fbpx

Il Consorzio Parmigiano Reggiano dona un’ambulanza all’Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna

Quella di oggi è stata l’ultima di quattro ambulanze che i caseifici del Consorzio hanno donato a ciascuna delle province di Reggio Emilia, Parma, Modena e, appunto, Bologna

di Donato Troiano

Ultima Modifica: 28/01/2021

I caseifici del Consorzio Parmigiano Reggiano hanno donato un’ambulanza all’Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna. La consegna del mezzo è avvenuta oggi, giovedì 28 gennaio, alla Centrale Operativa 118 Emilia Est, Ospedale Maggiore di Bologna. Erano presenti Angelo Romagnoli, presidente della Sezione di Bologna del Consorzio, Guglielmo Garagnani, vice presidente vicario del Consorzio, Riccardo Deserti, direttore del Consorzio Parmigiano Reggiano, Paolo Bordon, direttore generale dell’Azienda USL di Bologna con Giovanni Gordini, direttore del Dipartimento Emergenza.

L’ambulanza, del valore di 150 mila euro, presterà servizio di assistenza e di soccorso nel territorio del Comune di Bologna. Dotata delle più avanzate tecnologie per il monitoraggio e la cura di pazienti critici, l’ambulanza è stata corredata anche da un ventilatore polmonare di ultima generazione, in grado di assistere pazienti affetti da gravi insufficienze respiratorie.

Quella di oggi è stata l’ultima di quattro ambulanze che i caseifici del Consorzio hanno donato a ciascuna delle province di Reggio Emilia, Parma, Modena e, appunto, Bologna. All’Ospedale di Mantova – quinta provincia, a completamento dell’area di origine della Dop – è stato invece consegnato un mezzo di trasporto coibentato e installata l’infrastruttura per la telemedicina nel blocco B dell’Ospedale stesso.

Le dichiarazioni il presidente del Consorzio, Nicola Bertinelli e di Paolo Bordon, direttore generale dell’Azienda Usl di Bologna

Una donazione quanto mai necessaria in questo momento – afferma il presidente del Consorzio, Nicola BertinelliIl Parmigiano Reggiano ha sempre potuto contare sul supporto degli italiani, mi riferisco al terribile terremoto che colpì l’Emilia nel 2012 così come al periodo di lockdown, in cui i consumatori non ci hanno mai abbandonato. Con questo gesto intendiamo restituire un po’ di quella fiducia che in certi momenti appare smarrita, mettendo a disposizione un mezzo che sarà d’aiuto a tutta la nostra comunità”.

“Gesti come questo sono importanti e ne siamo grati- è il commento di Paolo Bordon, direttore generale dell’Azienda Usl di Bologna – soprattutto in una situazione di emergenza sanitaria quale quella che il mondo sta vivendo da oltre un anno. Testimonianza dell’impegno e della solidarietà concreta di una realtà, il Consorzio Parmiggiano Reggiano, di eccellenza internazionale e, al tempo stesso, del rapporto di fiducia della comunità nei confronti del Servizio Sanitario, ed in particolare del 118 regionale, anch’esso una eccellenza di rilievo sovranazionale”.

Condividi L'Articolo

L'Autore