Coldiretti, gli agricoltori con i ‘gilet gialli’ davanti al Ministero

Lanciato l’allarme per la produzione dimezzata di olio extravergine di oliva Made in Italy. Presente anche il ministro Gian Marco Centinaio

di Redazione

Ultima Modifica: 08/01/2019

Stamane a Roma in piazza decine e decine di giacche gialle – quasi a richiamare la protesta dei ‘gilet gialli’ in Francia – colore identificativo della Coldiretti.

Gli agricoltori sono scesi in piazza, guidati dal Presidente Ettore Prandini, per protestare contro la manovra ma in particolare in difesa dell’olio italiano.

I manifestanti si sono dati appuntamento in via XX Settembre, sede del Mipaaft

Diversi erano i cartelli presenti davanti al ministero: “Solo promesse, per l’olio italiano nessun interesse“, oppure “Produzione dimezzata, ovicoltura dimenticata” o ancora “Fermiamo la Xylella, è un #disastrocolposo“.

L’allarme della Coldiretti: “25 milioni di ulivi compromessi”

L’olio in mostra durante la protesta di oggi a Roma

Le condizioni climatiche non ottimali del 2018 hanno inciso molto sulla produzione dell’olio extravergine d’oliva made in Italy. Uno studio della Coldiretti evidenzia come “25 milioni di ulivi compromessi in zone particolarmente vocate hanno fatto crollare il raccolto in 200 milioni di chili, un valore vicino ai minimi storici. Colpite importanti aree del Paese, a partire dalla Puglia dove si contano 90 mila ettari di uliveti senza produzione“.

Il ministro Gian Marco Centinaio: il 31 gennaio sarò in Puglia

Le risposte del ministro del Mipaaft, Gian Marco Centinaio, presente tra gli agricoltori: “Il cento per cento Made in Italy non è uno slogan ma uno stile di vita e di lavoro. Sulle questioni relative alla Puglia, i fondi sono già da mesi sul tavolo (30 milioni più 70 milioni ); un ulteriore emendamento sulla velocizzazione delle procedure di contrasto alla xylella l’abbiamo inserito nel decreto che verrà approvato nelle prossime ore e non nei prossimi giorni”.

Il ministro dell’Agricoltura e del Turismo Centinaio si è poi collegato (nella foto) con il programma televisivo de “l’Aria che tira”, di TV7, ed ha dichiarato che ‘l’incontro di oggi con Coldiretti è stato molto positivo e il 31 gennaio sarò in Puglia’.

Condividi L'Articolo

L'Autore