Un nuovo modo di raccontare storie al ristorante

Dallo storytelling al content marketing. Piattaforme digitali, nuovi social media e il mobile con le sue mappe e le app

di Donato Troiano

Ultima Modifica: 30/08/2019

Prima si chiamava storytelling – tecnica di narrazione in cui si racconta la storia di un brand, di un piatto, un produttore, un territorio, un ingrediente – e rendeva la comunicazione più coinvolgente, trascinando il lettore o l’ascoltatore in un’avventura. E i ristoratori hanno sempre saputo raccontare le storie: quando presentano un piatto, quando descrivono una ricetta o una preparazione e quando si tratta di romanzare la biografia dello chef.

Con questo primo articolo cominciamo a ragionare, insieme a Nicoletta Polliotto, direttrice della nuova collana dedicata alla comunicazione digitale per il settore travel e hospitality di Ulrico Hoepli editore, sulle nuove opportunità che piattaforme digitali, nuovi social media e il mobile con le sue mappe e le app ci stanno offrendo: gli utenti ci cercano e ci vogliono trovare lì ma chef e ristoratori fanno fatica a comunicare, rispondere e ascoltare (altro elemento fondamentale della narrazione) sui nuovi canali e con rinnovati strumenti.

Ecco il concetto base dell’analisi di Nicoletta: i Millennials (1980-2000) e la Generazione Z (nati nel terzo millennio) con mail, blog ed sms prima, social media, chat e video ora, si informano online, prenotano da mobile e vogliono condividere i valori che percepiscono durante una colazione, una cena, un festival street food.

Che c’azzecca il Content Marketing?

Appare chiaro che al ristoratore o food maker non sono più sufficienti una buona parlantina e l’eleganza nell’accoglienza: il rapporto con cliente comincia molto prima e finisce molto dopo il pasto nel proprio locale. Occorre possedere abilità digitali e un approccio strategico all’utilizzo dei social media.

In una parola, afferma con decisione, Nicoletta Polliotto: deve conoscere le tecniche di content marketing, strumenti e strategie per convincere, promuovere, vendere e curare la propria brand reputation online, attraverso l’uso sapiente dei contenuti adatti al web.

Quali sono i contenuti che funzionano di più? Ecco i formati più performanti sul web e da mobile:

  1. Video (potrebbe essere utile un canale su YouTube oppure realizzare un live su Facebook)

  2. Blogpost (avere un blog aziendale per articoli anche di un certa lunghezza: funziona!)

  3. Grafiche (prova a utilizzare immagini con una didascalia detta caption o un’infografica)

  4. Email (attenzione all’oggetto e a un contenuto snello breve e appassionante)

  5. Cookbook (regala a chi si iscrive alla tua newsletter un piccolo libro di ricette, why not?)

Convinti che i contenuti siano strumento di contatto e relazione primario nel panorama comunicativo odierno? Fate attenzione alle parole e a dove e come utilizzarle perché si possono rivelare un potente strumento di persuasione e quindi di prenotazione e vendita

Come usare il Content Marketing per il Ristorante scegliendo i giusti argomenti, quelli più gettonati e più di tendenza? Leggi l’articolo in cui parliamo di Contenuti digitali per il food.

Ci aggiorniamo alla prossima settimana e … continuate a informarvi!

Condividi L'Articolo

L'Autore