Gli Stati generali dell’olio a Siena

Tra i temi in discussione: turismo del cibo e dell'olio, ruolo strategico del paesaggio rurale olivicolo, importanza dell'identità territoriale

di Donato Troiano

Ultima Modifica: 22/11/2019

Siena sarà per tre giorni capitale dell’olio. La città del Palio ospiterà per tre giorni, il 29, 30 novembre e il 1 dicembre gli Stati Generali dell’Olio, in occasione delle celebrazioni del 25° anno di attività dell’Associazione città dell’Olio.

Tanti i temi al centro dell’incontro per fare il punto sul settore olivicolo.

Oggi, 22 novembre, si è svolta la presentazione a Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze con l’assessore regionale all’agricoltura Marco Remaschi, il vice presidente vicario dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio Marcello Bonechi, il direttore dell’Associazione Antonio Balenzano ed il vice presidente vicario di Chianti Banca Roberto Mugnaini.

Turismo del cibo e dell’olio, ruolo strategico del paesaggio rurale olivicolo, importanza dell’identità territoriale, visione dell’olio come cultura e stile di vita, produzione, marketing ed educazione scolastica e formazione saranno i temi dibattuti dai massimi esperti per ciascuna materia all’interno dei sei panel tematici. Gli Stati Generali dell’Olio avranno come tema centrale cultura, identità, territorio, qualità e sviluppo sostenibile e saranno propedeutici all’espressione delle linee guida da inserire nell’Agenda 2030 delle Città dell’Olio.

Il commento dell’assessore regionale all’agricoltura Marco Remaschi

L’olio toscano – ha detto Remaschi – è riconosciuto a livello internazionale per la sua qualità. Dobbiamo però lavorare sugli aspetti legati alla produzione perché troppo spesso l’olivo è associato soltanto al paesaggio. Dobbiamo insistere sull’innovazione e sul recupero della superficie olivicola abbandonata, che attualmente rappresenta il 25% del totale. Va seguito l’esempio di quanto fatto in campo vitivinicolo dal 1986 quando, da una situazione di crisi, si è deciso di investire in modo massiccio per arrivare ai risultati attuali. Segnali importanti in questa direzione arrivano dai progetti integrati di filiera”.

“Occorre poi lavorare a livello culturale – ha aggiunto Remaschi -, partendo dalle scuole attraverso le mense per arrivare alle famiglie, perché chi lavora nel settore possa avere una giusta remunerazione. Il settore ha costi elevati e il prezzo per un prodotto di qualità viene di conseguenza; senza un reddito adeguato, per gli addetti al settore tutto diventa più complicato. A Siena – ha concluso l’assessore – sarà un momento importante per intavolare un discorso che guarda al futuro e Agenda 2030, lo strumento strategico studiato dall’Associazione Nazionale Città dell’Olio con i tavoli di lavoro, punterà ad individuare linee guida per una migliore gestione del territorio, per lo sviluppo del marketing, della comunicazione e della cultura dell’olio extravergine di oliva”.

Le sezioni di lavoro

1) TURISMO DELL’OLIO E DEL CIBO

Presiede: Antonio BALENZANO, Direttore Associazione Nazionale Città dell’Olio

Relazione principale: Roberta GARIBALDI, Docente di Marketing e Tourist Management Università di Bergamo.

Discutono: Magda ANTONIOLI, Vice Presidente European Travel Commission; Francesco TAPINASSI, Dirigente Promozione Turismo, Commercio e Servizi Regione Toscana; Flavia COCCIA, ISNART Unioncamere

Interviene: Lorenza BONACCORSI, Sottosegretario di Stato Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo

2) PAESAGGIO RURALE OLIVICOLO

Presiede: Roberto MACHETTI, Coordinatore Gruppo Paesaggi Rurali Associazione Nazionale Città dell’Olio

Relazione principale: Mauro AGNOLETTI, Coordinatore gruppo Paesaggio Mipaaft

Discutono: Emilio GATTO, Direttore Generale DISR – Sviluppo Rurale Mipaaft; Alfonso PECORARO SCANIO,Presidente Fondazione Univerde; Tiziano TEMPESTA, Docente Dip. Territorio e Sistemi Agro-forestali – UniPadova; Bernardino SPERANDIO, Coordinatore Paesaggio GIHAS-FAO Fascia Olivata Assisi-Spoleto.

Interviene: Susanna CENNI, Vicepresidente XIII Commissione Agricoltura Camera Deputati

3) PRODUZIONE, MARKETING ED ECONOMIA

Presiede: Carmine SALCE, Vice Presidente Associazione Nazionale Città dell’Olio

Relazione principale: Alberto MATTIACCI, Docente di Marketing e Business Management UniSapienza Roma

Discutono: Fabio DEL BRAVO, Responsabile Direzione Servizi Sviluppo Rurale Ismea; Carlo Alberto PRATESI, Docente Economia e Gestione Imprese Università Roma Tre; Fabiola SFODERA, Docente Marketing strategico UniSapienza Roma; Albino RUSSO, Direttore Generale Anc- Coop; Laura SERVADEI, Responsabile Marketing – Iccrea Banca Spa; Gennaro GILIBERTI, Direzione Agricoltura e Sviluppo Rurale Regione Toscana

4) CULTURA E STILE DI VITA

Presiede: Enrico LUPI, Presidente Associazione Nazionale Città dell’Olio

Relazione principale: Marino NIOLA, Antropologo, Scrittore, Giornalista

Discutono: Elisabetta MORO, Antropologa del food,Università Sant’Orsola Benincasa Napoli; Pier Luigi PETRILLO, Docente Diritto Pubblico Comparato Unitelma Sapienza Roma – Comitato Unesco Italia; Raffaele SACCHI Docente Scienze e Tecnologie Alimentari Facoltà di Agraria Università Federico II Napoli; Livia IACCARINO, Relais Don Alfonso 1890 Sant’Agata sui due Golfi; Luciano SBRAGA, Direttore Ufficio Studi e Vice Direttore Generale FIPE

Interviene: Monsignor Augusto Paolo LOJUDICE, Arcivescovo Metropolita di Siena – Colle di Val d’Elsa – Montalcino

5) IDENTITÀ TERRITORIALE

Presiede: Marcello BONECHI, Vice Presidente Vicario Associazione Nazionale Città dell’Olio

Relazione principale: Paolo MASSOBRIO, Giornalista enogastronomico

Discutono: Fabio MOLINARI, Giornalista professionista e storico dell’alimentazione; Angelo FRASCARELLI, Docente di Economia e Politica Agraria Università di Perugia; Gaetano TROVATO, Chef patron Ristorante Arnolfo – Colle Val d’Elsa (SI); Alberto GRIMELLI, Direttore Teatro Naturale; Antonella BELLANDI, Presidente Strade dell’Olio Borghi e Castelli della Valdinievole; Fabrizio FILIPPI, Presidente Olio IGP Toscano

6) FORMAZIONE ED EDUCAZIONE

Presiede: Lina NOVELLI, Vice Presidente Associazione Nazionale Città dell’Olio

Relazione principale: Riccardo GAROSCI, Presidente del Comitato per l’Educazione Alimentare MIUR

Discutono: Evelina FLACHI, Nutrizionista, Presidente Food Education Italy; Alessandro CARASSALE, Membro Comitato Scientifico CeSA – Centro Studi per la Storia dell’Alimentazione; Cristiano SANDELS NAVARRO, Segretario Generale Fondazione Italiana Educazione Alimentare; Caterina PIRA, Esperta di Educazione alimentare; Massimo NEPI, Docente e Coordinatore Corso di Laurea AgriBusiness Università di Siena.

SESSIONE PLENARIA “L’AGENDA 2030 DELLE CITTÀ DELL’OLIO”

Coordina: Enrico LUPI, Presidente Associazione Nazionale Città dell’Olio

Partecipano: Roberta GARIBALDI, Referente I sess. Turismo dell’Olio e del Cibo; Mauro AGNOLETTI, Referente II sess. Paesaggio Rurale Olivicolo; Alberto MATTIACCI, Referente III sess. Produzione, Marketing Economia; Marino NIOLA, Referente IV sess. Cultura e Stile di Vita; Paolo MASSOBRIO, Referente V sess. Identità Territoriale; Riccardo GAROSCI, Referente VI sess. Formazione ed Educazione

Interviene: Adbellatif GHEDIRA, Direttore Esecutivo COI Consiglio Oleicolo Internazionale

Interventi di parlamentari e Associazioni di categoria invitate

Modera: Anna SCAFURI, TG1 Rai – Economia

Conclude: Teresa BELLANOVA, Ministra delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali

Condividi L'Articolo

L'Autore