La Notte Rosa di Slow Wine: una grande degustazione di vini rosa

Martedì 28 luglio: appuntamento per tutta Italia grazie al digitale e al delivery

di Donato Troiano

Ultima Modifica: 28/07/2020

Oggi, 28 luglio, è la giornata dei vini ROSA firmata Slow Wine.

L’appuntamento, ideato per festeggiare l’uscita del libro I migliori 100 vini rosa d’Italia, è un’occasione per coinvolgere centinaia di appassionati lungo tutta la penisola.

I migliori 100 vini rosa d’Italia, la nuova guida di Slow Food Editore, arriva in libreria e per celebrare questo momento il gruppo vini di Slow Food organizza una degustazione di vini rosa. 

L’appuntamento è sulla pagina Facebook di Slow Wine martedì 28 luglio alle ore 19

Una grande serata dedicata ai vini rosa e della presentazione del nostro volume i migliori 100 vini rosa d’Italia.

L’appuntamento è sulla pagina Facebook di Slow Wine, oggi martedì 28 luglio alle ore 19 o anche dopo, quando si vorrà, perché il filmato della degustazione guidata è sempre disponibile. Questa modalità di partecipazione digitale, inizialmente dettata dalle necessità di distanziamento dovute al Covid-19, si sta dimostrando una grande occasione per allargare il pubblico dei partecipanti e consentire ai tanti appassionati in giro per l’Italia di coniugare la conoscenza e l’approfondimento “teorico”, grazie alla diretta Facebook, all’indispensabile momento dedicato alla sensorialità e alla convivialità grazie al delivery delle etichette proposte. 

Di che si tratta e come si svolgerà?

Slow Food Editore per il secondo anno consecutivo ha realizzato una guida che raccoglie il meglio del meglio di questa tipologia e ha stilato una classifica di 100 etichette imperdibili (per sapere quali sono clicca qui).

Il 28 luglio si terrà la presentazione in modalità sia fisica sia virtuale (sulla pagina Facebook di Slow Wine).

 In Banca del Vino a Pollenzo (CN) ci sarà la degustazione di 6 etichette:

Tenuta Terraviva  – Cerasuolo d’Abruzzo Giusi 2019

Pasini-San Giovanni – Valtènesi Riviera del Garda Cl. Il Chiaretto 2019

Guerrieri Rizzardi – Bardolino Chiaretto Cl. Keya 2019

Le Cinciole – Rosato 2019

Francesco Candido – Salice Salentino Rosato Le Pozzelle 2019

I Custodi delle Vigne dell’Etna – Etna Rosato Alnus 2019

In abbinamento a 4 prodotti tipici dei Consorzi di Tutela dei territori Storici:

Vini d’Abruzzo – Ventricina

Valtenesi – Olio Garda Dop

Bardolino – Monte Veronese di Malga

Salice Salentino – Formaggio Pecorino

Come partecipare?

È sufficiente acquistare (scaricate il modulo cliccando qui) il box contenente 6 bottiglie di vini rosa e la guida a 49 euro (comprese le spese di spedizione), invitare i propri amici, sintonizzarsi sulla pagina Facebook di Slow Wine martedì 28 luglio dalle 19 in poi e farsi guidare da Giancarlo Gariglio e Fabio Giavedoni (curatori della guida) alla scoperta di un mondo di vini estremamente interessante e variegato, ma non ancora molto conosciuto in Italia (i francesi la fanno da padroni): i vini rosa.

 Un viaggio tra i vini ROSA e non ROSATI

Una selezione che vi porterà a conoscere, attraverso un viaggio da nord a sud della penisola, le migliori etichette della categoria. Si parte dall’Abruzzo, con il suo Cerasuolo, e si arriva in Veneto con il bardolino, passando per tutte le zone maggiormente legate alla produzione dei vini rosa.

Per Slow Food il termine vini rosati non è adeguato: Slow Food vi spiega qui perchè

La redazione della guida ha utilizzato questo termine e non il nome più comunemente usato: rosati. Perchè?

Il gruppo vino di Slow Food, che nonostante le difficoltà del Covid-19 con caparbietà ha portato avanti la seconda edizione della guida I Migliori 100 Rosa d’Italia, ritiene che il termine rosato sia inadeguato per due motivi.

Scopriamo il perché secondo i curatori della Guida Giancarlo Gariglio e Fabio Giavedoni:

«Il primo è legato alla semantica dei colori. È vero e inconfutabile che i vini rossi sono di colore rosso; qualche problema di definizione sorge con i vini bianchi, perché questi sono in genere di colore giallo e non propriamente bianco. Comunque sia, se i rossi riportano al colore rosso, e i bianchi al colore bianco, perché i vini rosa vengono definiti rosati, quando questo termine non definisce il colore, che per tutti è rosa e non rosato (la rosa è rosa, la cravatta è rosa, l’auto è rosa, tutto è rosa se colorato di questo colore: nulla viene definito di colore rosato)?

Il secondo motivo riguarda invece la confusione che si potrebbe creare quando si comprende la totalità dei vini prodotti di colore rosa: molti di questi vengono definiti in etichetta Rosati (siano essi Doc, Igt o Vini da Tavola), ma altri invece si chiamano Chiaretto, oppure Cerasuolo, perché la tradizione e la legge vigente li definisce in questo modo. Se adottassimo il termine rosato per definire ogni vino rosa escluderemmo in sostanza queste altre denominazioni, che invece a pieno titolo entrano nel fantastico e variegato mondo dei vini rosa».

Per facilitare la degustazione e farci entrare in questo settore vinicolo con il vino si riceve a casa I migliori 100 vini rosa d’Italia: non solo una guida delle migliori 100 etichette rosa d’Italia (completa di schede con il racconto della cantina e le caratteristiche del vino segnalato) che si possono trovare sul mercato quest’anno, ma anche una sorta di manuale della tipologia. Ci sono storia, geografia, ampelografia e consigli quotidiani, che possono tornare estremamente utili per acquistare e bere un rosa. 

Giunti a questo punto non ci resta che procedere all’acquisto, preparare i calici e lasciarci ispirare dai 6 magnifici vini proposti, ovviamente tutti tinti di rosa! 

Buona degustazione!

La degustazione è stata realizzata in collaborazione con il Consorzio di Tutela Chiaretto e Bardolino, Consorzio di Tutela Vini Dop Salice Salentino, Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo e Consorzio Valtènesi.

Condividi L'Articolo

L'Autore