Arriva dai colli di Bergamo il migliore spumante rosè della Lombardia

di Redazione Informacibo

Ultima Modifica: 22/12/2015

Roma 22 dicembre 2015. Il migliore spumante rosato della Lombardia si produce sui colli bergamaschi di Adrara San Martino ed è firmato dall’azienda agricola biologica Colletto. Il verdetto arriva dalla quarta edizione del Concorso Nazionale dei Vini Rosati d’Italia, la cui premiazione si è svolta lunedì 21 dicembre nella prestigiosa cornice dell’Hotel Rome Cavalieri di Roma, durante un evento-spettacolo condotto dai giornalisti Fede e Tinto di Decanter (Radio 2) alla presenza dei soci della Fondazione Italiana Sommelier e della stampa di settore.

Nato per iniziativa della Regione Puglia – il territorio più blasonato per produzione di vini rosati d’eccellenza – in collaborazione con Accademia Italiana della Vite e del Vino, Assoenologi nazionale e Unionecamere Puglia, la competizione ha visto confrontarsi oltre 250 etichette rappresentative delle diverse anime rosa dell’enologia italiana.
A conquistare la medaglia di bronzo nella categoria “Spumanti rosati Igt e Vsq” è stato lo Spumante di qualità brut rosé Metodo Classico millesimato 2009 della Cantina Colletto, un Pinot nero in purezza affinato 48 mesi sui lieviti che ha fatto breccia tra i nasi e i palati esperti delle commissioni di degustazione grazie a un profilo estremamente elegante. La medaglia conquistata dall’azienda agricola di Adrara San Martino è l’unico riconoscimento ottenuto dall’enologia lombarda durante la degustazione alla cieca (campioni esaminati in forma anonima) che nelle diverse categorie in gara tra vini spumanti, fermi e frizzanti ha portato ad assegnare complessivamente 19 medaglie.

Buona la prima – Grandissima è la soddisfazione della cantina biologica Colletto per aver ottenuto un prestigioso riconoscimento nazionale al primo tentativo. Il 2009 infatti è stata la prima vendemmia della cantina, nata l’anno precedente con l’acquisto da parte di Graziana Picchi e del padre Duilio di una casa padronale circondata da dieci ettari di vigneti, uliveti e bosco in uno dei terroir più vocati della Lombardia, nel quale hanno dato vita a un ambizioso progetto di viticoltura e accoglienza turistica all’insegna dell’ecosostenibilità. “Siamo davvero contenti per questo premio che ci permette di far conoscere a livello nazionale un vino su cui puntiamo molto – commentano Graziana e Duilio Picchie, allo stesso tempo, ci incoraggia a proseguire con convinzione lungo la strada della massima selezione delle uve in vigna e dell’agricoltura biologica per valorizzare un angolo della Lombardia che non ha nulla da invidiare per qualità e potenzialità ad altre zone più conosciute”.

Il vino premiato – Lo Spumante di qualità brut rosé Metodo Classico millesimato 2009 della Cantina Colletto nasce dalle uve di Pinot nero coltivate su terrazzamenti di vigna esposti a sud a 460 metri di altitudine, su un terreno rosso ricco di ferro, calcare e marne. Affinato 48 mesi sui lieviti, ha un colore rosato con riflessi tendenti alla buccia di cipolla e un perlage fine e persistente. Al naso profumi di frutta rossa e crosta di pane sono impreziositi da sentori speziati di liquirizia e vaniglia, che ritornano in bocca ravvivati da una piacevole freschezza per un sapore elegante e persistente.

Condividi L'Articolo

L'Autore

Capo Redattore