Parma nel Geoportale della Cultura alimentare: presentazione 3 ottobre

Appuntamento per l'anteprima delle videonarrazioni sui Musei del Cibo di Parma (Parmigiano Reggiano, Pasta, Pomodoro, Vino, Salame di Felino, Prosciutto di Parma, Culatello di Zibello). Il commento di Mario Marini, Presidente dei Musei

di Donato Troiano

Ultima Modifica: 03/10/2020

3 ottobre ore 11 a Parma Palazzo del Governatore  Auditorium “Carlo Mattioli” presentazione del Geoportale dedicato alla cultura alimentare: i Musei del Cibo

Il progetto, le collaborazioni e le prospettive evolutive

I Musei del Cibo di Parma hanno collaborato con il Ministero dei Beni Culturali per la realizzazione di una serie di videonarrazioni destinate a trovare posto nel Geoportale della cultura alimentare italiana. I filmati, della durata di 4 minuti, raccontano i prodotti relativi ai Musei del Cibo, attraverso testimonianze e documenti storici e brevi filmati produttivi.

La serie dei filmati verrà presentata in anteprima sabato 3 ottobre alle ore 11.00 all’Auditorium del Palazzo del Governatore, Parma, alla presenza dell’Assessore alla Cultura Michele Guerra, del Soprintendete Corrado Azzollini, del Direttore dell’Istituto Centrale per il patrimonio immateriale Leandro Ventura, e del Vicepresidente dei Musei del Cibo Cristiano Casa.

Il Geoportale dedicato alla cultura alimentare nasce da un’idea del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo

L’idea della realizzazione di un Geoportale interamente dedicato alla cultura alimentare nasce da parte del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo dalla necessità di dare concretezza alle ragioni che hanno consentito il 16 novembre 2010 a Nairobi la proclamazione della Dieta Mediterranea, Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità, candidatura allora condivisa dall’Italia con Spagna, Grecia e Marocco.

I Musei del Cibo di Parma (Parmigiano Reggiano, Pasta, Pomodoro, Vino, Salame di Felino, Prosciutto di Parma, Culatello di Zibello), fra i primi a rispondere alla proposta di l’Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale.

I Musei del Cibo in provincia di Parma

Parma e il parmense sono testimoni imprescindibili del complessivo racconto della cultura enogastronomica italiana

La provincia di Parma al centro del progetto. Proprio per questo, oltre alle generalità del progetto del Geoportale, verranno presentati il 3 ottobre anche i nuovi Video di Micronarrazione istituzionali, fruibili dal Geoportale, nati dalla collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio per le province di Parma e Piacenza e i Musei del Cibo di Parma, fra i primi a rispondere alla proposta di ICPI; in questa occasione verrà presentato anche il video di micronarrazione che vede protagonista lo chef Massimo Spigaroli, Presidente del Consorzio del Culatello di Zibello, “modello” dei video dedicati alle realtà culturali e produttive del territorio che si vorrebbero ulteriormente realizzare.

Consulenza scientifica di Giancarlo Gonizzi, narratore dei  filmati

I video sono stati realizzati da BIA – Beni Immateriali e Archivistici, società di consulenza che si occupa di progetti nel settore creativo e culturale e che cura lo sviluppo evolutivo del Geoportale della Cultura Alimentare, con la consulenza scientifica di Giancarlo Gonizzi, che ha rivestito il ruolo di narratore dei diversi filmati.
Se la partecipazione non è soltanto “fare parte di”, ma è soprattutto contribuire attivamente alla realizzazione di qualcosa –sottolinea Leandro Ventura, Direttore dell’Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale – l’intento del progetto è quello di promuovere la messa in rete del Geoportale del Patrimonio Culturale Alimentare delle Regioni, delle Istituzioni locali e delle singole Comunità, facendole partecipare al grande racconto collettivo dell’Italia. Il Geoportale nasce come spazio aperto e con questo orientamento: l’evento di oggi, dunque, è l’occasione non soltanto di presentare i primi risultati di questa importante sinergia con il Parmense, ma anche di chiamare a collaborare consorzi, realtà produttive e istituzionali del territorio, per estendere ed ampliare ulteriormente questo racconto collettivo”.

Mario Marini, Presidente dei Musei del Cibo: “la nostra terra valorizza un circuito unico a livello europeo”

Mario Marini

La presenza sul Geoportale dei Musei del Cibo – ricorda il presidente dei Musei,  Mario Marini,rende merito al notevole patrimonio di saperi che la nostra terra ha accumulato per generazioni nel settore agroalimentare e valorizza un circuito unico a livello europeo che ha saputo negli anni contribuire in maniera significativa alla salvaguardia e alla diffusione di questo patrimonio”.

La Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio per le province di Parma e Piacenza –aggiunge il Soprintendente Corrado Azzollini è felice di collaborare con l’Istituto alla raccolta e valorizzazione del Patrimonio Immateriale Enogastronomico del nostro territorio, e di poterlo fare con questa importante vetrina a Parma, città creativa per la gastronomia UNESCO, con un evento ufficiale all’interno della programmazione di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020-2021”.

Condividi L'Articolo

L'Autore