Fondazione Barilla per la Giornata mondiale dell’Alimentazione

Barilla: “scegliere diete sostenibili per migliorare la qualità della vita e la salute del pianeta”

di Donato Troiano

Ultima Modifica: 13/10/2020

Il 16 ottobre di ogni anno la FAO celebra la “Giornata Mondiale dell’Alimentazione” per commemorare la fondazione dell’organizzazione nel 1945. In oltre 150 paesi nel mondo si organizzano eventi volti alla sensibilizzazione e alla mobilitazione per chi soffre la fame e per garantire sicurezza alimentare e diete nutrienti per tutti.

La Fondazione Barilla in occasione della Giornata Mondiale dell’Alimentazione

In Italia l’aspettativa di vita alla nascita arriva a circa 83 anni, ma guardando “all’aspettativa di vita sana” il dato scende di circa 10 anni (a 73 di media). Gli italiani, insomma, sono longevi ma negli ultimi anni di vita vedono peggiorare la loro salute, anche a causa di scelte alimentari quotidiane poco equilibrate mantenute nel corso del tempo. 

Sovrappeso e obesità (che colpiscono quasi il 60% dei nostri over 20), insorgenza di malattie croniche (come malattie cardiovascolari, problemi respiratori, diabete, ecc.), mancanza di attività fisica e progressivo allontanamento da modelli alimentari sani, come la Dieta Mediterranea, impattano sulla qualità delle nostre vite. Eppure, ogni individuo può giocare un ruolo fondamentale, sia per la tutela della propria salute che per quella del Pianeta.

Fondazione Barilla, in occasione della Giornata del 16 ottobre, sottolinea come la Dieta Mediterranea sia associata a un buono stato di salute e a un miglioramento della qualità della vita, rendendolo un modello dietetico ideale per prevenire malattie non trasmissibili, oltre a garantire un impatto positivo sulla salute del Pianeta (il nostro attuale sistema alimentare, dal campo alla tavola, contribuisce fino al 37% delle emissioni globali di gas serra). Un concetto sintetizzato dalla Doppia Piramide Alimentare e Ambientale di Fondazione Barilla, che evidenzia come gli alimenti che favoriscono la salute (ortaggi, frutta, olio extravergine di oliva, frutta secca, cereali integrali, base della Dieta Mediterranea) siano anche quelli con minore impronta ecologica.

Il commento di Marta Antonelli, Direttore Ricerca di Fondazione Barilla

“Oggi il 91% dei decessi nazionali è dovuto a malattie non trasmissibili causate, tra i vari fattori, anche da scelte che facciamo a tavola (oltre 3 milioni di persone convivono col diabete, mentre il 44% dei decessi dipende da malattie cardiovascolari). Possiamo  –ha spiegato Marta Antonelli- tutelare la nostra salute e quella dell’ambiente, come evidenziato anche dalla Farm to Fork Strategy dell’UE, partendo dal piatto. Tutti abbiamo un ruolo centrale in questo cambiamento: le organizzazioni internazionali e la società civile, le aziende e i cittadini possono e devono contribuire a un sistema alimentare più equo, sano, giusto e rispettoso dell’ambiente attraverso azioni concrete che sappiano adottare una visione sistemica capace di connettere in modo coerente tutti i problemi della malnutrizione, dal dramma della fame al problema dell’obesità. Il recente riconoscimento del Premio Nobel per la Pace al World Food Programme ribadisce ulteriormente l’importanza di intensificare gli sforzi di tutti per assicurare un futuro migliore alle persone e al Pianeta garantendo a tutti l’accesso a cibo sano e sostenibile”.

LOCKDOWN E REGIMI ALIMENTARI: CRESCIUTI I CONSUMI DI VERDURA (+33%), FRUTTA (+29%) E LEGUMI (+26,5%)

Il COVID-19, nella sua grande drammaticità, ha mostrato l’urgenza di un sistema alimentare nuovo, sano e sostenibile. Secondo un recente studio condotto su 5.000 connazionali, durante il lockdown circa 1 italiano su 2 ha preparato dolci mentre 1 su 3 si è messo alla prova con pizza o focacce. Scelte alimentari che, unite alla ridotta attività fisica e allo smart working, hanno comportato un aumento del 3-4% di chili in eccesso nella popolazione. Il lockdown ha tuttavia generato una rilevante inversione di tendenza in positivo: secondo lo stesso studio è cresciuto anche il consumo di cibi sani come verdura (33%), frutta (29%), legumi (26,5%), acqua (22%) e olio extravergine di oliva (21,5%), portando il Belpaese a riscoprire nuovamente le basi della Dieta Mediterranea.

“Tutti dobbiamo comprendere l’importanza di adottare diete sane e sostenibili e la centralità delle nostre scelte alimentari quotidiane nella tutela della nostra salute e del Pianeta. Per mettere in pratica soluzioni concrete e ribadire il ruolo di ognuno (cittadini, formatori, società civile e decisori) nel ripensare i nostri sistemi alimentari, Fondazione Barilla ricorda l’appuntamento con la prossima edizione del Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione che organizzeremo il 1 dicembre per immaginare e preparare un futuro più sostenibile”, conclude Anna Ruggerini, Direttore Operativo di Fondazione Barilla.

10 AZIONI DAL CAMPO ALLA TAVOLA PER TRASFORMARE IL NOSTRO APPROCCIO AL CIBO

“Aumentare la consapevolezza e l’informazione” e “Consentire l’adozione di scelte alimentari sane e sostenibili” sono due delle 10 azioni presenti all’interno del piano d’azione sviluppato dalla Fondazione Barilla, dal titolo “The Time to Fix the Global Food System is Now: 10 Actions From Farm to Fork”. La strategia parte da quanto presentato dalla Commissione Europea nella sua From Farm to Fork Strategy e si rivolge a tutti gli attori (governi, imprese, finanza, mondo accademico, società civile e cittadini) per ripensare i nostri sistemi alimentari in chiave sostenibile e nel rispetto dei 17 SDG dell’Agenda 2030 dell’ONU. L’obiettivo è guardare al cibo con un approccio olistico, per trasformare in modo sistemico il modo in cui guardiamo al cibo dal campo alla tavola al fine di:

  1. Migliorare standard e terminologie
  2. Rafforzare i sistemi di misurazione
  3. Incoraggiare l’impegno delle aziende su salute e sostenibilità
  4. Promuovere la digitalizzazione delle informazioni
  5. Identificare il costo reale del cibo
  6. Migliorare la sicurezza e diversità delle sementi e la rigenerazione del suolo
  7. Mobilitare tutti gli attori
  8. Aumentare la consapevolezza e l’informazione
  9. Consentire l’adozione di scelte alimentari sane e sostenibili
  10. Creare resilienza globale

Condividi L'Articolo

L'Autore