Plasmon-Mipaft intesa su filiera alimenti per l’infanzia

Il protocollo punta a promuovere la cultura della corretta alimentazione e l’adozione della dieta mediterranea Made in Italy

di Donato Troiano

Ultima Modifica: 26/05/2019

Made in Italy per promuovere i prodotti della filiera italiana fin dalla prima infanzia.

Un marchio di riconoscibilità per gli alimenti dell’infanzia ed investimenti di acquisto fino a 25mila tonnellate annue di materia prima italiana da parte di Plasmon storico marchio dell’alimentazione infantile, nei comparti carne, frutta, verdure, cereali, latte, pesce ed olio della filiera agroalimentare.

È quanto prevede il protocollo d’intesa tra Plasmon e Ministero delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo, siglato dal ministro Gian Marco Centinaio e da Felipe Della Negra (nella foto in alto), Amministratore delegato  Italia di The Kraft Heinz Company, l’azienda che ha in portafoglio il brand Plasmon.

Felipe Della Negra, Ad Italia di The Kraft Heinz Company

La filiera agroalimentare italiana rappresenta una delle eccellenze più riconosciute nel mondo e nel baby food, settore in cui in cui il nostro Paese vanta una qualità senza uguali. Come Plasmon siamo orgogliosi di aver contribuito negli anni al sostegno della filiera Made in Italy nell’alimentazione per l’infanzia e vogliamo proseguire in questa direzione confermando il nostro impegno concreto al fianco delle istituzioni” – afferma Felipe Della Negra.Plasmon è un brand con esperienza e know how che è stato in grado di costruire nel tempo un rapporto di fiducia con le famiglie italiane e oggi continuiamo a essere al loro fianco garantendo qualità e trasparenza dei prodotti destinati ai loro bambini”.

La Plasmon protagonista del baby food di eccellenza

 

“L’intesa con il Ministero sigla anche una sinergia a sostegno dell’innovazione che – come aggiunge Andrea Budelli, vicepresidente ricerca & sviluppo and global infant nutrition di The Kraft Heinz Companyavverrà attraverso lo sviluppo di attività di ricerca nei diversi ambiti necessari a garantire la sicurezza dei prodotti alimentari per i più piccoli, in collaborazione con il CREA, il Consiglio per la ricerca e l’agricoltura e l’analisi dell’economia agraria”.

Infine, il protocollo prevede uno sforzo congiunto per promuovere la cultura della corretta alimentazione e l’adozione della dieta mediterranea Made in Italy fin dalla prima infanzia. Nel nostro Paese sono più del 18% i bambini obesi tra i 6 e i 10 anni, con conseguenze sull’incremento del rischio precoce di malattie cardiovascolari e alterazioni del metabolismo (fonte: Childhood Obesity Surveillance Initiative).

Per Plasmon –scrive una nota dell’azienda- questa collaborazione istituzionale rappresenta una tappa importante di un percorso all’insegna della qualità e della sicurezza alimentare iniziato già anni fa: l’azienda è stata infatti la prima nel settore dell’alimentazione per l’infanzia a creare negli anni 80 con Oasi nella crescita® un sistema di garanzia della propria filiera produttiva, basato su principi di prevenzione e di controllo e qualità. Una modalità per garantire il rispetto di requisiti ancora più stringenti di quelli previsti dalla legge e poter offrire ai bambini solo il meglio.

Il settore conta ben oltre 1500 addetti nelle fasi di coltivazione e trasformazione primaria.

Condividi L'Articolo

L'Autore