Vini bianchi italiani: etichette da provare e regalare

di Simone Pazzano

Ultima Modifica: 20/11/2020

Quante personalità può avere il vino bianco italiano? Dal freddo dell’Alto Adige al caldo torrido della Sicilia, è un patrimonio che ha tante storie da raccontare: alla vista, al naso e al palato. Una serie di sensazioni che non si riducono solo al semplice abbinamento con il pesce. Salumi, formaggi, dolci possono infatti sposare perfettamente i tanti prodotti di qualità che escono dalle cantine del nostro Paese.

E così dopo aver scoperto i vini rossi da regalare, ecco di seguito una serie di suggerimenti per scegliere il vino bianco giusto, affidandosi a cantine italiane. Un viaggio lungo tutto la Penisola per scoprire etichette da provare e da regalare per Natale, ma non solo.

Joseph Gewürztraminer Alto Adige DOC di Hofstätter

joseph hofstatter

“Joseph” è il Gewürztraminer classico della tenuta J. Hofstätter. Nasce da vigneti vocati delle tenute situate a Tramin – Termeno. Al gusto è denso e ricco, con corpo saldo, notevole freschezza e vivacità. Colore paglierino carico e luminoso, ha una buona concentrazione ed una pronunciata vena aromatica, con note speziate-affumicate, di fiori secchi e di rose che tendono ad espandersi e ad infittirsi nel bicchiere.

Perfetto come aperitivo, a tavola si abbina molto bene con crostacei, cucina asiatica e formaggi stagionati.

Prezzo: 16,97 euro

kerner valle isarco

Aristos Kerner DOC di Cantina Valle Isarco

È prodotto con uve Kerner in purezza, vendemmiate a mano a completa maturazione. Dopo una pigiatura delicata e una breve macerazione a contatto con le bucce, la fermentazione avviene in serbatoi di acciaio inox. Il vino rimane negli stessi recipienti per 7 mesi, dove può affinare le sue caratteristiche organolettiche.

Versando nel bicchiere l’Aristos Kerner spicca il suo colore giallo verdognolo tendente al paglierino. All’olfatto presenta un frutto delicato e un carattere gradevolmente aromatico, che si sviluppa con grande eleganza su note di pesca. Al palato è secco e pieno, con una struttura vivace e un intrigante finale di noce moscata.

Molto versatile nell’accostamento con il cibo, questo vino si abbina meravigliosamente ad antipasti leggeri, speck e piatti a base di uova e funghi. Non disdegna inoltre portate a base di pesce d’acqua dolce e frutti di mare o i risotti alle erbe. Da provare come aperitivo.

Lemoss Glera Tre Venezie IGT Frizzante di Ca’ di Rajo

Lemoss Ca di rajo

Lemoss di Ca’ di Rajo è un bianco frizzante «col fondo», realizzato con uve 100% Glera raccolte a mano in vigneti a Bellussera. Il nome di questo vino è un gioco di parole: il dialetto trevigiano lè moss significa “è mosso”, richiamo così le caratteristiche dei vini sur lie.

Prodotto utilizzando lieviti indigeni, questo vino racchiude la natura genuina degli antichi gesti contadini. La cultura rurale del Piave ci insegna infatti che, in passato, non si era soliti filtrare i vini per cui, in primavera, i lieviti ancora presenti nelle bottiglie terminavano la fermentazione degli zuccheri, conferendo al vino la tipica nota frizzante. È un viaggio nel tempo nella tradizione enologica di questo territorio. Lo testimonia anche la chiusura scelta per questo vino: il tappo a corona, che ci riporta sulle tavole dei nostri nonni.

Prezzo online: 7,90 €

Graniers Malvasia Colli di Scandiano e di Canossa DOP di Venturini Baldini

Graniers

Il Graniers, un’originale Malvasia, tutta da scoprire: secca e frizzante. Al naso i profumi sono accattivanti, con spinta aromatica e sentori erbacei. Giallo brillante con riflessi verdognoli, in bocca questo vino è brioso e armonico, con una nota fruttata che ben si sposa con il sorso secco.

Vinificato in bianco con fermentazione a temperatura controllata, il Graniers è un vino ideale come aperitivo, ma in generale a tavola si sposa benissimo con salumi e piatti a base di uova, pesce saporito e anche formaggi.

Prezzo: 9,50 euro

Belladama Romagna Albana DOCG di Poggio della Dogana

Belladama Poggio della Dogana

Belladama di Poggio della Dogana è un Romagna Albana Docg secco biologico prodotto a Castrocaro Terme, in località
“le Volture”, da vigneti di 10 anni di età con 5.000 piante per ettaro, allevati a guyot e dislocati a 210 m s.l.m. La vinificazione viene fatta in assenza di bucce, attraverso pressatura tradizionale lenta in pressa verticale. La fermentazione avviene in tini di acciaio a temperatura controllata. L’affinamento è di 5 mesi in acciaio sulle fecce fini e di almeno 2 mesi in bottiglia. La prima annata di questo vino ha debuttato sul mercato nel aprile del 2020.

Al naso presenta sentori di agrumi, fiori bianchi ed erbe aromatiche: In bocca il quadro aromatico spazia tra limone, pompelmo, un tocco di arancia bionda, salvia e rosmarino.

Il nome, Belladama, è un omaggio alla madre di Aldo e Paolo Rametta, che raccontano: «Belladama era il nome di un cavallo della scuderia di cavalli da trotto che nostro nonno materno possedeva prima della Seconda Guerra Mondiale. Poi, perse tutto. I cavalli rappresentano ricordi meravigliosi per nostra madre Rosanna, seppur fosse ancora bambina, per questo abbiamo voluto dedicare a quel cavallo, e quindi anche a lei, questo nostro primo vino bianco di cui andiamo molto orgogliosi“.

Prezzo online: 9.60 euro 

Vanedda Bianco Terre Siciliane IGT di Azienda Agricola Cortese

Venedda_Bianco

Vanedda è il nome con cui in siciliano si chiamano le piccole stradine di campagna, ed è anche il nome del bianco di punta dell’azienda agricola Cortese, a Vittoria, in Sicilia, nel meraviglioso entroterra ragusano a due passi dal mare. Un vino che racchiude in modo straordinario il suo terroir, la corposità del Grillo, la mineralità del Catarratto, l’ampiezza del Fiano: in bocca è ricco, pieno di sfumature, con un’acidità ben integrata, che continua a chiamare il sorso.

Dopo la raccolta manuale, le uve fanno un passaggio in ambiente refrigerato per abbassare la temperatura a 10 °C, a cui segue una delicata diraspatura, la fermentazione sulle bucce per almeno due giorni in botti da 30 hl di rovere, quindi una sosta sui lieviti fini di fermentazione per almeno 7 mesi, a cui seguono 6 mesi di riposo in bottiglia.

Il risultato è un Bianco Terre Siciliane I.G.P. biologico (come tutte le referenze prodotte dall’azienda) dalla personalità decisamente e straordinariamente riconoscibile, unica. Dal colore giallo dorato intenso, donato dal contatto con le bucce e dall’affinamento in botti grandi, Vanedda presenta un bouquet ampio e suadente con note di cocco e frutta tropicale, accompagnate da sentori di spezie dolci. L’eleganza al naso si conferma in bocca. Al palato è ricco, persistente e con un’acidità presente e ben integrata.

Prezzo: 16 euro

Rina Ianca Grillo Viognier Sicilia DOC di Santa Tresa

Rina-Ianca-Santa-Tresa

Rina Ianca è il vino di Santa Tresa più premiato nei concorsi internazionali, un vino biologico che unisce – in un blend di straordinario fascino – il Grillo (al 70%), varietà autoctona siciliana per eccellenza, con il Viognier (al 30%), vitigno francese che a Santa Tresa ha trovato le condizioni climatiche ideali. Grillo e Viognier vengono raccolti a mano in cassette da 15 Kg. Il Viognier verso fine agosto mentre il Grillo verso la prima metà di settembre: entrambe le varietà svolgono una vinificazione simile tra di loro. Le uve raccolte sostano in cella frigorifera per una notte così da abbassarne la temperatura fino a 6-8 °C. Il giorno seguente sono delicatamente diraspate e pressate in maniera soffice, così da ottenere il mosto fiore. Il mosto sosta una notte in vasca attorno ai 10 °C al fine di permettere la naturale sedimentazione di tutte le particelle solide in esso contenute, dopo di che avviene la fermentazione alcolica in tini di acciaio inox a una temperatura tra i 17-19 °C per 10-12 giorni. Dopo la fermentazione, le due varietà vengono riunite per l’affinamento sur lies per circa 4 mesi con frequenti movimentazioni delle fecce nobili.

In questo modo, la mineralità e freschezza del Grillo si uniscono all’intensità e allo spessore del Viognier, regalando un vino dal colore giallo paglierino con riflessi verdi, nel quale al naso prevalgono le note di frutta bianca, di pesca e di agrumi. Al palato domina la sapidità e la larghezza sempre bilanciate dall’ottima acidità, la chiusura è dolce con un retrogusto di nettarine. Rina Ianca si abbina ad antipasti di pesce e molluschi, a primi piatti con condimenti di pesce e verdure, a secondi di pesce e crostacei. Ottimo anche con salumi.

Prezzo online: 12 euro

zisola azisa sicilia doc

Zisola Azisa 2019 Sicilia DOC di Mazzei

Azisa, nome che deriva dall’arabo e significa “splendido”, aggettivo usato per descrivere il carattere di questo vino bianco siciliano a base di uve Grillo con una piccola aggiunta di Catarratto. Aromatico, fresco, con note di fiori e agrumi, l’Azisa risulta un vino piacevolmente secco e minerale.

Per questo bianco di Mazzei l’abbinamento perfetto è con antipasti, verdure e primi piatti di mare.

Prezzo online: 11 euro

Condividi L'Articolo

L'Autore

Giornalista

Curioso prima di tutto, poi giornalista. E questa curiosità della vita non poteva che portarmi ad amare i viaggi e il cibo in ogni forma. Fotocamera e taccuino alla mano, amo imbattermi in storie nuove da raccontare.