Tutti i vincitori di Birra dell’Anno a Beer Attraction di Rimini Fiera

di Informacibo

Ultima Modifica: 28/02/2018

Oltre al birrificio CRAK BREWERY risultato il miglior birrificio dell'anno ecco l'elenco di tutti i premiati del concorso nazionale promosso dall’associazione di categoria Unionbirrai, con il supporto di Italian Exhibition Group – Fiera di Rimini
Il birrificio Crak Brewery di Campodarsego (PD) è risultato vincitore del Premio Birra dell’Anno, ospitata per la quinta volta da Beer Attraction nei padiglioni di Rimini Fiera come già annunciato nei giorni scorsi da INformaCIBO (qui la notizia).

Ma la XIII edizione del concorso nazionale "Birra dell'Anno" promosso dall’associazione di categoria Unionbirrai, (con il supporto di Italian Exhibition Group – Fiera di Rimini), ha decretato non solo il miglior birrificio d’Italia ma ha anche premiato le eccellenze nelle produzioni nazionali, con una giuria composta da un team di 84 esperti, con Lorenzo "Kuaska" Dabove nel ruolo di presidente di giuria, che ha valutato e votato 1650 birre proposte da 279 birrifici italiani, suddivise in 41 categorie.

Ecco l'elenco di tutti i premiati:
Cat. 1 – Birre chiare, bassa fermentazione, basso grado alcolico, di ispirazione tedesca e ceca (German e Bohemian Pilsner)
1° posto: Vetra – Vetra Pils
2° posto: Brew Gruff – Pilsener
3° posto: Edfil – Edfil Pils

Cat. 2 – Birre chiare, bassa fermentazione, basso grado alcolico, di ispirazione europea (European Lager, Helles, Zwickl, Keller, Dortmunder Export)
1° posto: Benaco 70 – Helles
2° posto: Birracruda – Helles
3° posto: Brùton – Eva
 
Cat. 3 – Birre chiare ed ambrate, bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico, caratterizzate dall’evidente presenza di luppolo d’aroma e d’amaro di ispirazione americana (Hoppy Lager, Imperial Hoppy Lager)
1° posto: Oldo – Reggia
2° posto: Birrificio Manerba – Sunshine Party 
3° posto: Soralamà – Slurpm
Menzione d’onore: Gilac – Chandra
 
Cat 4 – Birre chiare e ambrate, alta fermentazione, basso grado alcolico di ispirazione anglosassone (English Golden Ale, English Pale Ale)
1° posto: MC77 – Bastogne New England edition
2° posto: Fabbrica della Birra Perugia – Golden Ale
3° posto: Foglie d’erba – Haraban
Menzione d’onore: Mukkeller – Nonnukka
Menzione d’onore: Birra dell’Eremo – Nobile
 
Cat. 5 – Birre chiare e ambrate, fermentazione ibrida, basso grado alcolico di ispirazione tedesca o americana (Kolsch, Alt, California Common, Cream Ale)
1° posto: Benaco 70 – Kolsch
2° posto: Stabräu – Epsilon 
3° posto: Birra Muttnik – Laika
Menzione d’onore: Bellazzi – Calabrifornia
 
Cat. 6 – Birre ambrate e scure, bassa fermentazione, basso grado alcolico d’ispirazione tedesca (Vienna, Marzen, Monaco, Schwarz, Dark Lager)
1° posto: Birrificio Val Rendena – Brenta bräu special winter zeit
2° posto: Birrificio Val Rendena – Brenta bräu Vienna
3° posto: Elvo – Marzen
Menzione d’onore: Labeerinto – Pasifae
Menzione d’onore: Batzen – Bock
 
Cat. 7 – Birre chiare, ambrate e scure, bassa fermentazione, alto grado alcolico di ispirazione tedesca (Bock, Doppelbock, Eisbock, Hellerbock, Mailbock, Strong Lager)
1° posto: Doppio Malto Brewing Company – Jingle Beer
2° posto: Statalenove – Almamater
3° posto: Mukkeller – Devastator
Menzione d’onore: Birrificio Via Priula – Dubec
 
Cat. 8 – Birre ambrate, alta fermentazione, basso e medio grado alcolico, di ispirazione britannica (Mild, British Bitter, Extra Special Bitter, Scottish Ale – Light, Heavy, Export, Irish Red Ale, British Brown Ale)
1° posto: Microbirrificio artigianale Okorei – Tramalti
2° posto: Piccolo Birrificio Clandestino – Santa Giulia
3° posto: Birrificio Barbaforte – Abete
Menzione d’onore: La Zefa – La Zefa
Menzione d’onore: Opera / Pavese – Linx
 
Cat. 9 – Chiare e ambrate, alta fermentazione, basso/medio grado alcolico, luppolate, di ispirazione anglosassone (English IPA)
1° posto: P3 Brewing Company – 50 Nodi
2° posto: Retorto – Krakatoa
3° posto: Ofelia – Amitabh
 
Cat 10 – Chiare, ambrate e scure, alta fermentazione, basso grado alcolico, luppolate, di ispirazione angloamericana (Session APA, Session AIPA, Session IPA)
1° posto: CRAK Brewery – Mundaka
2° posto: Birrificio Porta Bruciata – Shantung
3° posto: Birrificio Porta Bruciata – Dusky Bay
Menzione d’onore: Mezzopasso – Red Stone IPA
 
Cat. 11 – Chiare e ambrate, alta fermentazione, basso grado alcolico, luppolate, di ispirazione americana (American Pale Ale)
1° posto: Birra Muttnik – Bolik
2° posto: Hammer – Spring
3° posto: Croce di Malto – Birra Jazz
 
Cat. 12 – Chiare e ambrate, alta fermentazione, medio grado alcolico, luppolate, di ispirazione americana (American IPA)
1° posto: Hammer – Wave Runner
2° posto: Birrificio Rurale – La 101 volume 2
3° posto: Hammer – Workpiece American IPA
Menzione d’onore: Argo – Hoppy Wan Kenobi
Menzione d’onore: Eternal City Brewing – Lupa
 
Cat. 13 – Birre chiare e ambrate, alta fermentazione, alto grado alcolico, luppolate, di ispirazione angloamericana (Double IPA, Imperial IPA)
1° posto: Birrificio Porta Bruciata – Larkin Street
2° posto: MC77 – Breaking Hops
3° posto: Mukkeller – Hattori Hanzo
 
Cat. 14 – Birre chiare, alta fermentazione, basso e medio grado alcolico, con uso di frumento ed altri cereali, luppolate di ispirazione angloamericana (White IPA)
1° posto: Fabbrica della Birra Perugia – La decennale
2° posto: Bibibir – White Shock
3° posto: P3 Brewing Company – Riff
 
Cat. 15 – Birre ambrate e scure, alta fermentazione, da basso ad alto grado alcolico, luppolate, di ispirazione angloamericana (Red IPA, Brown IPA, Black IPA)
1° posto: Sti Malti – Sta Sciroccata
2° posto: Foglie d’erba – Surly 
3° posto: Ballarak – Glitch
Menzione d’onore: Birrificio Rurale – Castigamatt
Menzione d’onore: Calibro 22 – Buco Nero
 
Cat. 16 – Birre chare, ambrate e scure, alta fermentazione, da basso ad alto grado alcolico, luppolate, di ispirazione angloamericana (Speciality IPA; Rye IPA, Belgian IPA, AIPA e APA fermentate a bassa)
1° posto: Birrificio Badalà – Épicé IPA
2° posto: Ritual Lab – Mango Split
3° posto: Muttnik – Strelka
 
Cat. 17 – Chiare e ambrate, alta fermentazione, massicciamente luppolate in aroma, di ispirazione statunitense (New England IPA)
1° posto: CRAK Brewery – NEIPA DDH Amarillo
2° posto: MC77 – Velvet Suit
3° posto: CRAK Brewery – NEIPA DDH Mosaic
 
Cat. 18 – Strong Ale di ispirazione angloamericana (English Strong Ale, American Strong Ale, Scottish Ale export)
1° posto: Birrificio Civitavecchia – Formidable
2° posto: Birrificio Artigianale Alba – Dogma
3° posto: Argo – Milva
 
Cat. 19 – Birre scure, alta fermentazione, basso grado alcolico, d'ispirazione anglosassone (Porter, Stout)
1° posto: Fiorenero Lab – Tommy’s Porter
2° posto: Otus – Ambranera
3° posto: Eternal City Brewing – Mora
3° posto: Oldo – Bart
Menzione d’onore: Birrificio Civitavecchia – Karnera
 
Cat. 20 – Birre scure, alta fermentazione, basso grado alcolico di ispirazione americana (American Porter, American Stout)
1° posto: Birrificio dei Castelli – Calix Niger
2° posto: Hammer – Bulk
3° posto: Badalà – Storter
 
Cat. 21 – Scure, alta fermentazione, alto grado alcolico di ispirazione angloamericana (American Porter, American Stout)
1° posto: Calibro 22 – Babbo Natale è morto
2° posto: A' Magara – Mierula
3° posto: Birrificio Mediterraneo – D'imma
 
Cat. 22 – Alta fermentazione, alto grado alcolico di ispirazione angloamericana (Barley Wine, Olde Ale, American Barley Wine)
1° posto: CRAK Brewery – Cantina BV05
2° posto: Baladin – Xyauyu'
3° posto: Baladin – Terre
Menzione d’onore: Piccolo Birrificio Clandestino – Fortezza Nuova
 
Cat. 23 – Birre chiare, ambrate e scure, alta fermentazion con lievito Weizen, uso di frumento maltato, da basso ad alto grado alcolico di ispirazione tedesca (Weizen, Dunkelweizen, Weizenbock)
1° posto: La Fenice – Accidia
2° posto: Beer in – Peru Pistun
3° posto: Croce di Malto – Triticum
 
Cat. 24 – Birre chiare, alta fermentazione, basso grado alcolico, con uso di frumento non maltato, di ispirazione belga (Blanche, Witbier)
1° posto: Anbra Anonima Brasseria Aquilana – La Blanche
2° posto: Benaco 70 – Blanche
3° posto: Rebeers – Madeleine
Menzione d’onore: Birrificio della Granda – Passionale
Menzione d’onore: Microbirrificio artigianale Okorei – Beermana
 
Cat. 25 – Birre chiare, alta fermentazione, basso gradazione alcolica, di ispirazione belga (Belgian Blond, Belgian Pale Ale)
1° posto: Malti e Bassi Brew Family – A Killer Beer
2° posto: Birrificio Saragiolino – Vale
3° posto: Baladin – Pop
 
Cat. 26 – Birre chiare e ambrate, alta fermentazione, da basso ad alto grado alcolico, di ispirazione belga (Saison, Biere de Garde, Farmhouse Ale)
1° posto: Birrificio Amerino – Northup
2° posto: Birrificio dell’Aspide – Belle Saison
3° posto: Birrificio Farnese – Green Dew
Menzione d’onore: Bellazzi – Jana
Menzione d’onore: Diciottozerouno – Ocra
 
Cat. 27 – Birre chiare, alta fermentazione, alto grado alcolico di ispirazione belga (Belgian Golden Strong Ale, Tripel)
1° posto: Birrificio del Forte – La Mancina
2° posto: Birra Oxiana – Velvet
3° posto: Birrificio Sagrin – T.Malefica
Menzione d’onore: Rubiu – Flavia
Menzione d’onore: Math – La 70
 
Cat. 28 – Birre scure, alta fermentazione, alto grado alcolico di ispirazione belga (Belgian Dark Strong Ale, Dubbel, Quadruple)
1° posto: Mukkeller – Mukkamannara
2° posto: Alba – Marte
3° posto: Birrificio della Granda – Abbaziale
Menzione d’onore: Baladin – Leon
Menzione d’onore: Croce di Malto – Magnus
 
Cat. 29 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso di spezie
1° posto: Birra Tarì – Malvarosa
2° posto: CRAK Brewery – Dark Chili Pond
3° posto: Anbra Anonima Brasseria Aquilana – D’oro Rosso
Menzione d’onore: MC77 – Fleur Sofronia
Menzione d’onore: Renton – Lola
 
Cat. 30 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso di caffè e/o cacao
1° posto: Birrificio Un Terzo – King Enri III°
2° posto: B94 – Santoronzo
3° posto: Birra del Carrobiolo – Coffee Brett 
 
Cat. 31 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso di cereali speciali (compresi grani antichi)
1° posto: Birranova – Arsa
2° posto: Hordeum – Venus
3° posto: Birrificio Amerino – Edwige
 
Cat. 32 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico affumicate e tornate
1° posto: Brùton – Momus
2° posto: B-Four Beer – Dark Heaven
3° posto: Retorto – Daughter of Autumn
Menzione d’onore: Almond 22 – Torbata
Menzione d’onore: Birrificio Agricolo The Lure – Bird
 
Cat. 33 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico affinate in legno
1° posto: Croce di Malto – Vecchia Ramlin
2° posto: Baladin – Xyauyu’ Barrel
3° posto: Birrificio El Issor Elatan 15 – Rrik
Menzione d’onore: Baladin – Xyauyu’ Fumè 
Menzione d’onore: CRAK Brewery – Cantina BW01
 
Cat. 34 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso frutta
1° posto: Via Priula – Rosa!
2° posto: Lariano – Maren
3° posto: Terrantiga – Pressius
Menzione d’onore: Almond 22 – Fruit Saison Ribes Nero
Menzione d’onore: Ofelia – La La Blend
 
Cat. 35 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso di castagne
1° posto: Birra Aleghe – La Brusatà
2° posto: Oldo – Castaepura
3° posto: La Petrognola – Marron
 
Cat. 36 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso di miele
1° posto: La Birra di Menii – Nardòns
2° posto: Fortebraccio – Birra alle castagne
3° posto: La Diana – Ester
Menzione d’onore: Birrificio Epica – Tifeo
Menzione d’onore: JEB – Maja
 
Cat. 37 – Birre chiare, ambrate e scure, fermentazione alta, bassa o spontanea anche con uso di Brettanomyces, da basso ad alto grado alcolico, caratterizzate dalle note acide (Sour Ale)
1° posto: Bionoc’ – Albicoppe
2° posto: Ca’ del Brado – Pié Veloce Brux Cascade
3° posto: Bionoc’ – Foresta Nera
Menzione d’onore: Ca’ del Brado – Pié Veloce Lambicus
Menzione d’onore: Ca’ del Brado – Pié Veloce Lambicus Golding
 
Cat. 38 – Birre chiare, alta fermentazione, basso grado alcolico salate e/o lattiche di ispirazione tedesca (Berliner, Gose)
1° posto: La Buttiga – Goslar 1826
2° posto: Batzen Braü – Gose XY
3° posto: Civale – Belle Gose
 
Cat. 39 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso di uva, mosto, vinacce, vino cotto di uve bianche (White Italian Grape Ale)
1° posto: La Fenice – Brewine Riserva 2016
2° posto: La Fenice – Brewine
3° posto: Batzen Braü – Julitta IGA
 
Cat. 40 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico con uso di uva, mosto, vinacce, vino cotto di uve rosse (Red Italian Grape Ale)
1° posto: Beer In – Bramabirra
2° posto: Birra del Carrobiolo – Mo’scanzati azzo 
3° posto: CRAK Brewery – IGA TAP CRAK
Menzione d’onore: Dulac – La Murùsa
Menzione d’onore: Pintalpina – Càles
 
Cat. 41 – Birre chiare, ambrate e scure, alta o bassa fermentazione, da basso ad alto grado alcolico di ispirazione libera e non rientranti in nessuna delle precedenti categoria (Extraordinary Ale / Extraordinary Lager)
1° posto: Birranova – Gran Bay
2° posto: Foglie d’erba – Nadal 2017
3° posto: Lambrate – Hazelnut Porter 

Condividi L'Articolo

L'Autore

Capo Redattore