Casinò di Sanremo: nuova partership con Elior. Tutte le novità

Lo chef stellato Carlo Cracco inaugura la partnership d’eccellenza gastronomica tra Casinò di Sanremo ed Elior. Dalle 10 alle 16, al Roof Garden, showcooking con gli chef Elior e con i presidi slow food delle eccellenze del territorio

di Alessandra Favaro

Ultima Modifica: 14/03/2019

Una serie di eventi per far conoscere il nuovo menu del ristorante del Casinò di Sanremo, che inaugura una nuova partnership e un nuovo concept per collegare prodotti del territorio ad alta ristorazione, in una location speciale aperta a turisti, viaggiatori, famiglie. Il menù si stringe ancora di più ai produttori locali e porta nei piatti chicche sconosciute fuori dalla regione ed eccellenze tipicamente liguri, come il pane di Triora fatto col lievito madre, il vino Pigato, il basilico di Prà, la pecora brigasca, l’aglio di Vessalico e molti altri prodotti. 

Il Casinò di Sanremo, luogo di storia e bellezza architettonica, da oggi ha una ragione in più per essere visitato: la proposta enogastronomica “gourmand” dei suoi ristoranti, bistrot e delle caffetterie guidati dal gruppo Elior. Già gestore di locali e bar museali in prestigiosi luoghi d’arte, Elior è leader in Italia nella ristorazione collettiva con 2.400 ristoranti e oltre 2.000 chef, che curano anche la cucina a bordo dei Frecciarossa.

Il ristorante Biribissi, in particolare, oltre ad essere accessibile dall’interno del Casinò, ha ora anche un’entrata separata in Corso degli Inglesi, 18, adiacente all’ingresso di Porta Teatro, ed è aperto al pubblico dal venerdì alla domenica tutte le sere dalle ore 19 e anche a pranzo.

L’appuntamento per la presentazione della nuova partnership Casinò di Sanremo ed Elior e delle novità gastronomiche del Casinò è questo sabato 16 marzo. Si inizia alle 10 del mattino, al “Roof Garden”, con un food market animato dai presidi Slow Food, per raccontare le eccellenze della Riviera.
Alle 12, la terrazza si trasformerà in un grande palco per ospitare lo showcooking a cura degli chef Elior, un’occasione per degustare gratuitamente i nuovi piatti gourmet realizzati con ingredienti locali.
Durante il 2019 il “Roof Garden”, il ristorante “sotto le stelle” del Casinò di Sanremo, ospiterà iniziative a tema aperte al pubblico e sarà disponibile come location per eventi privati.

La giornata di sabato 16 marzo si concluderà con il gala dinner a invito con Carlo Cracco. Lo chef stellato, che già da tempo ha legato il suo nome a quello di Elior, è il primo grande nome che farà la propria comparsa nelle cucine e nelle sale del Casinò di Sanremo.

 

 

Mercatini e menu iperlocale al Roof Garden del Casinò

il ristorante biribissi di Sanremo
il ristorante Biribissi del Casinò di Sanremo

Pane, carciofi, baccalà, olio Evo, olive taggiasche e vino Pigato: tantissimi ingredienti iperlocali che arrivano sui piatti di alta cucina. Questi gli ingredienti principali, tutti rigorosamente locali che compongono il menù dello showcooking di sabato 16 marzo alle 12, al Roof Garden del Casinò.

Gli chef di Elior in particolare prepareranno: il pane di Triora croccante con paté di baccalà ai carciofi sanremesi, aglio di Vessalico ed olio evo di San Martino, tortino di carciofi sanremesi su fonduta di toma di pecora brigasca, polvere di olive taggiasche e limoni di Sanremo; risotto ai carciofi con gamberi rossi di Sanremo, caviale di Pigato e olio al basilico ligure.

Sabato 16 marzo dalle 10 alle 16, al Roof Garden del Casinò, presidi liguri Slow Food e aziende agricole locali sanno in mostra con il meglio dei loro prodotti. Tutti ingredienti che saranno usati dagli chef del Biribissi nei loro menù. Ad accompagnare le visite del pubblico ci saranno Luciano Barbieri, membro del comitato esecutivo di Slow Food Liguria, e Daniela Di Forti, fiduciaria Slow food della condotta “riviera dei fiori alpi marittime”.

I presidi Slow Food al Rooftopmarket sono:

  • Presidio Aglio di Vessalico della cooperativa “A Resta”
  • Presidio Pecora brigasca dell’azienda “I formaggi del boschetto”
  • Presidio Olio extra vergine monocultivar taggiasca (un olio fruttato dolce, molto delicato) dell’Azienda Agricola San Martino Biologica e certificata.

Con loro saranno presenti anche

  • “Il Fornaio pasta madre” di Silvano e Rovere con la “Sardenaira”, la focaccia condita tipica di Sanremo, prodotto DE.CO (denominazione comunale di origine), fatto secondo il disciplinare del comune di Sanremo
  • Il Birrificio Nadir di Sanremo, birre di qualità con metodi artigianali
  • frutta e i prodotti Non solo Zenzero, “Atelier dei sapori” situato nel cuore storico di Sanremo
  • l’Azienda Botti con i prodotti ittici come il salmone, lo spada e il tonno affumicato e le acciughe
  • l’ortofrutta di Marco Volpato, ditta fondata nel 1997 a Sanremo, coni prodotti a km0 come carciofi, limoni, cima di rapa e broccoletti.
  • Il ristorante Biribissi: apertura indipendente per aprirsi alla città

Il ristorante Biribissi, gestito dagli chef Elior Marco Serina e Luca Fassoni, sarà aperto tutto l’anno a cena e a pranzo, da venerdì alla domenica. L’accesso è garantito anche da un ingresso dedicato in corso degli inglesi 18 (porta Teatro) e non è quindi necessario passare per l’entrata del Casinò.

I menu sono realizzati con piatti classici rivisitati con l’utilizzo di prodotti locali, tipici della tradizione ligure, come il carciofo di Albenga, altrimenti denominato “la violetta di Albenga”, tenero e croccante dal sapore dolce, viene utilizzato nell’insalata di carciofi, così come abbinato ad un primo con calamari e gamberi.
Anche un piatto classico come il polpo e patate viene adagiato su una crema a base di ceci, prodotto anch’esso tradizionale del territorio (farinata).
Il basilico utilizzato é quello di Prà universalmente conosciuto e basilare per il tradizionale pesto. Il salmone viene insaporito dal vino Pigato, vino bianco, secco della zona. Il collegamento alla tradizione continua con l’utilizzo del baccalà per preparare degli squisiti ravioli ripieni.

Il ristorante ha come panettiere un fornitore che come da tradizione utilizza il lievito madre e prepara, tra i vari prodotti, il classico pane di Triora.

 

Le dichiarazioni dei partner

Commenta Alberto Biancheri, sindaco della città di Sanremo:

“Accogliamo con molto piacere lo chef stellato Carlo Cracco che dà il via ad una partnership d’eccellenza, quella tra Elior e la Casa da Gioco. Siamo certi che la presenza di un gruppo multinazionale come Elior saprà portare ad alti livelli la ristorazione del Casinò di Sanremo. La nostra città è pronta per diventare protagonista di un importante rilancio capace di sviluppare, con offerte sempre più finalizzate, anche un’economia legata al turismo alimentare”.

Il  presidente del Casinò, Massimo Calvi aggiunge:

“Abbiamo riscontrato in Elior la nostra stessa ricerca di qualità per offrire ai nostri ospiti un’ accoglienza gastronomica d’eccellenza, che divenga un’esperienza unica, in linea con la nostra tradizione.E’ iniziata una nuova fase dove la ristorazione torna un elemento strategico e portante della nostra proposta d’intrattenimento. La cultura del cibo è benessere soprattutto se coniugata con eventi mirati ad esaltare la tipicità del territorio e la ricercatezza di gusti e di menù appositamente creati per soddisfare le più esigenti aspettative della clientela e del pubblico in generale. Diamo il benvenuto ufficialmente ad Elior, e allo chef stellato Carlo Cracco, che inaugura questa nuova epopea della ristorazione al Casinò di Sanremo.”

Il direttore generale, Giancarlo Prestinoni sottolinea:

“Già in questo primo mese di attività i nostri clienti hanno potuto constatare la grande professionalità di questa pregiata offerta di ristorazione. E’ un nuovo corso i cui positivi effetti si moltiplicheranno nel tempo, consentendo alla nostra Azienda di dare anche nel settore dell’accoglienza enogastronomica quelle risposte di qualità che la nostra clintela si aspetta in linea con la nostra importante tradizione.”

  Rosario Ambrosino, amministratore delegato del Gruppo Elior evidenzia inoltre l’ esperienza nell’ambito della ristorazione e nell’hotellerie di Elior. Un know how che:

“Ci permette di innovare continuamente il settore grazie all’ispirazione dei tanti chef stellati con cui da sempre collaboriamo e alla nostra capacità di mettere a sistema un’offerta sostenibile, di gusto e di massima cura della qualità. Proprio per questa sede prestigiosa, ricca di arte e storia, si proporranno menu per valorizzare le eccellenze gastronomiche locali interpretate dalle mani esperte dei nostri chef per appagare il gusto della clientela internazionale che visita ogni anno Sanremo”.

Condividi L'Articolo

L'Autore

giornalista