Alessandro Borghese in Val d’Aosta: tutto sulla prossima puntata di 4 Ristoranti

di Alessandra Favaro

Ultima Modifica: 29/04/2020

Dopo la puntata inaugurale tra i canali di Venezia, premiata dal record di ascolti grazie al miglior risultato di sempre, domani, giovedì 30 aprile, chef Alessandro Borghese torna su Sky NOW TV con un nuovo episodio di Alessandro Borghese 4 Ristoranti, la produzione originale Sky realizzata da Banijay Italia.

Nella seconda puntata chef Borghese va alla ricerca del miglior ristorante in alta quota della Valle d’Aosta, dove domina la neve fresca tra le vette maestose. La Valle d’Aosta è considerata un vero paradiso degli sport invernali: si praticano sci alpino e di fondo, snowboard, freeride e alpinismo. Qui fanno tutti sport ad eccezione di chef Borghese, che invece è alla scoperta dei ristoranti che si trovano a metà delle piste o isolati sulle cime. Cosa offrono questi posti agli amanti della montagna, una volta arrivati in vetta? Piatti tipici valdostani come polenta, zuppe, carni selvatiche, formaggi, o una cucina più contaminata per accontentare i turisti della zona?

Come già nella prima puntata lo chef Borghese abbandona l’amato van per raggiungere i quattro ristoranti in gara in motoslitta, funivia, ovovia e seggiovia.

A contendersi il titolo – nell’episodio di domani, giovedì 30 aprilealle 21.15 su Sky Uno e sempre disponibile on demand, visibile su Sky Go, su smartphone, tablet e PC, anche in viaggio nei Paesi dell’Unione Europea, e in streaming su NOW TV – ci sono: Corinne con Campo Base, Ephrem con La Grolla, Davide con Novez e, infine, Anna con Bar Ristorante Chiecco. In questa puntata le zuppe sono la portata oggetto di bonus.

I ristoranti della seconda puntata

  • CAMPO BASE (Ayas – Monte Rosa): Corinne (41 anni), “la viaggiatrice”, è la titolare e responsabile di sala. Oltre a essere una ristoratrice è anche insegnante di yoga. Il Campo Base si trova a 2500 metri di altitudine in Val d’Ayas, Champoluc. È raggiungibile tramite la funicolare, che parte da Frachey, e la seggiovia. Il locale ha la forma di una tenda mongola e all’esterno presenta anche un chörten, costruito generalmente nei campi base per propiziare l’ascesa, sul quale sono posizionate le bandiere del Nepal, del Tibet e degli altri paesi legati all’Himalaya. All’interno sono presenti 14 tavoli che rappresentano i 14.000 metri di altitudine della vetta asiatica e un quindicesimo che richiama simbolicamente la spedizione avvenuta negli Anni ‘80.
  • LA GROLLA – Chalet Restaurant (Courmayeur – Monte Bianco): Ephrem (53 anni), “il magnate della valle”, è il titolare. Ephrem, autoctono, ha ereditato il ristorante dai genitori che lo aprirono nel lontano 1973. La Grolla, chalet restaurant, si trova a 1700 metri d’altezza sulle piste da sci della Val Veny, a Courmayeur. In inverno è raggiungibile solo sciando, oppure con il gatto delle nevi o la motoslitta. Il ristorante gode di una vista mozzafiato sulla catena montuosa del Monte Bianco, partendo dal confine francese fino a quello svizzero. Un ambiente e un contesto dove la natura regna sovrana, i clienti dicono che “è come staccare la spina e vivere un’esperienza unica”. L’intero locale ha grandi finestre vetrate che si affacciano sul paesaggio innevato. Lo stile è rustico-elegante, l’arredo minimale con forte presenza di legno.
  • NOVEZ (Champoluc–Monte Rosa): Davide (51 anni), “il montanaro chic”, è il titolare e si occupa della sala e dell’accoglienza dei clienti. Davide, originario del Lago Maggiore, ha deciso di aprire il suo locale, il 22 dicembre 2018, a 2080 metri sulle piste del comprensorio sciistico di Champoluc. È una location atipica per la zona, più un ristorante che un rifugio e lo si nota sia dagli arredi che dal servizio. Una location moderna e minimal, creata con legno e ferro. Raggiungere il locale è molto semplice: si prende una ovovia che parte da Champoluc e poi si fa una camminata di soli 5 minuti. Per la cena, i titolari di Novez, Davide e Sylvie, mettono a disposizione dei clienti più esigenti un servizio di motoslitta, soprattutto per “le signore col tacco 12”.
  • BAR RISTORANTE CHIECCO (Courmayeur – Monte Bianco): Anna (56 anni), “la creativa”, è la titolare insieme al suo compagno, che è anche lo chef del ristorante. Il Bar Ristorante Chiecco si trova a 2000 metri sulle piste da sci di Courmayeur. È raggiungibile dal paese attraverso la funivia che si trova in centro (aperta fino a mezzanotte) e percorrendo poi 200 metri a piedi. Per Anna il ristorante è il luogo in cui riversare tutta la sua creatività: è stata lei, infatti, ad arredarlo personalmente. A vederlo da fuori sembra una bella casetta di montagna in pietra e tegole, quando poi si apre la porta d’ingresso si trasforma: salta subito all’occhio quanto sia pienissimo di oggetti colorati, ricordi, foto e bandiere che richiamano i clienti da ogni parte del mondo.

Le prossime puntate di 4 Ristoranti

Le prossime puntate si svolgeranno in alcuni dei luoghi più affascinanti e caratteristici della Penisola: ci saranno le due metropoli Roma e Milano, ma anche la Carnia, la Val BadiaArezzo, il Conero, la Lunigiana e il Cilento.

Come funziona 4 Ristoranti

Il meccanismo della sfida rimane invariato: quattro ristoratori della stessa zona di appartenenza si sfidano per stabilire chi tra di loro è il migliore in una determinata categoria. Ogni ristoratore invita a cena gli altri tre che, accompagnati dallo chef Borghese, commentano e votano con un punteggio da 0 a 10 location, menu, servizio e conto del ristorante che li ospita. In palio per il vincitore di ciascuna puntata, il titolo di miglior ristorante e un contributo economico di 5 mila euro da investire nella propria attività.

Ogni cena è preceduta dalla scrupolosa ispezione dello chef Borghese della cucina del ristorante. Un’ispezione che nel corso della cena si concentrerà sul personale di sala, messo alla prova su accoglienza, servizio al tavolo, descrizione del piatto e del vino. Solo alla fine scopriamo il giudizio di chef Borghese che con i suoi voti può confermare o ribaltare l’intera classifica che premia il migliore ristorante della puntata. Inoltre, Alessandro ha a disposizione un bonus di 5 punti che gli permette di giudicare un elemento in più e che rende la sfida ancora più imprevedibile ed emozionante.

Tutti i ristoranti che partecipano al programma sono identificabili attraverso un “bollino” Alessandro Borghese 4 Ristoranti esposto all’esterno, una rete di locali testati da chi se ne intende: i ristoratori stessi.

La trasmissione è in onda ogni giovedì, alle 21.15 su Sky Uno (canale 108, digitale terrestre canale 455), sempre disponibile on demand, visibile su Sky Go, su smartphone, tablet e PC, anche in viaggio nei Paesi dell’Unione Europea, e in streaming su NOW TV.

Condividi L'Articolo

L'Autore

giornalista