3 ricette per innamorarsi del tartufo e i ristoranti dove amarlo

I consigli di Urbani Tartufi, leader di mercato, per la cena più romantica dell’anno, le ricette consigliate dall’Accademia del Tartufo, i ristoranti e i prodotti di riferimento. Per amare il tartufo non solo a San Valentino

di Alessandra Favaro

Ultima Modifica: 13/02/2019

Cosa regalare al partner a San Valentino? Un pensiero romantico o un regalo di valore? Secondo un’indagine sul giorno degli innamorati, il 45% degli italiani non regalerà nulla alla propria metà, eppurequestaè l’occasione ideale per pensare fuori dagli schemi. È questa l’idea di Urbani Tartufi, che propone una vera e propria esperienza gastronomica a base di tartufo: il “diamante della cucina” come lo definiva Brillat-Savarin in “Fisiologia del Gusto”.

Se è vero che un diamante è per sempre, che sia bianco o nero pregiato, moscato o bianchetto, questo prezioso fungo ipogeo è uno dei cadeaux più afrodisiaci e l’ingrediente perfetto per una cena tête-à-tête sia al ristorante che a casa.

 

3 ricette col tartufo da provare a casa

L’azienda leader del settore Urbani Tartufi propone una soluzione adatta a tutte le tasche e, grazie alle mille forme del tartufo, anche a mille declinazioni: dalle ricette classiche come le tagliatelle o l’uovo alla coque ad abbinamenti glamour e stuzzicanti come le ostriche, da far scintillare magari con una polvere d’oro, a cioccolatini con vero tartufo dentro.

Per chi volesse trascorrere questa giornata in casa, preparando una cena da acquolina in bocca, Urbani propone le ricette consigliate dall’Accademia del Tartufo che spaziano dalle sapide ostriche alla Villeroy, da gustare in sicurezza visto che è un antipasto cotto, a due grandi classici come il risotto con tartufo (da condire con un tocco di Oro di Tartufo Urbani) e l’uovo alla coque con Salsa di Tartufi Estivi.

I più coraggiosi potranno invece cimentarsi in ricette più audaci come l’astice su vellutata di topinambur, germogli di borragine e tartufo nero e il Cremoso al cioccolato con tartufo bianco Urbani. Per concludere la serata basterà far sciogliere al palato un dolce semplice ma d’effetto: i tartufi al cioccolato realizzati con cioccolatini con vero tartufo.

Uovo “a la coque” con tartufo

Porzioni 2 persone
Chef Tartufi Urbani

Ingredienti

  • 2 uova
  • 20 gr salsa di tartufi estivi Urbani
  • 20 grammi di burro
  • 1 cucchiaio consommé ristretto
  • qb sale e pepe

Istruzioni

  1. Deporre in un tegame, abbastanza grande da contenerle, le uova affogate completamente in acqua fredda. 

  2. Mettere il tegame sul fuoco e attendere che l’acqua inizi a bollire; lasciare che continui a farlo per trenta secondi ancora, quindi ritirare dal fuoco, estrarre le uova e porle in un apposito contenitore dopo aver eliminato, con un taglio netto, una delle estremità dei rispettivi gusci. 

  3. Portare in tavola, nel portauovo adagiato in un piattino, con un piccolo bricco contenente due cucchiai di salsa di tartufi neri, ottenuta secondo la seguente ricetta.

  4.  Mettere sul fuoco un pentolino con il brodo e il burro, attendere che quest’ultimo fonda per aggiungere i tartufi, condire con sale e pepe, poi ritirare dal fuoco.

Risotto al tartufo

Porzioni 2 persone

Ingredienti

  • 200 grammi riso
  • 40 grammi tartufo nero estivo oppure 40 grammi di tartufo bianco
  • qb Brodo di vitello
  • 1/4 cipolla
  • 2 cucchiai olio extravergine d’oliva
  • 30 gr Parmigiano Reggiano grattugiato
  • 125 millilitri di vino bianco secco
  • qb Sale e pepe
  • 25 gr burro

Istruzioni

  1. Soffriggere la cipolla tritata nell’olio insieme ad una noce di burro, aggiungere il riso e farlo rosolare.

  2.  Bagnarlo con il vino e, quando questo sarà evaporato, aggiungere alcuni mestoli di brodo caldo, in modo che il risotto non secchi e cuocia uniformemente. 

  3. Procedere così fino alla cottura del riso mescolando spesso il riso affinché non si attacchi alla pentola.

  4.  A fine cottura mettete il burro rimasto e mescolare, aggiungendo il tartufo nero o il tartufo bianco tagliato in sottili scaglie. 

  5. Mescolare insieme al formaggio grattugiato e aggiungete sale e pepe a piacimento.

 

Ostriche alla Villeroy

Porzioni 2 persone

Ingredienti

  • 10 ostriche
  • 15 grammi di burro
  • Farina
  • 1/2 bicchiere di latte
  • 1 profumo di noce moscata
  • 25 grammi di Emmenthal
  • 2 uova
  • Pangrattato
  • Olio extra vergine di oliva
  • q.b.
Sale e pepe
  • 30 grammi di tartufo nero pregiato fresco o conservato

Al ristorante

Se si sceglie di festeggiare al ristorante, da Nord a Sud, il tartufo è protagonista di cucine stellate e non. Si va dai magistrali ravioli di porri, foie gras e tartufi di Bottura (La Francescana, Modena) ai tagliolini d’uovo marinato e tartufo bianco o all’uovo di montagna al vapore e tartufo nero di Cracco (Cracco in galleria, Milano). Anche a Firenze, dall’Enoteca Pinchiorri, i tagliolini al tartufo bianco sono un grande classico, mentre nelle Marche Mauro Uliassi (Uliassi, Senigallia) declina il tartufo di Acqualagna in un magistrale Loacker ripieno di fegato e nocciole. Per i romani tappa d’obbligo è Francesco Apreda (Imagò, Hotel Hassler, Roma), che in occasioni speciali abbina il tartufo nero abbinato a manzo e foie gras e tartufo nero e Semidivino, enoteca storica dove assaporare il vero tartufo di Norcia. E proprio a Norcia non si può non fare una sosta da Vespasia, dove si gustare il prezioso fungo ipogeo in un palazzo nobile del 1500, per poi visitare, a poco più di mezz’ora di distanza, l’incantevole borgo medievale di Scheggino: un paese fuori dal tempo, tra castello, viottoli e case in pietra, dove Re Tartù, Del Ponte e Osteria di Baciafemmine sono un valido approdo per assaporare il tartufo in tutte le stagioni. In Umbria potete optare anche per la cucina del personal chef Nicholas Bonifacio che organizza indimenticabili cene al tartufo anche a casa. Infine i ristoranti Urbani, da Fico a Bologna per arrivare nel ristorante di Bangkok, dove lo chef Gigi Rana propone piatti come gelato al tartufo bianco e caviale e Coquilles Saint Jacques con caviale e tartufo nero.

Condividi L'Articolo

L'Autore

giornalista