Centinaio, bilancio di un anno di lavoro del Mipaaft

Più internazionalizzazione, valorizzazione dei territori, l’etichettatura, e la Pac “è una delle priorità del mio ministero”

di Donato Troiano

Ultima Modifica: 12/06/2019

Più internazionalizzazione per i prodotti italiani, la valorizzazione dei territori, il decreto sull’enoturismo darà i suoi frutti, il tema dell’etichettatura, l’immagine di qualità dei nostri prodotti garantita dai controlli dell‘Icqrf, il lavoro nei settori in difficoltà come l’ortofrutta, la pesca e l’olivicoltura, la lotta al caporalato e prepararsi a lanciare le nuove strategie per i prossimi anni.

Sono queste le priorità, di qui in avanti, del Ministro delle Politiche Agricole Alimentari Forestali e del Turismo Gian Marco Centinaio, che, dopo un anno alla guida del dicastero di Via XX Settembre, ha tracciato nella sede del Mipaaft, insieme ai sottosegretari Alessandra Pesce e Franco Manzato.

L’altro obiettivo è quello, viste le turbolenze del dopo elezioni europee, “di governare il più a lungo possibile per poter fare quello che dobbiamo fare nei prossimi mesi o anni“.

“Ho creduto fin dal primo giorno sull’importanza del binomio agricoltura e turismo, sull’abbinamento Made in Italy e la valorizzaziazione del territorio. L’agricoltura –ha sottolineato il ministro Centinaio– è il settore che quest’anno è cresciuto di più e questo dimostra che siamo sulla strada giusta, che stiamo lavorando bene. Il turismo deve tornare ad essere all’altezza di ciò che ci chiede il mercato, ci stiamo lavorando e cominciamo a vedere i primi frutti. Il codice identificativo e la classificazione delle strutture alberghiere sono i prossimi obiettivi a breve termine, ma tanti ne abbiamo ancora da raggiungere“.

Sul vino e tutta la sua filiera c’è stato l’impegno e l’attenzione del Ministero perchè il settore è “trainante per l’economia del Paese”. Sul decreto Ocm, l’obiettivo ora per il ministro è consentire un utilizzo più veloce dei fondi da parte delle aziende dando un’accelerara sui tempi di erogazione. Anche il Testo Unico del vino e il registro telematico del vino sono stati interventi per favorire le imprese, nell’ambito di un processo di semplificazione concreta portato avanti con decisione dal ministero “per liberare il potenziale delle aziende”.

Il lavoro sulla nuova Pac è una delle priorità del mio ministero

Personalmente sono favorevole all’idea di congelare la riforma della Politica agricola comune in attesa di un accordo sul prossimo bilancio Ue, ma e’ un’ipotesi sulla quale si sta ancora discutendo”. -ha detto il ministro Centinaio rispondendo a una domanda dei giornalisti. “Non possiamo chiedere piu’ sacrifici ai nostri produttori con nuovi standard ambientali, a fronte di tagli certi sui finanziamenti e soprattutto prima di conoscere l’entita’ dei futuri finanziamenti”.

Condividi L'Articolo

L'Autore