Vacanza gourmet in Val d’Aosta: castelli, orti e tipicità locali

Cosa vedere, cosa degustare, dove soggiornare e quali prodotti tipici scoprire in estate

di Alessandra Favaro

Ultima Modifica: 02/07/2018

Vacanze alternative al fresco, ma gourmet.  la Val d’Aosta è una meta che in estate attira anche i gourmet, ammirando i vigneti e i meleti che si dipanano lungo i pendii, borghi e castelli che custodiscono prodotti rari ed esperienze gastronomiche da provare.

 

La bella stagione è occasione perfetta per visitare ad esempio il castello di Introd a pochi km da Aosta,e visitabile soltanto d’estate, famoso per la sua forma poligonale. Degna di nota l’adiacente cascina L’Ola, uno degli esempi più significativi di costruzione rurale del ‘400 in passato.

Castello di Introd (foto Enrico Romanzi)
Castello di Introd (foto Enrico Romanzi)

Oltre Cogne, sorge il Castello di Sarre antica residenza di villeggiatura dei Savoia per le battute di caccia di re Vittorio Emanuele II nelle valli circostanti, ora protette dal Parco Nazionale del Gran Paradiso, che da qualche anno ha avviato un progetto di prodotto gastronomici a marchio parco.

Il Marchio Qualità Gran Paradiso è  uno strumento di identificazione che  l’ente Parco assegna a operatori del settore turistico alberghiero, artigianato e agroalimentare impegnati in un percorso di qualità e sostenibilità, per garantire ai consumatori la provenienza dal territorio del Parco, la qualità delle lavorazioni, un’accoglienza all’insegna del rispetto per l’ambiente oltre che della cortesia e delle tradizioni locali.

Un altro castello da non perdere anche dal punto di vista gourmet è quello dei Signori di Avise situato nel paese omonimo: eretto da Bonifacio d’Avise nel 1492, oggi svela tracce di diverse fasi architettoniche nella struttura oltre alla presenza di elementi antichi di pietra (architravi, cornici di finestra), frammenti di dipinti, decorazioni, graffiti che testimoniano la ricchezza della sua storia.Al suo interno ospita l’enoteca “Signori di Avise” dove si possono gustare di vini valdostani accompagnati da taglieri di salumi e formaggi locali e degustazioni ad hoc. 

Al suo interno ospita l’enoteca “Signori di Avise” dove si possono gustare di vini valdostani accompagnati da taglieri di salumi e formaggi locali e degustazioni ad hoc.

Il viaggio attraverso l’autenticità valdostana continua con tappa a La Cave des Onze Communes che offre la possibilità di degustare vini autoctoni.

Le gustose mele valdostane invece si possono conoscere e gustare presso l’azienda agricola Saint Grat  situata a Gressan, dove si producono golden delicious e renetta.

E per souvenir? Artigianato locale per l’amico gourmet  nel laboratorio Les Amis du Bois  situato in una frazione di Introd  che vive, ancora oggi, della produzione di grolle e coppe dell’amicizia , gli oggetti più rinomati della tradizione valdostana, dove bere vini e caffè alla valdostana. 

 

Tipicità e atmosfere rurali alla Maison Bruil (foto Enrico Romanzi)

Tra le località più celebri per gli appassionati di tipicità locali, in località Villes Dessus di Introd  c’è la Maison Bruil . Antica casa rurale a funzioni concentrate, si dispone su tre piani diversi che consentono di scoprire antichi usi e approfondire tradizioni secolari. La “crotta”, la ghiacciaia naturale, il “crotteun”, il “peillo”, le zone di essiccazione e il solaio sono alcuni degli spazi della struttura, che ospita l’esposizione Conserver le souvenir…se souvenir pour conserver: un viaggio attraverso i prodotti locali e l’evoluzione delle tecniche di conservazione. 

Produzioni tipiche, sapori valdostani e antiche tecniche di conservazione come la salatura, l’essicazione, l’isolamento dall’aria e il freddo si scoprono nella casa museo, che racconta le radici di una tradizione enogastronomica senza eguali.

Qui i produttori locali, gli agricoltori, i casari, i vigneron e gli artigiani aspettano solo di raccontare la storia della loro famiglia e della loro passione per una terra unica come la Valle D’Aosta. Dallo studio alla pratica il passo è breve: per gli amanti dei prodotti tipici della Vallée – come la Fontina Dop, il Fromadzo Dop, il Jambon de Bosses Dop, il Lard d’Arnad Dop, i salumi tipici come la Motsetta o il Boudin, i vini Doc della regione e le mele con il marchio Augusta – c’è un posto che riunisce le prelibatezze di questo fazzoletto di terra: Tascapan. 

 

Tascapan (a Introd, frazione Villes Dessus) è un concentrato di tipicità valdostane e non solo: il progetto è quello di promuovere la filiera corta – direttamente dal piccolo produttore alla tavola del consumatore – attraverso eventi dedicati, degustazioni uniche e la selezione dei prodotti valdostani più autentici, offrendo un sostegno e supportando le comunità rurali e di montagna. E’ la destinazione anche per accaparrarsi qualche souvenir originale, come il kit per produrre il genepy una volta tornati a casa.

Il kit per il Génépy fai da te Tascapan
Il kit per il Génépy fai da te

Le strutture ricettive si uniscono nel rievocare il passato e nel creare atmosfere tipiche.

Qualche chicca: Nel Fienile della Nonna – risalente al 1742 – è possibile soggiornare in un luogo pensato per ricreare gli ambienti tipicamente alpini, caratterizzata da arredi in pietra naturale e legni antichi e appartamenti con nome in patois, il dialetto locale. 

Nel Relais Du Paradis ogni oggetto e complemento di arredo è stato scelto per ricreare un ambiente accogliente e familiare, con uno sguardo rivolto verso tradizioni e gli usi locali. 

Maison Chabod è invece una casa trasformata in affittacamere grazie alla passione e alla cura della famiglia Chabod che ha creato spazi fruibili dotati di impianti moderni e funzionali, restaurando e riutilizzando molti elementi della casa.

La Pietra Felice è una struttura ricettiva accogliente, dove soggiornare per vacanza e relax, immersi nell’atmosfera di un piccolo paese di montagna, alle porte del Parco Nazionale del Gran Paradiso. 

A Vielles Maisons d’Introd gli appartaenti nascono da antiche case del paese.

E c’è una piccola sorpresa: il giardino con orto dove poter cogliere frutta e verdura di stagione. 

Il giardino con orto per gli ospiti al Bellevue (foto S. Carletto)
Il giardino con orto per gli ospiti al Bellevue (foto S. Carletto)

Condividi L'Articolo

L'Autore

giornalista