fbpx

Glovo e i consorzi del riciclo insieme per promuovere il riciclo dei materiali nel delivery

Al via il “Protocollo Ambientale per il Riciclo”, un impegno ad aiutare ristoranti e cittadini a smaltire correttamente il packaging degli ordini

di Alessandra Favaro

Ultima Modifica: 01/06/2021

In occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente, Glovo, annuncia l’avvio di un progetto che vede coinvolti i principali consorzi italiani del riciclo: Corepla (Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclo ed il Recupero degli Imballaggi in Plastica), Comieco (Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica), CoReVe (Consorzio nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero dei rifiuti di imballaggio in vetro) e CIAL (Consorzio Nazionale Imballaggi Alluminio).

Il Protocollo Ambientale per il Riciclo

Il Protocollo Ambientale per il Riciclo, annunciato in concomitanza del World Environment Day del 5 giugno, nasce con l’obiettivo di sensibilizzare tutti gli attori coinvolti nella filiera del delivery – dagli esercenti commerciali fino al cliente finale – sul corretto smaltimento dei materiali che compongono un ordine.

Grazie alla raccolta differenziata fatta da milioni di cittadini italiani e al lavoro quotidiano che i consorzi nazionali portano avanti con i Comuni e le società delegate alla gestione dei rifiuti urbani, nell’ultimo anno in Italia è stato avviato a riciclo il 71% degli imballaggi usati. Un risultato che pone il nostro Paese fra i migliori in Europa.

Il progetto nel concreto

Il primo passo di implementazione del Protocollo è la realizzazione di una pagina web dedicata all’interno del Glovo Store, un negozio virtuale messo a disposizione dei partner commerciali della piattaforma, dove potrà essere acquistato il packaging necessario per i servizi di delivery e asporto.  Nella pagina web, verranno forniti consigli utili e buone pratiche per il corretto smaltimento degli imballaggi elaborate dai consorzi in riferimento ai diversi materiali (plastica, carta, vetro e alluminio).

Il passo successivo del progetto sarà l’applicazione di un QR code sui sacchetti Glovo, che permetterà ai clienti di accedere facilmente e velocemente alla pagina web.

Materiali riciclabili

Il Protocollo prevede inoltre il supporto di Glovo ad azioni di ricerca per misurare la diffusione di materiali riciclabili all’interno dei prodotti e del packaging utilizzati per l’asporto e il delivery.

Attualmente l’offerta di packaging sostenibile, messa a disposizione da Glovo per il mondo della ristorazione all’interno del Glovo Store, ha visto un incremento dei prodotti, che sono passati da 20 a 120, e verrà ulteriormente ampliata a fronte della crescente richiesta.

Glovo ha inoltre introdotto una funzionalità nell’app che permette ai propri utenti di non richiedere posate monouso quando non necessario, in maniera da ridurre gli sprechi. Nell’ultimo anno, in Italia, il 92,5% degli utenti Glovo ha espressamente richiesto di non ricevere utensili aggiuntivi nei propri ordini.

Condividi L'Articolo

L'Autore

giornalista