La Borsa Internazionale del Turismo (BIT) a Milano dall’11 al 13 febbraio

di Redazione Informacibo

Ultima Modifica: 28/02/2018

Saranno presenti molte regioni, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia Romagna, Molise e Sardegna con alcune prestigiose new entry e ritorni come Lazio, Liguria e Umbria. L’Emilia Romagna “sfila” per presentare le sue eccellenze turistiche e gastronomiche compreso Fico di Farinetti
A Fiera Milano City (dall’11 al 13 febbraio) la fiera del turismo più importante in Italia.

Più di 240 espositori provenienti da 72 paesi e 1.500 buyers internazionali provenienti da 79 paesi. Sono alcuni numeri di Bit, la Borsa Internazionale del Turismo organizzata da Fiera Milano e Mico: tre giornate intensissime fra business, formazione, esperienze e scoperte per operatori professionali e viaggiatori.

Per quanto riguarda i trend grande attenzione sarà rivolta agli eventi dedicati all’enogastronomia con la presenza anche di Bit of Taste, dedicata al turismo enogastronomico, e in quest'anno dedicato al Cibo Italiano nel Mondo, proposto dai ministri Franceschini (Turismo) e Martina (Politiche Agricole), molte le iniziative per far conoscere al mercato turistico domestico e internazionale le proposte di eccellenza, nel segmento Food Travel Experience.

Lunedì 12, esattamente in linea con l’Anno del Cibo Italiano nel Mondo, ci sarà infatti la presentazione della ricerca ‘Il turismo enogastronomico, driver della promozione del territorio a livello nazionale e locale; ricerca promossa dall’Osservatorio del BIT condotta da Magda Antonioli Corigliano, coordinatrice del Master in Economia del Turismo (MET) della Bocconi.

Seguita, martedì 13, dallo presentazione dello studio sui trend, a cura del CISET: ‘2018 Italia Boom! Che incoming ci aspetta.

Tra gli appuntamenti più importanti della tre giorni milanese ci sarà anche la presentazione del XXI Rapporto sul Turismo Italiano, con un contributo del Direttore Generale Turismo, Francesco Palumbo. Il Rapporto sarà presentato da Alfonso Morvillo, Direttore CNR-IRISS ed a seguire la tavola rotonda ‘L’innovazione nel turismo come leva strategica per lo sviluppo economico in Italia’”.

A conferma del buon momento che sta vivendo il turismo in Italia, saranno presenti molte regioni, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia Romagna, Molise e Sardegna con alcune prestigiose new entry e ritorni come Lazio, Liguria e Umbria.
Nell’outgoing si conferma invece il crescente interesse per l’area mediterranea, Medio Oriente e l’Europa dell’Est rappresentata a Bit da Croazia, Polonia, Romania, Russia e Slovenia.

Per le destinazioni a lungo raggio, invece, focus ancora sugli Stati Uniti che dopo il positivo riscontro del 2017, hanno deciso di rafforzare la propria presenza. Prosegue anche la crescita dei mercati asiatici e dell’Africa e del Centro-Sudamerica.

Da segnalare la “forte” presenza dell’Emilia Romagna che “sfila”, con i suoi tesori turistici.

Saranno presenti alla rassegna milanese una cinquantina di operatori turistici regionali, ospitati in uno stand di circa 400 metri quadrati collocato nel Padiglione 3 di Fiera Milano City. L’importante iniziativa promozionale, coordinata da APT Servizi Emilia Romagna, è realizzata nell’ambito dei Fondi europei 2014-2020 della Regione Emilia Romagna-Por Fesr.

Le proposte di vacanza 2018 presentate alla BIT dalla Regione rilanciano le “mille” opportunità per vivere un turismo dell’esperienza in Emilia Romagna con, in primo piano, i prodotti della Food, Motor e Wellness Valley. Un corner personalizzato è dedicato al Parco Agroalimentare FICO Eataly World aperto a Bologna lo scorso 15 novembre.

Tra le aree tematiche della Bit 2018 anche I Love Wedding dedicate ai viaggi di nozze. Focus con una formula rinnovata sull’importante segmento Mice, i viaggi legati a convegni, congressi ed eventi. Tornerà ad essere rappresentato anche il turismo religioso e quello Lgbt.

Infine Bit 2018 offrirà inoltre un ricco palinsesto di eventi, convegni e momenti formativi, tra i quali oltre 90 organizzati direttamente da Bit e NoFrills.

Tutte le aree espositive su INformaCIBO.
Il sito della BIT

Condividi L'Articolo

L'Autore

Capo Redattore