fbpx

Enit-Unicredit, accordo per sostenere il turismo agroalimentare

Il turismo italiano è un settore che pre-pandemia valeva 13,2% del PIL, e occupava il 15% della forza lavoro nazionale

di Donato Troiano

Ultima Modifica: 20/03/2021

Turismo e agroalimentare come motore per il rilancio dell’economia nell’Italia post pandemia.

E’ con questo scopo che UniCredit e l’Agenzia Nazionale del Turismo (Enit) hanno sottoscritto un accordo finalizzato ad intraprendere azioni comuni di rilancio e di supporto al turismo italiano.

La partnership, di fatto, si basa su un report dell’Osservatorio Turismo Nomisma-UniCredit che analizza le nuove abitudini ed esigenze dei viaggiatori italiani viste anche in relazione della pandemia. Turismo e Agroalimentare come motore per il rilancio dell’economia nell’Italia post pandemia.

Il turismo italiano è un settore che pre-pandemia valeva 13,2% del PIL, e occupava il 15% della forza lavoro nazionale, attraverso una logica di filiera integrata con il settore agroalimentare.

Palmucci, Enit: sostegno alla tradizione enogastronomica

L’Italia esprime tutta la propria autenticità anche attraverso espressioni artistiche culinarie – ha affermato Giorgio Palmucci, Presidente Enitla tradizione enogastronomica made in italy è ricercata in tutto il mondo e i turisti stranieri trascorrono notti in Italia per assaporarne questa cultura. La food experience è tra i principali motivi che spinge a scegliere il nostro Paese”.

Condividi L'Articolo

L'Autore