Evoluzione Naturale: fiera pugliese dedicata ai vini naturali

60 vignaioli provenienti da tutta Italia, più di 300 vini in degustazione, incontri e tasting saranno i protagonisti dal 27 al 28 gennaio

di Donato Troiano

Ultima Modifica: 22/01/2019

In Puglia si svolgerà la prima edizione della rassegna “Evoluzione Naturale” dedicata ai vini artigianali dove incontrare i produttori, assaggiare i loro vini e ascoltare le storie dei loro territori in una cornice d’eccezione: 60 vignaioli provenienti da tutta Italia, più di 300 vini in degustazione, incontri, tasting e installazioni ceramiche saranno i protagonisti dal 27 al 28 gennaio, nell’antico Convento dei Cappucini a Grottaglie (TA).

La due giorni sarà animata da un nutrito calendario di incontri e tasting

Si parte con un’anteprima sabato 26 gennaio 2018. Al giornalista e scrittore Sandro Sangiorgi il compito di starter della prima edizione della rassegna. Alle ore 18:00 in programma la degustazione/riflessione “Per un nuovo approccio”: un diverso modo di “andare verso il vino”, un gioco di sensi che permetta di leggere tra le righe, una comunione di volti, odori, immagini e parole.

Il programma partirà ufficialmente il 27 gennaio alle ore 9.30, all’interno della chiesetta dell’Antico Convento dei Cappuccini (ora sconsacrata), con un convegno dal titolo “Il vino del suo tempo: il clima che cambia e il ruolo della biodinamica”. La conversazione pubblica sull’influenza del riscaldamento globale sulla viticoltura e sull’enologia vedrà protagonisti Sante Laviola, climatologo e ricercatore del CNR, Michele Lorenzetti, consulente biodinamico e Piero Riccardi, documentarista e produttore a Olevano Romano.

Con oltre 300 etichette da degustare, dalle ore 12:00 alle ore 19:00 (domenica dalle ore 10:00 alle 19:00) si apriranno ai giornalisti, operatori del settore e grande pubblico i banchi d’assaggio. Un’occasione unica per incontrare e ascoltare direttamente dalla voce di chi produce la loro filosofia naturale.

Durante la due giorni inoltre si svolgeranno 3 laboratori del gusto

Domenica 27 gennaio alle ore 13:30 Francesco Camassa, presidente dell’Associazione Italiana Macellerie Artigiane ed Antonio Tomacelli, editore di Intravino terranno una degustazione dedicata all’arte della frollatura della cane. E sarà sempre Antonio Tomacelli con l’autorevole collaborazione del prof. Michele Faccia, docente di agraria all’Università degli Studi di Bari e relatore scientifico dell’Organizzazione Nazionale assaggiatori formaggi ad appassionare il pubblico in una degustazione dedicata ai formaggi a siero. Sarà invece Matteo Gallello, esperto conoscitore del movimento dei vini naturali in Italia e all’estero e redattore di “Porthos edizioni” ad approfondire e abbinare, lunedì 28 gennaio alle 12:30, vino e cibo del Sud.

I vignaioli presenti:

  1. Cantine Cristiano Guttarolo (Puglia)

  2. Dei Agre Di Marta Cesi (Puglia)

  3. Cantina Giara (Puglia)

  4. L’archetipo (Puglia)

  5. De Quarto Vitivinicoltori (Puglia)

  6. Vini Petracavallo (Puglia)

  7. Cantina Supersanum (Puglia)

  8. Tenuta Macchiarola (Puglia)

  9. Marra Francesco (Puglia)

  10. Cantina Pantun (Puglia)

  11. Camerlengo (Basilicata)

  12. Cantina Morone (Campania)

  13. Podere Veneri Vecchio (Campania)

  14. Azienda Agricola Giovanni Iannucci (Campania)

  15. Tenuta San Marcello (Marche)

  16. Tenuta Ca’ Sciampagne (Marche)

  17. Cirelli Azienda Agricola (Abruzzo)

  18. Cantina Indigeno (Abruzzo)

  19. Azienda Agricola Carla Simonetti – “Podere Trinci” (Toscana)

  20. Abbazia San Giorgio (Sicilia)

  21. Sergio Arcuri (Calabria)

  22. Tenuta del Conte (Calabria)

  23. Vigna Cunial (Emilia-Romagna)

  24. Nicola Gatta (Lombardia)

  25. Cascina degli Ulivi (Piemonte)

  26. Ripanero (Basilicata)

  27. Leonardo Pallotta (Puglia)

  28. VNA (Lombardia)

  29. Cantina dell’Angelo – Associazione V.I.T.I. (Campania)

  30. Il Cancelliere – Associazione V.I.T.I. (Campania)

  31. Agricola Le Nuvole (Basilicata)

  32. Cooperativa Vino Nuovo (Veneto)

  33. La Mariara Vini (Puglia)

  34. Cascina Gasparda (Piemonte) distribuito da Auro – Trafficanti di vini

  35. Castello di Stefanago (Lombardia) distribuito da Auro – Trafficanti di vini

  36. Rapillo (Lazio) distribuito da Auro – Trafficanti di vini

  37. Terra di Briganti (Campania) distribuito da Auro – Trafficanti di vini

  38. L’Acino (Calabria) distribuito da Auro – Trafficanti di vini

  39. Elios (Sicilia) distribuito da Auro – Trafficanti di vini

  40. Vinos Ambiz (Spagna) distribuito da Auro – Trafficanti di vini

  41. Malaparte (Spagna) distribuito da Auro – Trafficanti di vini

  42. Cume do Avia (Spagna) distribuito da Auro – Trafficanti di vini

  43. Le Vieux Joseph (Valle d’Aosta) – distribuito da Vinamica

  44. Gonella Vini (Piemonte) – distribuito da Vinamica

  45. ROSmarinus (Liguria) – distribuito da Vinamica

  46. Pietro Torti (Lombardia) – distribuito da Vinamica

  47.  Weingut In Der Eben (Trentino Alto Adige) – distribuito da Vinamica

  48. San-Lurins (Friuli Venezia Giulia) – distribuito da Vinamica

  49. Maria Bortolotti (Emilia Romagna) – distribuito da Vinamica

  50. TerraQuilia (Emilia Romagna) – distribuito da Vinamica

  51. Podere Casaccia (Toscana) – distribuito da Vinamica

  52. Podere della Bruciata (Toscana) – distribuito da Vinamica

  53. Caprera (Abruzzo) – distribuito da Vinamica

  54. Cantina Canneddu (Sardegna) – distribuito da Vinamica

  55. La Cantina di Enza (Campania) – distribuito da Vinamica

  56. Salvatore Magnoni (Campania) – distribuito da Vinamica

  57. Giuseppe Calabrese (Calabria) – distribuito da Vinamica

  58. Manlio Manganaro (Sicilia) – distribuito da Vinamica

  59. Gueli (Sicilia) – distribuito da Vinamica

  60. Kmetija Štekar (Slovenia) – distribuito da Vinamica

Ad “Evoluzione Naturale” la genuinità la farà da padrona anche negli stand dei prodotti che accompagneranno le degustazioni. La panetteria di Sandra Fumarola e i suoi prodotti da forno dolci e salati, il Pizzicagnolo di Antonio Turrisi con i suoi panini gourmet e prodotti caseari, Liquori Margapoti con i suoi liquori e amari artigianali, Vincenzo Crescente con i suoi succhi e confetture al melograno.

I piatti per i laboratori di degustazione saranno realizzati dagli chef Manolo Ghionna e Maria D’Acunto della Luna nel Pozzo di Grottaglie. Le ricette saranno realizzate con prodotti del territorio, tra cui i prodotti caseari e il pluripremiato formaggio “Don Carlo” di InMasseria.

Condividi L'Articolo

L'Autore