“Da Vittorio” cucinerà per l’ospedale alla Fiera di Bergamo

L’appello: lo chef Chicco Cerea chiama a raccolta i ristoratori bergamaschi e tutto il mondo alimentare orobico e lombardo

di Donato Troiano

Ultima Modifica: 20/03/2020

Nella difficile battaglia contro il contagio da Coronavirus in prima linea troviamo Bergamo, una delle città maggiormente colpite dalla pandemia.

Tutto il Paese guarda con solidarietà a questa provincia lombarda tanto martoriata dal Covid 19.

Anche  il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella,  rimasto colpito, come tutti gli italiani,  dall’immagine dei mezzi dell’esercito che hanno portato via le bare ha telefonato al primo cittadino della città, Giorgio Gori,  per esprimere la sua “vicinanza e solidarietà al popolo bergamasco” e si è detto “addolorato per la vicenda che sta attraversando la città“.

Intanto va avanti la messa a punto dell’Ospedale da campo concordato tra Comune e regione nei giorni scorsi.

La Protezione Civile ha infatti deciso di installare l’Ospedale nell’area dell’Ente Fiera di Bergamo con una disponibilità di 230 posti letto.

Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, incontrando la stampa dà un taglio alle polemiche sulla mancanza di personale per l’ospedale da campo che stanno preparando gli alpini, affermando: «Siamo riusciti a recuperare un gruppo di medici e quindi i lavori ripartiranno subito».  Quindi  i lavori per l’Ospedale da campo di Bergamo sono ripresi  e la struttura sarà realizzata per allievare la grave situazione che Bergamo e la sua provincia stanno vivendo.

E da questa notizia parte la grande iniziativa di solidarietà che vede protagonista il ristorante “Da Vittorio” di Brusaporto (Bergamo).

Un appello: chiediamo l’aiuto di tutti

Lo chef tristellato Chicco Cerea ha subito fatto un appello sui Social per chiamare  a raccolta i ristoratori bergamaschi e tutto il mondo alimentare orobico e lombardo: «Tutti coloro che ne hanno la possibilità, dai ristoratori, ai titolari di negozi o aziende di generi alimentari o affini, è gentilmente invitato ad offrire degli approvvigionamenti. Se pensi di poter essere d’aiuto, ti invitiamo a inviare una email a [email protected]» ha scritto su Fb.

L’unione fa la forza, condividiamo il più possibile, ha spiegato la famiglia Cerea al quotidiano locale L’Eco di Bergamo: «Noi ci siamo offerti di poter cucinare per l’ospedale da campo: i nostri ragazzi si presteranno a fare ciò che è necessario per dare da mangiare ai medici e ai pazienti, ma abbiamo bisogno di merci. Avremo 500 persone al giorno. Per favore, ai colleghi di Bergamo e della Lombardia: chi può donare frutta, verdura, pane e latticini. Noi li lavoreremo per i nostri eroi. Dateci quello che potete».

Chicco Cerea lascia un numero di telefono, del referente Graziano: 335/8174540

«Con delle celle stiperemo quanto riusciremo a raccogliere. Al più presto di si partirà con le prime cento persone, poi l’ospedale andrà a regime. Per favore chiamateci».

Il Gruppo Da Vittorio Vicook realizzerà quindi tutti i pasti, dalla prima colazione alla cena, necessari sia per i pazienti che per tutto il personale impiegato nella struttura. Si stimano circa 500 persone per 1500 pasti al giorno. «La necessità è quella di realizzare con urgenza una colletta alimentare che permetta di avere in loco frutta e verdura fresca, latte e latticini, pane e suoi derivati e tutti gli ingredienti anche surgelati che possano concorrere alla preparazione dei piatti» ripete Chicco Cerea.

Aderiscono trenta ristoratori bergamaschi di RistorantiBergamo

A rispondere all’appello ci sono gli oltre trenta ristoratori bergamaschi di RistorantiBergamo: «Ci mettiamo a disposizione per donare merci e approvvigionamenti alimentari, per aiutare la nostra città e tutta la Bergamasca in questo difficile momento – dichiarano i ristoratori di RistorantiBergamo -: siamo pronti a fare la nostra parte, rispondendo a questo appello di grande solidarietà lanciato dalla famiglia Cerea, perché uniti possiamo farcela».

➡️ MESSAGGIO IMPORTANTE: MASSIMA CONDIVISIONE ⬅️

➡️ MESSAGGIO IMPORTANTE: MASSIMA CONDIVISIONELa Protezione Civile ha deciso di installare l’Ospedale da Campo degli Alpini nell’area dell’Ente Fiera di Bergamo. Si tratta di 230 posti letto che inizieranno a essere operativi già in settimana. Abbiamo deciso di contribuire attivamente all’organizzazione delle attività, offrendoci volontari per la preparazione pasti. Tuttavia, chiediamo un aiuto concreto a tutti voi. Tutti coloro che ne hanno la possibilità, dai ristoratori, ai titolari di negozi o aziende di generi alimentari o affini, è gentilmente invitato ad offrire degli approvvigionamenti. Se pensi di poter essere d’aiuto, ti invitiamo a inviare una email a cucineospedaledacampo@vicook.itL’unione fa la forza, condividiamo il più possibile! 💪🏻#AndràtuttoBene

Gepostet von Da Vittorio Ristorante am Mittwoch, 18. März 2020

Condividi L'Articolo

L'Autore