Loison, i Panettoni e il Pandoro al caramello salato: amor a prima vista

Dario Loison esporta i suoi prodotti in 55 paesi e le Università di tutto il mondo studiano il modello-Loison, connubio tra tradizione e innovazione

di Donato Troiano

Ultima Modifica: 24/12/2019

Eccoci al cenone di Natale. Quest’anno si celebra l’apoteosi del panettone, il Dolce più amato nel giorno di Natale e delle feste, per noi ha un nome e un cognome: Dario Loison e la moglie Sonia Pilla, interior designer, che si dedica al lussuoso packaging dei prodotti.

Loison, pasticceria artigianale italiana attiva da tre generazioni, propone ogni anno prodotti di alta classe e proprio per questo non c’è da stupirsi la pioggia di premi che conquista, anno dopo anno.

Ben quattro riconoscimenti ufficiali alle dolci bontà firmate Dario e Sonia sono arrivate dal recente, Merano Wine Festival, (leggere Informacibo) a cominciare dal Panettone Agrumato, preparato con canditi di 5 agrumi (Chinotto di Savona e Mandarino tardivo di Ciaculli – presidi Slow Food – cedro, limone e arancia).

Loison, sulla pagina di Wikipedia uno dei primi articoli di InformaCibo

Loison è attivo sul web da molti anni, tanto che sulla pagina di Wikipedia viene citata la pagina di InformaCibo che gli dedica una pagina all’inizio del secolo. Metà del fatturato di Loison è frutto dell’export dei suoi prodotti in 55 Paesi e molto lo deve proprio al web. Da sottolineare che le Università di tutto il mondo studiano il modello-Loison, connubio tra tradizione e innovazione.

I panettoni Loison sono riusciti a conquistare Buckingham Palace fino ad arrivare in Vaticano, prima con Wojtyla ed ora con Papa Francesco.

Inoltre, se in questi giorni passate al “Bistrò” della stazione centrale di Milano, il nuovo concept di Autogrill sviluppato in collaborazione con L’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, troverete una “mare” di Panettoni Milano sempre firmati Loison (nella foto di copertina).

Ma al di là dei panettoni in questa vigilia di Natale vi proponiamo il fratello minore del ben noto Panettone, il Pandoro Loison.

IL PANDORO AL CARAMELLO SALATO

Il pandoro per gli appassionati del dolce della tradizione veronese, la sua sublime sofficità non ha eguali sia in versione classica che in quella farcita, a cui quest’anno si è aggiunta la ghiotta novità della crema al “Caramello salato”.

Sulla scia del grande successo che ha travolto il panettone Nerosale, novità 2018, Dario Loison ha ben pensato di restituire ulteriore gioia anche per gli amanti del pandoro, ma con buon gusto perché Dario lo sa: non si stravolge la natura di una ricetta già di per sé calibrata, bisogna saper dosare e stare attenti ai “troppo” e ai “troppo poco”. Ha così realizzato un Pandoro inimitabile dove ogni morso inviterà ad assaggiarne ancora… ancora… ancora.

CARAMELLO SALATO – UNA RICETTA TOTALMENTE MADE IN LOISON

La crema di caramello salato che farcisce il Pandoro è 100% Made in Loison e non sono utilizzati prodotti semilavorati aggiunti. La ricetta, firmata Dario Loison, ha sapientemente bilanciato il dosaggio tra dolce e salato, in cui l’uno non sovrasta l’altro, ma insieme irrompono in un gusto vivace e significante.

Buon Natale e Buon Anno a Dario e Sonia Loison e a tutti gli amici delle sue bontà!

Chi lavora con le mani è un lavoratore
chi lavora con le mani e la testa è un artigiano
chi lavora con le mani, la testa e il cuore è un artista
(San Francesco d’Assisi)

Condividi L'Articolo

L'Autore