Prosecco batte Champagne: è lo spumante più esportato fuori dall’Ue

di Oriana Davini

Ultima Modifica: 03/01/2022

Un primato tutto italiano, che porta il Prosecco sul primo gradino del podio degli spumanti più esportati al di fuori dell’Unione Europea, lasciando allo Champagne francese la medaglia d’argento.

Leggi anche: Insalata verde Waldorf con pollo croccante, sedano, noci, mele e salsa di spumante

Gli spumanti più esportati

Nel 2020, rileva Eurostat (l’ufficio statistico dell’Unione europea), sono stati esportati 494 milioni di litri di spumante dagli stati membri dell’Ue verso Paesi extra Ue: numeri che segnano per la prima volta in 10 anni un calo dell’export (nel 2019 sono stati esportati 528 milioni di litri di spumante fuori dall’Ue).

La classifica vede in top 3:

  1. Prosecco: 205 milioni di litri esportati (41% del totale)
  2. Champagne: 66 milioni di litri (13% del totale)
  3. Cava: 58 milioni di litri (12% del totale)

Il peso della pandemia

prosecco-spumante

La vittoria italiana non cancella il fatto che, per la prima volta da un decennio, l’esportazione di spumanti extra-Ue abbia subito un calo del 6%. Secondo gli analisti di Eurostat, a pesare è soprattutto è la pandemia sanitaria, che smorzato la crescita del commercio di vino chiudendo bar e ristoranti. 

Un trend completamente diverso da quello registrato negli anni precedenti, quando le esportazioni si spumanti europei crescevano a un tasso medio dell’8% annuo, con il boom del 2014, che ha visto volare l’export a +11% rispetto al 2013.

E l’import? Ebbene sì, gli Stati membri dell’Ue importano spumante da Paesi extra Ue: per la precisione sono stati 9,3 milioni di litri, “solo” il 2% della quantità esportata.

Capodanno: 620 milioni di bottiglie di spumante italiano

Guardando in particolare all’export Made in Italy, secondo Coldiretti a Capodanno  all’estero sono state stappate circa 620 milioni di bottiglie di spumante italiano. Un vero e proprio boom, che segna un aumento del 29% rispetto all’anno scorso.

In base alle previsioni Istat, inoltre, alla fine dell’anno per la prima volta si è raggiunto il record storico di esportazioni all’estero, pari a un valore di 1,9 miliardi di euro.

 

Condividi L'Articolo

L'Autore

giornalista

Giornalista specializzata in turismo e itinerari enogastronomici