Elior resta a fianco della Casa di Francesco di Gallarate

Garantita la fornitura di pasti agli ospiti della struttura di accoglienza fino alla fine dell’emergenza Coronavirus

di Alessandra Favaro

Ultima Modifica: 24/03/2020

Elior, gruppo tra i leader della ristorazione collettiva in Italia, sostiene i piccoli territori e li aiuta ad affrontare l’emergenza Coronavirus. Dopo aver donato 5000 pasti in atmosfera protetta alle famiglie over 64 di Casalecchio di Reno, ora sostiene gli ospiti de la Casa di Francesco a Gallarate (in provincia di Varese), struttura che accoglie persone in difficoltà abitativa, attraverso la fornitura gratuita di pasti fino a fine emergenza.

La mensa solidale cittadina aveva chiuso per mantenere le persone in sicurezza e non diffondere la possibilità di contagio. Come garantire pasti ai più bisognosi in totale tranquillità? Qui è entrata in gioco l’azienda che ha dunque fornito supporto ai responsabili della Casa di Francesco, gestita dalla cooperativa sociale Intrecci, all’interno dell’accordo quadro siglato dall’azenda con Consorzio Farsi Prossimo nel 2017.

Elior è tra le aziende che prima dell’inizio dell’emergenza si erano dette pronte a garantire pasti sicuri a lavoratori e chi ne avesse bisogno, come aveva dichiarato il comunicato congiunto di Angem, L’associazione nazionale delle aziende della Ristorazione Collettiva.

In quel caso si parlava dei lavoratori, ma le tecniche di sicurezza e isolamento messe in campo per produrre pasti equilibrati e igienicamente ineccepibili, sono diventate strategiche anche per venire incontro alle esigenze delle categorie più deboli.

I pasti distribuiti sono preparati con moderne tecniche di cottura che consentono di realizzare piatti freschi, leggeri e gustosi preservandone le caratteristiche nutrizionali. In seguito sono confezionati in atmosfera protetta (ATP), in grado di garantire un un prodotto fresco e naturale con una shelf-life di circa 10 giorni senza l’uso di conservanti o additivi.

“In un momento particolarmente delicato per il nostro Paese abbiamo raccolto con senso del dovere e responsabilità la richiesta di aiuto della Casa di Francesco, nello spirito di solidarietà nei confronti delle comunità in cui operiamo che da sempre caratterizza la nostra attività d’impresa. La nostra vicinanza al territorio si traduce anche in iniziative concrete finalizzate al sostegno delle persone più deboli, garantendo non solo un bene primario come il cibo, ma anche e conforto e speranza”  sottolinea Rosario Ambrosino, Amministratore Delegato di Elior.

Condividi L'Articolo

L'Autore

giornalista