Parma Alimentare protagonista a Zurigo alla Mostra Mercato promossa da Slow Food

Dal 13 al 15 novembre con quattro aziende per promuovere l’eccellenze della Food Valley

12/11/2015

Parma Alimentare protagonista a Zurigo alla Mostra Mercato promossa da Slow Food
Parma, 12 novembre 2015 - A pochi giorni dalla chiusura del Salone del Turismo Rurale di Verona, Parma Alimentare è nuovamente impegnata a promuovere l’eccellenza delle produzioni della Food Valley. Teatro dell’azione del Consorzio è Zurigo: dal 13 al 15 novembre, la città svizzera ospita infatti Slow Food Market - Il Salone del Buon Gusto. Promossa da Slow Food ispirandosi ai tre principi del “Buono, pulito e giusto”, questa mostra mercato è uno degli appuntamenti più attesi dai foodie svizzeri: giunto alla quinta edizione, Slow Food Market è infatti capace di richiamare a Zurigo oltre 12.000 persone.

Alla collettiva capitanata da Parma Alimentare partecipano quattro aziende: Azienda Agricola Bré del Gallo, Azienda Agricola Fratelli Guareschi, Nonno Fereoli e Nuova Pasticceria Lady.
A riassumere il senso della presenza parmense a Zurigo è Alessandra Foppiano, Executive Manager di Parma Alimentare: «Slow Food Market rappresenta un’ottima vetrina in termini di business per realtà medio/piccole, orientate a una produzione premium. A confermarlo sono i dati della Camera di Commercio Italiana per la Svizzera: nel 2014 l’85% dei visitatori del Salone ha fatto acquisti di specialità alimentari, con una spesa media di 100 franchi svizzeri, e il 75% di loro ha in programma di tornare anche quest’anno. Molto qualificato è anche il target con cui le aziende parmensi avranno la possibilità di dialogare in prima persona: parliamo sia di foodie e semplici appassionati di cucina, sia di professionisti qualificati, come proprietari di gourmet store, hotelier e ristoratori di fascia alta».

Alessandra Foppiano (nella foto) evidenzia anche la valenza strategica del mercato elvetico: nel 2014, infatti, la Svizzera si è rivelata il sesto Paese di destinazione dell’export alimentare parmense. «Dal 2006 al 2014, il nostro export alimentare verso la Svizzera è cresciuto dell’86% - afferma Alessandra Foppiano -. Nel 2014 il giro d’affari per le imprese del nostro territorio è stato pari a 51 milioni di euro: un incremento rispetto all’anno precedente del 6%. Il trend è confermato anche dal primo semestre 2015, che ha visto aumentare dell’11% l’export agroalimentare made-in-Parma verso la Svizzera. I prodotti più apprezzati sono quelli da forno e farinacei, per una quota pari al 33,1% dell’export, seguiti dalla carne lavorata e conservata e dai prodotti a base di carne (17,3%)».

Anche nell’ottica di sostenere la candidatura di Parma a Città Creativa Unesco per la Gastronomia, a Zurigo Parma Alimentare si impegnerà a evidenziare il legame tra produzione d’eccellenza e territorio, promuovendo la Food Valley parmense come destinazione turistica ideale per i foodie.

Oltre all’esperienza dei sensi offerta dal Mercato del Buon Gusto, il programma dell’edizione 2015 di Slow Food Market prevede un ricco calendario di degustazioni, show cooking, incontri e seminari, con l’obiettivo di promuovere la cultura di un’alimentazione sana e sostenibile.
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner