Le grandi tenute dei Frescobaldi

di Emanuele Scarci

Ultima Modifica: 29/01/2020

Frescobaldi, uno dei maggiori produttori italiani di vino di qualità. Nel 2018 è rientrato nella classifica delle cantine italiane Top 15 per fatturato.
La rete del gruppo conta su varie tenute tra Toscana e Friuli con 1.300 ettari di vigneto: la maggior estensione in Toscana di un produttore.

Tenuta di Perano

Si colloca nel cuore del Chianti classico, nel comune di Gaiole, in una situazione pedoclimatica particolare. I vigneti sono posti a 500 metri sul livello del mare, altimetria quasi limite per varietà rosse e in particolare per il Sangiovese che ha maturazione tardiva. Anfiteatro naturale, per catturare la luce. Suoli drenanti e ricchi di pietre. Dalla parte dei terreni ricchi di scheletro, si produce Rialzi, Chianti classico gran selezione. Tenuta Perano Riserva invece mostra l’espressione elegante del Sangiovese.

Castello Pomino

 

Il Castello Pomino, sul medio versante della Valle della Sieve, vanta 500 anni di storia. Conta circa 1.500 ettari, di cui 108 di vigneto. A Pomino si coltivano Sangiovese, Chardonnay, Pinot Nero, Pinot Bianco, Riesling, Gewurztraminer e Moscato. I vini prodotti a Pomino sono il cru Pomino Benefizio Riserva (da uve Chardonnay), Pomino Bianco, Pomino Pinot Nero, Pomino Vinsanto.

Castello di Nipozzano

La storia di Nipozzano comincia all’epoca della conquista romana. Situato nel cuore del Chianti Rufina a 30 km da Firenze. Il Castello vanta ben 300 ettari di Sangiovese, Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot e Syrah. A Nipozzano si producono il Nipozzano Riserva Chianti Rufina (tutti 100% Sangiovese), i cru Montesodi (Chianti Rùfina Riserva Docg) e Mormoreto.

Tenuta Castiglioni

E’ la tenuta storica della Marchesi de’ Frescobaldi, dove si produce vino fin dal 1300. Situata nella Val di Pesa, nel Chianti Colli Fiorentini, ha quasi 150 ettari di vigneto a 200 metri. Castiglioni reca lo stemma nobiliare della famiglia Frescobaldi: la corona, lo scudo e i tre rocchi. Il Tenuta di Castiglioni è il vino simbolo della cantina, prodotto da uve Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc e Sangiovese (con la presenza di piccole quantità di Merlot e Petit Verdot).

Tenuta Castel Giocondo

Una roccaforte del 1100, situata sulle colline di Montalcino, ha 235 ettari coltivati a vigneto: prevalgono Sangiovese e Merlot. 152 ettari sono coltivati a Brunello. La Tenuta di CastelGiocondo è una delle principali aziende di Montalcino. I due vini più rappresentativi sono CastelGiocondo Brunello di Montalcino e il Ripe al Convento Brunello di Montalcino Riserva. La Riserva viene prodotta solo nelle annate più favorevoli e in quantità limitate.

Ornellaia

All’inizio la cantina di Bolgheri era di proprietà della famiglia Antinori. Poi acquisita dal colosso californiano Mondavi, a cui si unì la famiglia Frescobaldi. Nel 2005 i Frescobaldi rilevarano l’intera proprietà e ingaggiarono l’enologo Axel Heinz. Nella tenuta vengono prodotte quattro etichette, lo storico Bolgheri Superiore Ornellaia, classico taglio bordolese; il Masseto, Merlot in purezza ricercatissimo prodotto in limitata quantità; il Bolgheri Rosso Le Serre Nuove, Le Volte e il bianco Poggio alle Gazze. Il vigneto si estende per 97 ettari diviso in due blocchi, la zona storica Ornellaia e quella di più recente costituzione Bellaria.

Attems


La tenuta si estende per 44 ettari a ovest di Gorizia. Un territorio vocato alla viticultura, che già alla fine dell’Ottocento permise al Friuli Venezia Giulia di essere una delle prime regioni viticole italiane. Attems valorizza sia varietà autoctone come Ribolla Gialla e Friulano, sia altri vitigni nobili quali Sauvignon Blanc, Pinot GrigioChardonnay  e Merlot.

Condividi L'Articolo

L'Autore

giornalista