La ministra Teresa Bellanova: “cabina di regia nazionale per il vino”

La ministra in Puglia ha partecipato al convegno "Nuova agricoltura, identità territoriale, tutela del paesaggio e dell'ambiente"

di Donato Troiano

Ultima Modifica: 09/11/2019

Carico di nuovi gusti, profumi e novità, è in corso a Leverano, in provincia di Lecce, la 22esima edizione di “Novello in Festa”.

Le celebrazioni in onore del vino novello sono cominciate venerdì pomeriggio nel Chiostro del Convento di Santa Maria delle Grazie, cornice incantevole che ospita il Salone dei vini e novelli.

In serata il taglio ufficiale del nastro e l’apertura degli stand gastronomici. Oggi si è svolto il convegno “Nuova agricoltura, identità territoriale, tutela del paesaggio e dell’ambiente” con la ministra delle politiche agricole Bellanova.

Le dichiarazione della ministra Teresa Bellanova

La ministra delle Politiche agricole, Teresa Bellanova, incontrando alcune imprese prima di intervenire al convegno “Nuova agricoltura, identità territoriale, tutela del paesaggio e dell’ambiente” ha detto: “Abbiamo definito un protocollo d’intesa per semplificare e sbloccare i reimpianti degli ulivi. Rimuoviamo il vincolo paesaggistico e consentiamo ai proprietari dei terreni di impiantare di nuovo gli ulivi”.

“Ci siamo riusciti – ha detto Bellanova – grazie al dialogo e all’attenzione del ministero dei Beni culturali e del ministro Franceschini, che voglio qui ringraziare. Sembrava un risultato lontano, sembrava ci volesse una norma, è bastato il buon senso e la voglia di governare affrontando e risolvendo i problemi. Ora, credo sia fondamentale che la Giunta della Regione Puglia dia a sua volta il via libera definitivo lunedì“.

La Ministra Teresa Bellanova intervenendo al Convegno: “con la manovra agricoltura di nuovo protagonista. Sul vino cabina di regia nazionale per il settore

“Il mio impegno è: ridare centralità al settore agricolo e agroindustriale. Con la Legge di bilancio l’agricoltura torna protagonista dell’agenda economica con l’attenzione che merita, pur facendo i conti con la limitazione delle risorse. L’agricoltura e l’agroalimentare possono contare su 600 milioni di euro in più fino al 2022, risorse che si aggiungono a quelle già attive.

L’azzeramento dell’Irpef per chi vive di agricoltura significa quasi 200 milioni di euro che lasciamo alle imprese per investire. E sono orgogliosaha detto la Ministra Bellanovadel segnale che diamo a donne e nuove generazioni. Il Bonus Donna in campo significa 15 milioni di euro per mutui a tasso zero per le imprenditrici agricole. Mentre i giovani che vogliono aprire un’azienda agricola sarà lo Stato a pagare i contributi previdenziali per i primi 24 mesi. Stanziamo anche 30 milioni di euro per il sostegno alle filiere e all’autentico Made in Italy. Per il vino, a cui è dedicata questa manifestazione ormai adulta qui a Leverano, abbiamo approvato la graduatoria per i fondi OCM promozione per 28 milioni di euro di contributi e stiamo costituendo la Cabina di regia nazionale per il settore. Misure importanti che indicano con chiarezza la traiettoria su cui siamo impegnati”.

Condividi L'Articolo

L'Autore