fbpx

Il conto del Covid su ristoranti e alberghi: persi oltre 38 miliardi di euro

di Oriana Davini

Ultima Modifica: 14/04/2021

Porte chiuse, tavoli vuoti e serrande abbassate: l’ultimo biennio sarà molto difficile per ristoranti e alberghi, che tra coprifuoco e limitazioni agli spostamenti pagheranno un conto salato.

L’Osservatorio sui Bilanci 2019 del Consiglio e della Fondazione Nazionale dei Commercialisti ha condotto una simulazione per stimare l’importo della perdita di ricavi sul comparto, tenendo conto degli andamenti congiunturali di settore del 2020 rilevati da Istat e Mef e delle proiezioni sul 2021, a loro volta elaborate in base alla stagionalità del comparto turistico e all’impatto delle misure restrittive adottate dal governo nei primi tre mesi dell’anno.

Il risultato è impietoso.

L’andamento dei ricavi

effetti covid sui ristoranti

Sono 38,5 miliardi di euro i ricavi persi da un comparto che nel 2019 fatturava 90 miliardi di euro e occupava direttamente un milione e mezzo di persone.

La simulazione è stata condotta su un campione di 75mila società con oltre 670mila dipendenti e 49 miliardi di fatturato al 2019 (la metà del fatturato generale di tutto il comparto) e i numeri parlano chiaro.

In dettaglio, le 19.729 società di alloggi analizzate negli ultimi due anni hanno registrato i seguenti ricavi:

  • 2019: 18,6 miliardi
  • 2020: 9,2 miliardi
  • 2021: 10,6 miliardi

Ovvero, una perdita di 17,4 miliardi di ricavi nel biennio.

Stesso trend nel comparto della ristorazione, dove sono rientrate nel campione 54.701 società con i seguenti ricavi:

  • 2019: 29,5 miliardi
  • 2020: 17,8 miliardi
  • 2021: 20,9 miliardi

Anche in questo caso, una perdita di 21 miliardi di euro.

La ripresa nel 2021

ristoranti Covid

Se il 2020 è stato un anno terribile, nel 2021 è prevista un’inversione di tendenza.

I fatturati continueranno a essere in perdita rispetto a un anno di crescita come il 2019, quando le Srl del comparto alloggi e ristorazione erano cresciute del 6,3% sul fronte ricavi e dell’1,4% per quanto riguarda gli addetti.

Entro la fine dell’anno, dicono i dati dell’Osservatorio, le imprese di alloggi e ristorazione fattureranno il 35% in meno rispetto al 2019, in ripresa rispetto al calo del 44% registrato nel 2020. Cifre che saranno positivamente influenzate da un forte recupero atteso nel terzo trimestre e che in alcuni casi potrebbe raggiungere il 90% dei livelli pre-Covid, almeno per i ristoranti visto sui conti di alberghi e affini peserà ancora l’assenza di turisti dall’estero.

Condividi L'Articolo

L'Autore

giornalista

Giornalista specializzata in turismo e itinerari enogastronomici