Il “non compleanno” di Gioacchino Rossini si festeggia a Pesaro

Nasce il nuovo Sweet Rossini, in una settimana tutta per scoprire il "lato B" del grande compositore: il lato gourmet. I piatti e i luoghi celebri di Gioacchino Rossini

di Alessandra Favaro

Ultima Modifica: 26/02/2019

Le due sfaccettature del genio pesarese, Gioacchino Rossini, il compositore e il gourmet, sono al centro della Settimana Rossiniana 2019, attualmente in corso fino al 3 marzo. Un grande compositore, ma anche un grande amante del cibo e del vino. E Pesaro è la destinazione ideale per scoprire tutte le declinazioni dell’artista, in un percorso enogastronomico che mixa musica, cultura e sapori.

Un’occasione per scoprire il “lato B” di  Rossini, il raffinato gourmet ambasciatore del gusto italiano in Europa. Le sue sinfonie, a 150 anni dalla morte, sono immortali, e forse meritano di esserlo anche i suoi piatti.

Non a caso proprio a Rossini sono state dedicate diverse ricette, che ne hanno preso il nome. Dal celebre filetto alla Rossini  ai tournedos alla Rossini, alle uova alla rossini, fino ai maccheroni alla Rossini. Sono tantissime le ricette “alla Rossini” che indicano un forte legame con la buona cucina del genio della musica.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Pesaro Musei (@pesaromusei) in data:

E così, in concomitanza con la Settimana a lui dedicata, a Pesaro fioccano iniziative dedicate al Rossini Gourmet: dalle degustazioni audioguidate nella casa natale del compositore all’allestimento di una cantina Rossini, da un dolce a lui intitolato, all’apertura di un bistrot dedicato, fino a un concorso nazionale per gli studenti degli istituti alberghieri.

la Pasta alla Rossini
la Pasta alla Rossini

Una serie di iniziative che integrano i percorsi storici, culturali e gastronomici dedicati a Rossini: recarsi a Pesaro, percorrere le strade, inoltrarsi nel centro, passeggiare tra palazzi, musei e monumenti permette di stabilire un contatto profondo, anche fisico e sensoriale, con un vero “gigante”, un patrimonio dell’umanità.

Nasce il dolce dedicato a Rossini

A breve, ci si potrà portare a casa un dolce ricordo tipico del luogo: l’AMPI, Accademia Maestri Pasticceri Italiani ha indetto un concorso per individuare il dessert che potrà rappresentare nel mondo il lato gourmet del compositore. Oggi, 26 febbraio, con i 4 pasticceri AMPI selezionati: il dolce creato da uno di loro sarà ufficialmente dichiarato “Sweet Rossini”, e diventerà un delizioso ambasciatore di Pesaro nel mondo. Da oggi parte lo studio per il packaging e la commerciabilità. Tra le caratteristiche: la “portabilità”, cioè che si possa comprare e trasportare anche senza problemi, in modo che diventi il perfetto souvenir. Per questo è senza creme deperibili, in modo che possa essere a lunga durata, ma senza additivi.

La cucina di Rossini

In pieno fermento anche il Comitato “La cucina di Gioachino Rossini”, che ha ideato delle degustazioni audioguidate a Casa Rossini: delle visite tematiche incentrate su aneddoti e storie legati al compositore che si concludono con un assaggio di prodotti e ricette rossiniane. Un’esplorazione che sollecita i sensi e invita a sedersi a tavola per vivere un’esperienza intellettuale ed estetica: tutto questo tra le atmosfere e le stanze che hanno visto nascere e crescere Rossini. I testi e le audioguide sono a cura di Koinè Teatro Sostenibile.

La Cantina Rossini

La Cantina Rossini
La Cantina Rossini

Sempre a Casa Rossini ha trovato spazio una vera e propria cantina che esalta la passione enologica del compositore, che da vero viveur accompagnava i pasti con eccellenti libagioni. La Cantina Rossini si trova nel seminterrato, è una location aperta a incontri, presentazioni e degustazioni e lavora in sinergia con l’area hospitality dell’ultimo piano. All’interno si possono trovare alcune etichette delle Cantine Offida, partner dello spazio Rossini Gourmet.

Il bistrot

Intorno a Rossini si realizzano progetti che coinvolgono, oltre ad istituzioni cittadine, enti culturali, associazioni, anche gli esercenti di Pesaro. Come il nuovo Rossini Bistrot, a pochi passi dal Museo nazionale Rossini, una formula contemporanea di ristorazione che rilegge in chiave creativa e contemporanea le ricette di Rossini. Ai fornelli, un talentuoso Cesare Gasparri, chef classe 1989. Un locale che vivrà in simbiosi con il vicino Teatro Rossini, proponendo formule pre e post spettacolo, ma anche lezioni di cucina, cooking show e sessioni di “teatro del gusto” per chef e pasticceri.

Il concorso

Infine, un’iniziativa che si rivolge alle nuove leve della ristorazione e della cucina: il Comitato Nazionale per le Celebrazioni dei Centenari Rossiniani ha organizzato, in collaborazione con enti formativi e istituzioni – tra le quali il Comune di Pesaro – la seconda edizione del Concorso nazionale “Gioachino Rossini, Grand Gourmet”, dedicato agli studenti e alle studentesse delle quarte classi degli Istituti professionali alberghieri italiani di enogastronomia, cucina, pasticceria, sala e vendita. A coppie, gli allievi si misureranno tra loro: ai vincitori, oltre a un premio economico, la possibilità di svolgere uno stage in un’importante realtà italiana.

Condividi L'Articolo

L'Autore

giornalista