Delizioso, dietetico, salutare, raffinato, esclusivo, innovativo. Cosa chiedere di più al gelato artigianale all'olio extravergine di oliva? Di fare di golosità virtù. Detto fatto, è andato sul sicuro Elvan Di Blasio scegliendo per il suo gelato la ricercata linea di agrumati dell'agricola Tommaso Masciantonio (Casoli).
Un nome che evoca qualità assoluta nel panorama olivicolo abruzzese, con il raro monovarietale di intosso (presìdio Slow Food) dell'altopiano di Caprafico, ai piedi della Maiella. In testa ai concorsi internazionali, l'olio del Trappèto di Caprafico quest'anno spicca tra i top 20 nella guida Flos Olei per il migliore extravergine di oliva da agricoltura biologica e Dop/Igp.

Tra le novità di Host Milano più di un'emozione ha riservato lo spazio dimostrativo gestito dal mastro gelatiere pescarese per conto della slovena Valtek, azienda all'avanguardia con il primo macchinario a risparmio energetico per fare il gelato.

In tre giorni consecutivi di fiera, Elvan Di Blasio (titolare delle gelaterie A Modo Mio, 2 Coni Gambero Rosso) ha offerto in degustazione pallette e coppette di gelato a base di pregiato intosso di Caprafico, puro e variegato. Con l'olio agrumato al limone, al cedro, all'arancia (squisito sulla base di cacao lavorato a caldo, sempre a base olio), aromatizzato al basilico (vasanicòla), e perfino al peperoncino (perfetto nel gusto di cioccolato fondente).

Strepitosi gusti gourmet che Elvan vorrà offrire in degustazione nelle sue gelaterie a Pescara (via Fabrizi angolo via Trento) e Cappelle sul Tavo (località Terrarossa) per la festa di Ognissanti, martedì 31 ottobre e mercoledì 1 novembre.

Come per le emulsioni naturali impiegate dagli chef dell'alta cucina, trattandosi di spume a base di latte, olio, acqua e sale, non è un gelato da banco e va consumato piuttosto rapidamente nell'arco di un paio d'ore. Fondamentale e necessaria, conferma il mastro gelatiere, è l'assoluta freschezza degli ingredienti di base: latte, eventualmente panna, e olio extravergine d'oliva di prima spremitura.

Solo con l'olio nuovo, fresco di macinatura – quest'anno la raccolta, in pieno svolgimento, annuncia un olio di sicura eccellenza – è possibile esaltarne fragranza, colore e profumi nel gelato, lasciando inalterati i preziosi antiossidanti naturali di cui quell'olio è ricco. Perciò un gelato nobile e salutare.

Nel caso dell'intosso prodotto da Masciantonio, il gelato può dirsi perfetto (come quello fatto da Elvan) quando saprà esaltare l'intenso, armonico bouquet di amaro e piccante, il gusto avvolgente ed elegante, unico, dell'olio di base.

Gelato da intenditori, perfetto da accostare a crudi di mare e finger food di pesce, in apertura, intermezzo o chiusura di un pranzo importante. Gelato d'autore, esempio riuscito di alto artigianato gastronomico combinato a savoir faire tutto abruzzese.

Un'accoppiata vincente, Masciantonio e Di Blasio, intesa rinnovata e consolidata a distanza di qualche tempo dalla prima indovinata uscita sul palco Sol &Agrifood al Vinitaly 2015.

L'esplorazione nei gusti del territorio è una costante di Elvan Di Blasio, diplomato alla Boscolo Etoile di Venezia, agrigelatiere in continua evoluzione, pronto a mettersi in gioco con frutta di stagione e sapori tipici a km zero. In arrivo, dal suo laboratorio, gelato ai gusti autunnali , cachi e castagne.

E un nuovo dessert natalizio, gelato al torrone bianco Nurzia e liquore di genziana prodotto in Abruzzo, “Contrasto dolce-amaro assicurato, una sfida al più impegnativo dei menu delle feste” spiega il maestro. Per il prossimo anno nuovi gusti gourmet, anche da banco. Pesto di pistacchio, di nocciole, di mandorla d'Avola, a base extravergine di oliva. Meno zuccheri, più fibra, più leggerezza, più qualità. Come dire, è sempre l'ora del gelato.

Condividi L'Articolo

L'Autore

Capo Redattore