Elior apre la sua Food Academy: verso una nuova cultura del cibo

Scienziati, nutrizionisti, chef, esperti: porte aperte al nuovo crocevia dedicato all'alimentazione. Parole d'ordine: innovazione e sostenibilità

di Alessandra Favaro

Ultima Modifica: 31/01/2019

La nuova Food Academy di Elior apre le porte presso il Bodio Center di Milano: un nuovo luogo di sperimentazione, ricerca e sviluppo al servizio della grande ristorazione del futuro con due parole d’ordine come fil rouge: innovazione e sostenibilità.

“Siamo la prima azienda di ristorazione collettiva in Italia e prepariamo ogni anno oltre 108 milioni di pasti” ha spiegato Rosario Ambrosino, amministratore delegato di Elior “Grandi numeri che ci portano a doverci confrontare e agire ogni giorno con la massima cura e che ci obbligano a riflettere sui bisogni nutrizionali futuri. Abbiamo riunito alla Food Academy differenti competenze per esplorare nuove forme di ristorazione innovative e sostenibili, all’insegna della corretta alimentazione”.

food academy elior

Tra le sfide dell’alimentazione del futuro, il team della food Academy ha già cominciato a lavorare su alcuni target, come quello dell’invecchiamento della popolazione, per cui è necessaria un’alimentazione ad hoc, anche per garantire e mantenere lo stato di salute.

“Nel settore delle case di riposo stiamo mettendo a punto dei piatti che possano incontrare i bisogni e il gusto di persone molto anziane, con poco appetito ma che necessitano di un alto valore nutrizionale, concentrato in piccole porzioni. – aggiunge Andrea Cartoccio, direttore marketing communication & innovation Elior – Per le scuole pensiamo a nuove proposte per imparare a mangiare la verdura. Per alcune aziende invece stiamo studiando soluzioni per aiutare professionisti che non hanno orari, ad avere tutto il giorno disponibile un pasto buono e bilanciato”.

L’altra grande sfida sarà la sostenibilità e l’attenzione allo spreco alimentare. In questo Elior oltre al suo impegno aziendale gode di un partner importante, Banco Alimentare. Il segretario, Marco Lucchini, aggiunge “Sono più di dieci anni che collaboriamo ogni giorno a ridurre lo spreco del cibo recuperandolo per darlo a chi è in difficoltà  Ma con Elior abbiamo allo studio diverse altre iniziative ed esperienze formative, anche con i nostri volontari, per creare una cultura del cibo e del suo valore sempre più radicata.

Per Food Academy la formazione è centrale ed ha avviato una collaborazione con l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo.

chef elior

Condividi L'Articolo

L'Autore

giornalista