E a Milano arrivano i picnic metropolitani con i cestini di Peck

di Redazione Informacibo

Ultima Modifica: 20/07/2020

Riconciliare il rapporto tra cibo e natura, anche nel modo di vivere e interpretare i riti sociali attorno al cibo. Portare il brunch e l’aperitivo sul prato – en plein air – in uno dei parchi più suggestivi di Milano, con una proposta gastronomica di alta qualità: sono questi gli ingredienti del nuovo Picnic di Peck Citylife.

Un’esperienza  disegnata per portare la qualità e il gusto dei prodotti Peck nella natura al centro della città e permettere di trascorrere un brunch pomeridiano o un nuovo tipo di aperitivo in un’atmosfera rilassata, indipendente, libera da costrizioni e formalismi.

Il parco di CityLife, terzo più grande della città, si stende su una superficie di 17.000 mq ricca di una vegetazione autoctona fatta di alberi, prati, orti urbani, specchi d’acqua e piste ciclabili, su cui svettano le torri progettate dalle archistar di fama internazionale.

Nel parco trovano collocazione le opere di arte contemporanea di ArtLine Milano, un progetto di arte pubblica del Comune di Milano articolato in oltre venti opere permanenti. La natura è arricchita dalla presenza degli Orti Fioriti, un’area verde di oltre 5.000 mq realizzata in collaborazione con Associazione Orticola di Lombardia che prevede coltivazioni di erbe aromatiche ed officinali, fiori e ortaggi

Per la sua versione del Picnic, Peck propone 6 differenti formule pensate per 2 persone, ma anche la possibilità di personalizzare il menù scegliendo le pietanze direttamente al banco gastronomia.

Il servizio è disponibile nella versione brunch durante il weekend e in quella aperitivo, dal martedì alla domenica. Una volta prenotato, il cestino potrà essere ritirato direttamente da Peck CityLife, in Piazza Tre Torri, all’orario stabilito.

Il cesto in vimini include, oltre alle pietanze, coperta, posate e bicchieri: tutto l’occorrente per vivere un’esperienza di qualità, unendo in un rito antico il piacere del cibo alla natura.

brunch peck

Il Picnic Brunch

Disponibile il sabato e domenica, dalla 12.00 alle 16.00, è pensato in 4 diverse formule con prezzi da
25, 30 e 50 euro a testa. Tra le proposte troviamo piatti freschi come la caesar salad, lo storione alla
catalana, il riso mare o il panino con il roast beef Peck; non mancano alcune delle icone di Peck, come
i mondeghili, i gamberi in salsa cocktail, il Parmigiano Reggiano e i paninetti con gamberi e vitello
tonnato. A concludere un dolce tra crostata ai lamponi o albicocca, plumcake all’arancia o macedonia
di frutta.

picnic milano peck
Il Picnic Aperitivo

Due diverse formule (20 euro a testa), disponibili dal martedì alla domenica, dalle 18 alle 21.
Protagonisti sono i classici panini al latte di Peck, farciti con alcuni must della gastronomia, come
bresaola, insalata russa, vitello tonnato e gamberi; ad accompagnarli pinzimonio, olive verdi o
melone. Per un brindisi sotto le stelle sono suggeriti alcuni signature cocktail: come il Mito e il
Negroni (6,50 euro), perfetti per una serata estiva, o una bottiglia di bollicine Franciacorta Peck (a
partire da 39 euro).

Picnic tailor made

Chi preferisse personalizzare il proprio cestino per il brunch o l’aperitivo, può scegliere direttamente
tra le proposte del banco gastronomia di Peck CityLife: un vero universo di sapori, dai celebri salumi
e formaggi selezionati o prodotti da Peck, ai piatti della tavola calda (cotolette, arancini, parmigiana
di melanzane…), alle proposte iconiche di Peck (insalata russa, vitello tonnato, gamberi in salsa
cocktail, paté…). Anche per il vino, la selezione si estende alla ricca offerta dell’enoteca di Peck
CityLife.

Come funziona

Il cestino è disponibile su prenotazione, chiamando Peck CityLife al numero 02 3664 2660 o
scrivendo alla mail [email protected] Completo di tutto l’occorrente per il Picnic, potrà
essere ritirato il giorno e all’orario stabilito, sempre presso il negozio di CityLife. Al momento del
ritiro verrà chiesto un documento di identità che sarà restituito alla riconsegna del cesto.

Condividi L'Articolo

L'Autore