Il premier Giuseppe Conte: “Nuovo decreto per altri 50 miliardi”

Al via un piano in cinque punti per affrontare una fase 2 che si preannuncia complessa e delicata

di Donato Troiano

Ultima Modifica: 21/04/2020

Oggi pomeriggio il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha tenuto, prima al Senato e poi alla Camera, un’informativa sulle recenti iniziative del Governo per fronteggiare l’emergenza Covid-19.

I punti da sottolineare: ci sarà un nuovo decreto di almeno 50 miliardi e un piano in cinque punti: l’uso delle mascherine fino a quando non sarà trovato un vaccino, il rafforzamento delle reti sanitarie, lo sviluppo di ospedali Covid, l’uso corretto dei test, la mappatura dei contatti sospetti.

Le parole del premier Giuseppe Conte nell’informativa

“Dobbiamo potenziare ulteriormente la nostra risposta di politica economica. Per tale ragione, in aggiunta ai 25 mld di euro già stanziati con il ‘Cura Italia’, il governo invierà in brevissimo al Parlamento un’ulteriore relazione contenente la richiesta di scostamento dagli obiettivi di bilancio pari alla cifra ben superiore a quella stanziata a marzo. Una cifra davvero consistente, non inferiore a 50 miliardi di euro che si aggiungeranno ai 25 mld già stanziati per un intervento complessivo non inferiore ai 75 miliardi di euro”.

Un’informativa che “mi consente di offrire al Parlamento un quadro compiuto delle più recenti iniziative che il governo ha adottato sul piano interno e un aggiornamento sulle iniziative che, a livello europeo, sono in programma per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covis-119.  Questo passaggio viene compiuto nella chiara consapevolezza, di chi vi parla ma anche dell’intero governo, della necessità di coinvolgere appieno il Parlamento” ha sottolineato il presidente del Consiglio.

La pandemia ha costretto a misure di estrema urgenza adottate sempre nel rispetto dei principi di massima precauzione e di proporzionalità – ha rimarcato Conte – In ogni più delicato passaggio, ho sempre avuto la massima premura affinché fosse preservato il delicato equilibrio fra i molteplici valori coinvolti, tutti di rango costituzionale, e affinché fosse assicurato che i diversi organi costituzionali, ciascuno espressione di irrinunciabili garanzie, fossero coinvolti nella misura più ampia possibile, soprattutto a tutela del principio supremo di democraticità che informa di sé l’intero ordinamento giuridico”.

Aprire buona parte delle attività produttive e commerciali tenendo sotto controllo la curva del contagio

“Non ci sfugge la difficoltà per i cittadini di continuare ad osservare limitazioni profonde che hanno modificato le nostre vite. Il ritorno alla normalità è un’aspirazione comprensibile di tutti” ha detto il presidente del Consiglio. “Stiamo elaborando un programma di progressive aperture omogeneo su base nazionale  e che ci consenta di aprire buona parte delle attività produttive e commerciali tenendo sotto controllo però la curva del contagio, in modo da intervenire laddove questa si innalzi oltre una certa soglia, soglia che non pensiamo debba essere formulata in termini astratti ma che vogliamo sia commisurata alla ricettività delle strutture ospedaliere di riferimento”.

“Si prospetta adesso una fase molto complessa” nella quale si procede “ad un allentamento delle restrizioni che riguardano attività produttive e commerciali. Stiamo facendo il possibile per preservare l’efficienza del tessuto produttivo. Riaprire ma sulla base di un piano ben strutturato articolato che prevede una nuova organizzazione del lavoro, di trasporti e di tutte le attività connesse”.

“Una volta completato questo programma, lo discuteremo con tutti i soggetti interessati: enti locali, imprese, sindacati. Si tratta di uno dei passaggi più sensibili. Siamo consapevoli che un’imprudenza, un’avventatezza in questa fase può compromettere tutti i sacrifici che con responsabilità e disciplina abbiamo affrontato fin qui“.

Conte ha spiegato inoltre che “il governo si sta adoperando perché siano rafforzati tutti i servizi di prevenzione e sta sollecitando una rinnovata integrazione tra le politiche sanitarie e quelle sociali, con particolare attenzione a case di cura e residenze sanitarie assistenziali, dove si è verificata, purtroppo, un’esplosione incontrollata dei contagi, specialmente in alcune aree del Paese”.

La risposta sanitaria all’emergenza in 5 punti

Il premier ha tracciato la risposta sanitaria all’emergenza, in 5 punti, elaborata dal governo per fronteggiare il Covid-19: “Mantenere e far rispettare, a tutti i livelli, le misure per il distanziamento sociale e promuovere l’utilizzo diffuso dei dispositivi di protezione individuale, fino a quando non saranno disponibili una specifica terapia e un vaccino”.

APP la mappatura dei contatti sospetti

Inoltre, occorre un “rafforzamento della strategia di mappatura dei contatti sospetti, il cosiddetto contact tracing, e di teleassistenza con l’utilizzo delle nuove tecnologie. L’immediatezza nella individuazione dei contatti stretti dei casi positivi e il loro conseguente isolamento sono cruciali per evitare che singoli contagiati possano determinare nuovi focolai. Per questo, un’adeguata applicazione informativa direttamente disponibile su smartphone è uno strumento essenziale per accelerare tale processo”.

Maggioranza e di minoranza costantemente informati

“Ho dato indicazioni affinché i capigruppo, di maggioranza e di minoranza  siano costantemente informati su questo processo applicativo. Io stesso mi riservo, in una fase più avanzata, di riferire puntualmente alle Camere sui dettagli di questa applicazione, nella consapevolezza che il coinvolgimento del Parlamento deve essere pieno e stringente, essendo coinvolti diritti costituzionali fondamentali, come la dignità della persona, il diritto alla riservatezza e all’identità personale, come pure la tutela della salute pubblica e, non ultima, l’esigenza di proteggere un asset informativo di primaria importanza nella logica degli interessi strategici nazionali”. <

INFORMACIBO E ADNKRONOS

Al fine di contribuire alla divulgazione di informazioni certe e verificate in merito al coronavirus per arginare allarmismi ingiustificati e il dilagare di fake news, Informacibo grazie a  Adnkronos   mette periodicamente  A DISPOSIONE DEL LETTORE un’informazione di assoluta qualità in un ambito tanto delicato come la sanità e il benessere delle persone, in un momento di difficoltà per tutto il paese, le istituzioni, le imprese e i cittadini.

Condividi L'Articolo

L'Autore