’BuyFood’ la voglia di Toscana vien mangiando: in vetrina i prodotti Dop e Igp

38 buyer da tutto il mondo nel territorio in cui nascono i ‘campioni’ del food toscano. L’educational tour di Informacibo alla scoperta dei prodotti Dop e Igp toscani, firmato Bolivar

di Donato Troiano

Ultima Modifica: 01/10/2020

E’ in corso in Toscana la seconda edizione di BuyFood 2020. Per Informacibo a seguire la kermesse c’è un “inviato (molto) speciale“, il giovane scrittore pugliese (è nato a Bari), Mario Pennelli, in arte Mario Bolivar. Diamo subito a lui… la penna. 

Cominciamo raccogliendo le notizie dagli organizzatori. Dopo il successo della prima edizione (nel giugno 2019) con oltre 500 incontri B2B quest’anno gli incontri di BuyFood tra buyer e seller si svolgono online fino alla serata di  venerdì 2 ottobre. Quest’anno  sono stati 38 i buyer di 17 Paesi nel mondo ad interagire con ben 45 produttori locali (leggere su Informacibo).

Dopo l’inaugurazione dello scorso 30 settembre e due apprezzatissimi cooking show con la chef Silvia Baracchi del ristorante Il Falconiere di Cortona e con lo chef Stefano Pinciaroli del ristorante PS di Cerreto Guidi, (organizzati in collaborazione con il progetto regionale di Vetrina Toscana),  in diretta web dalla Loggia dei Nove di Palazzo Pubblico trasformata in un set virtual-reale televisivo a cielo aperto, i veri protagonisti sono stati i prodotti Dop, Igp e Agriqualità regionali che andremo anche a conoscere direttamente in questi  giorni “da mattina a sera“.

Inizia l’educational tour alla scoperta dei prodotti Dop e Igp di Toscana, terra di dolci e sapori

Sono insieme ad un gruppo di giornalisti, provenienti da ogni anfratto della penisola, per questo  Giro di Toscana  alla scoperta dei prodotti Dop e Igp.

Oggi abbiamo assistito alla lavorazione del Pecorino Toscano Dop, scoperto i segreti della finocchiona Igp, della Cinta Senese Dop e di altre leccornie a comciare da quelli dall’azienda Salcis (salumi e formaggi).

I produttori (personaggi dalla cui viva voce traspare sudore, etica del lavoro ma anche tanti sogni e ideali) sono il valore aggiunto del tour, cosi come le bellezze naturali o artistiche dei luoghi che traboccano dietro ogni angolo.

I nostri prodi si son poi recati presso l’azienda di dolci tipici senesi La Fabbrica del Panforte, dove hanno assistito alla produzione di autentici capolavori come i Ricciarelli di Siena igp, il panforte e il panpepato toscano (risalente addirittura al XIII secolo).

Un semplice dolce?

No, piuttosto una barretta energetica ante litteram!

Leggende locali vogliono infatti che mangiando siffatto prodigioso alimento, cavalieri, mercenari e  semplici soldati fossero in grado di vincere battaglie campali.

E Braccio di Ferro con i suoi spinaci, muto!

Ecco l’elenco degli organizzatori di BuyFood Toscana 2020

Regione Toscana e Cciaa di Firenze – PromoFirenze e organizzato da Fondazione Sistema Toscana, grazie alla collaborazione del Comune di Siena e al supporto di Assocamerestero e della Fondazione Qualivita. L’evento si avvale della sinergia di Vetrina Toscana, il progetto di Regione e Unioncamere Toscana che promuove ristoranti e botteghe che utilizzano prodotti tipici del territorio toscano.

I prodotti Dop e Igp toscani

Domani (2 ottobre) si concluderà l’educational tour alla scoperta dei prodotti Dop e Igp toscani.

Nella due giorni i giornalisti accreditati assisteranno alla lavorazione del Pecorino Toscano Dop, scopriranno i segreti della Finocchiona Igp, della Cinta Senese Dop e del Prosciutto Toscano Dop. Visiteranno poi un’azienda di dolci tipici senesi come Ricciarelli di Siena Igp, il primo dolce italiano tutelato per l’Italia, e Panforte di Siena Igp. Infine, prima di ripartire, degusteranno gli Olii Extra vergine di oliva Chianti Classico Dop e Toscano Igp in un frantoio nel Chianti.

Il fotoracconto a cura di Mario Pennelli in arte Bolivar

Condividi L'Articolo

L'Autore