La Mostra, i Capitani d’industria di Parma protagonisti del miracolo economico

“I Ricostruttori” si apre il 14 dicembre ai Voltoni del Guazzatoio ed è il primo grande evento di “Parma Capitale Italiana delle Cultura 2020”, promosso dall’Upi

di Donato Troiano

Ultima Modifica: 02/12/2019

L’Unione Parmense degli Industriali di Parma celebra con una mostra, “I Ricostruttori”, i capitani d’industria di Parma protagonisti, 70 anni fa, del “miracolo economico”.

La presentazione si è svolta oggi, 2 dicembre, a Parma proprio mentre a Milano domani presso Palazzo Mezzanotte (piazza degli Affari) alla presenza del Ministro per i Beni e le Attività Culturale e per il Turismo, Dario Franceschini, si terrà la conferenza stampa di avvio dell’anno di Parma quale Capitale italiana della Cultura 2020.

La confereza stampa alla Borsa di Milano: i partecipanti

A presentare la Mostra di Parma, chiamata “I Ricostruttori”, sono intervenuti oggi Cesare Azzali, direttore dell’Unione Parmense degli Industriali di Parma e Pino Agnetti, curatore della mostra.

Pino Agnetti e Giorgio Azzali

La mostra è il primo grande evento di “Parma Capitale Italiana delle Cultura 2020”

L’inaugurazione, che si presenta come il primo grande evento delle manifestazioni per “Parma Capitale Italiana delle Cultura 2020”, avverrà sabato 14 dicembre 2019 alle ore 17, nel Complesso Monumentale della Pilotta di Parma (nella foto di copertina).

La mostra, promossa dalla Unione Parmense degli Industriali di Parma e curata dallo scrittore e storico Pino Agnetti, vuole rendere omaggio ai grandi capitani d’industria di Parma protagonisti, 70 anni fa, del miracolo economico. Cioè di quella vera e propria rivoluzione industriale che ha cambiato alla radice il volto dell’Italia trovando nella imprenditoria di Parma una serie di interpreti di primissimo piano, l’eredità dei quali continua a vivere in coloro che ne hanno raccolto il testimone portando Parma a un livello di assoluta eccellenza industriale sia in Italia che nel mondo.

Da qui l’attualità della mostra, concepita per trasmettere lo spirito e l’essenza stessa del “fare impresa”, ieri come oggi. E per lanciare da Parma un messaggio positivo rivolto a tutto il Paese

La mostra, allestita nei Voltoni del Guazzatoio e a ingresso libero, resterà aperta fino a tutto il mese di febbraio 2020 (dal martedì al sabato con orario 9:30-12:30 e 15-19; domenica 13-19), offrendo così al pubblico un motivo in più per immergersi nella atmosfera di “Parma 2020” e per visitare il Complesso Monumentale della Pilotta, autentica “porta” e cuore storico, artistico e culturale della città.

Parma 2020, Capitale italiana della Cultura

Conferenza stampa di avvio dell’anno di Parma quale Capitale italiana della Cultura 2020

A Milano la presentazione di Parma 2020, Capitale italiana della Cultura

Condividi L'Articolo

L'Autore