fbpx

Street food di qualità: panzotti e pinsa romana da gourmet

In viaggio sul Wonderfood food-truk di Marco Moliterno, un giovane imprenditore romano sfida le piazze d’Italia con lo street-food

di Collaboratori

Ultima Modifica: 22/03/2019

Un recentissimo passato da studente in scienze politiche, ma anche una irrefrenabile passione per il cibo ha portato Marco Moliterno a realizzare un food-truk, un ipertecnologico furgone del gusto, con cui serve in mille modi diversi la pinsa romana e i panzotti in giro per l’Italia.

Universitario, ma anche lavoretti di pizzaiolo e cuoco hanno fatto di Marco un appassionato cultore dello Street Food, che propone in un talebano contesto di qualità.

Sì, “qualità in tutto e per tutti” è il motto di Marco, che ha fatto della sua pinsa, le cui origini risalgono all’Impero Romano, un gustoso street-food da gourmet.

Lo realizza con materie prime di altissima qualità farina italiana, lunga lievitazione naturale, olio extravergine di oliva, salse e condimenti che provengono dalla pianura pontina.

Mozzarella di bufala Campana Dop, pomodorini delle piane di Fondi, porchetta di Ariccia e, per chi vuole i sapori forti, offre il peperoncino coltivato dagli amici dell’Accademia.

Ma l’estrema attenzione alla qualità non si ferma al cibo, anche il suo food-truk è una macchina perfetta, dai forni di altissima qualità, alle cappe aspiranti con filtri ecologici, banchi frigo a temperatura controllata, ai serbatoi per il smaltimento sostenibile dell’olio dopo la frittura, fino ad arrivare ai tanti marchingegni che permettono ad un food-truk di sfidare una cucina a cinque stelle e qualsiasi condizione d’impiego grazie a un generatore di corrente che consente l’autonomia energetica all’intera struttura.

La mia soddisfazione, confessa Marco “è osservare il piacere della degustazione sul volto dei miei clienti”

Anche le ricette delle sue creazioni gustose a base di panzotti e pinsa sono frutto di uno studio dell’abbinamento di sapori testati uno per uno fino ad ottenere nell’insieme un sapore che dia il piacere al palato ma anche alla mente. La mia soddisfazione, confessa Marco “è osservare il piacere della degustazione sul volto dei miei clienti che, sul ciglio della strada trovano un inaspettato angolo di paradiso”.

Le sue ricette ispirate ai grandi nomi dell’arte e della scienza sono un connubio tra tradizione e innovazione, tra le più gettonate senz’altro Goya e il Da Vinci.

La pinza romana alla Goya e il panzotto alla Da Vinci

Goya è una pinsa romana ispirata alla rivisitazione della tradizionale Carbonara. Per dare il sentore di questo piatto in formato street-food, Marco salta in padella con olio EVO del guanciale di Ariccia spennellato di rosso d’uovo poi, leggermente indorato lo usa per farcire la pinsa con mozzarella di bufala Campana Dop, che conferisce morbidezza e pecorino romano Dop che esalta il sapore. A finire, immancabile nella carbonara il pepe macinato un pò grosso. In forno per quattro minuti e la Pinsa Goya è calda pronta a darci qualche minuto di felicità magari accompagnandola con un boccaletto di birra artigianale.

Altro grande cavallo di battaglia della street-food di Marco è il panzotto alla Da Vinci, che si ispira alla grande fantasia creativa dell’inventore toscano in cui, con grande audacia gastronomica Marco ha unito prima dell’infornata la porchetta alla scamorza affumicata e alla cipolla grigliata mitigate poi a freddo da rucola e salsetta di tuorlo d’uovo e cetriolini.

Marco lo potete trovare su Facebook sotto il nome di Wonderfood – the Street Food, oppure alla mail qui, oppure ancora al 329 4364668 e la prossima settimana vi aspetta da giovedì a domenica a Roma in Piazza Don Bosco.

A cura di Enrico Barcella

Marco Moliterno al lavoro

Condividi L'Articolo

L'Autore

Collaboratori