La Settimana della cucina italiana nel mondo dal 23 al 29 novembre

Enit: oltre 100 eventi con viaggi premio in Italia, incontri con celebrity chef, oltre a quiz su food e luoghi turistici a cui rispondere per vincere premi enogastronomici.Tutti gli appuntamenti

di Donato Troiano

Ultima Modifica: 19/11/2020

Tutto pronto per la V edizione della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo dal 23 al 29 novembre 2020: la “settimana” è nata nel 2016, promossa dal governo italiano, per promuovere a livello internazionale le tradizioni culinarie ed enogastronomiche, segni distintivi dell’identità e della cultura italiana.

Il Governo, la Farnesina, l’Enit, Mipaf, Miur, Mibact, le associazione e tutto il settore agroalimentare, anche in questo periodo anomalo causa Covid,  con uno sforzo inedito prendono corpo, ovviamente in formato web, e con modalità differenti da luogo a luogo, tantissime iniziative.

Anche quest’anno la nostra testata è in prima linea nel diffondere le iniziative in collegamento con gli chef di tutto il mondo. In copertina il piatto “Panino aperto al Prosciutto di Parma con piselli e Parmigiano Reggiano” è stato ideato da Marco Medaglia, presidente del Cim – Chef italiani nel mondo.

La cucina è a pieno titolo una delle componenti essenziali dell’identità e della cultura italiana mettendo in primo piano la nutrizione, salute, scoperta dei sapori e piacere di socializzare.

Ecco perché, questa “Settimana”, sarà un’occasione per riflettere anche sui benefici della Dieta Mediterranea, (leggere qui) che in un periodo di emergenza sanitaria rappresenta uno degli strumenti di difesa contro la possibilità di ammalarsi, e anche per affrontare i temi economici del comparto.

Quanto vale la cucina italiana nel mondo?

Secondo una ricerca commissionata da Alma, la Scuola internazionale di Cucina Italiana, a Deloitte, 209 miliardi di euro è il volume d’affari generato a livello mondiale, in un mercato della ristorazione mondiale che, nel complesso, ha raggiunto un valore 2.210 miliardi di euro nel 2016.

Questa ricerca è stata diffusa nel 2018 durante il convegno: “La ristorazione italiana nel mondo. Trend e impresa nel mercato internazionale”.

Enit e la Farnesina: 100 eventi con viaggi premio in Italia, incontri con celebrity chef, oltre a quiz su food e luoghi turistici a cui rispondere per vincere premi enogastronomici

Numerosi sono gli appuntamenti messi in campo da Enit-Agenzia Nazionale del Turismo Italiano, che porta il mondo a lezione di cibo e felicità radunandolo attorno ad “una tavola ideale” per questa “Settimana della Cucina Italiana nel Mondo”: oltre 100 eventi con viaggi premio in Italia offerti da Enit, incontri con celebrity chef, influencer e divulgatori del settore, live show cooking in video streaming, trasmissioni tematiche e guide interattive, oltre a quiz su food e luoghi turistici a cui rispondere per vincere premi enogastronomici e ancora concorsi realizzati con le Ambasciate per la realizzazione di piatti italiani tipici in collaborazione con Il Gambero Rosso.

L’attenzione è tutta puntata quindi sul patrimonio enogastronomico italiano, ricchezza diffusa nei territori e nei piccoli borghi del Belpaese e tra i principali attrattori di turismo in Italia.

Il turismo enogastronomico nelle ricerche dell’Ufficio Studi Enit

Un turismo che, nel Belpaese fino ad  ottobre 2019 ha generato introiti 354,5 milioni di euro nel 2019, con un aumento del +17,0% sul 2018. Per oltre 1,4 milioni di viaggiatori (+29,9%) si rilevano circa 3,4 milioni di pernottamenti (+30,2%). Il turista è sempre più al centro dell’esperienza di vacanza che si basa definitivamente sulla sostenibilità, attraverso la consapevolezza che il proprio divertimento ha fatto del bene alla destinazione e non ne ha consumato la qualità ambientale, sociale ed economica. Al centro delle iniziative della rassegna non solo la qualità delle ricette e della ristorazione italiana, ma anche l’unicità dei prodotti e degli ingredienti originali italiani, a partire da quelli Dop e Igp come anche le peculiarità delle produzioni meno note e dell’offerta vitivinicola nazionale con il coinvolgimento anche chef del calibro di Bottura.

Enit-Agenzia Nazionale del Turismo -scrive una nota stampa- “ha abbracciato la mission e prosegue anche quest’anno l’educational tour virtuale per diffondere le bontà e la cultura del cibo ed esportare il made in Italy a tavola, nutrendo l’immagine della Penisola nei mercati internazionali. Il ciclo di eventi tematici ideati da Enit crea una rete di salvaguardia dei prodotti italiani e consente di valorizzazione le eccellenze del territorio in una sinergia che coinvolge l’industria culturale nazionale. Chef stellati, mostre e masterclass virtuali sui prodotti tipici regionali, show cooking in video streaming per esperienze sensoriali nell’enogastronomia italiana. La strategia di branding e visual di Enit per la Settimana della Cucina Italia nel Mondo vede l’Agenzia impegnata anche con adv branding con contenuti specifici sul food. Inoltre, per l’occasione, l’Agenzia ha predisposto un nuovo progetto di digital marketing secondo un approccio glocal con attività social-digital coordinate dalla sede centrale e implementate localmente dalle sedi estere. Eventi che puntano a mantenere vivo l’interesse per la Penisola e l’identità radicata dei suoi prodotti gastronomici simbolo di cultura e valorizzazione sociale. In allegato l’elenco degli eventi“.

 Ecco gli eventi organizzati da ENIT nel mondo

AMSTERDAM

Anche quest’anno l’Ambasciata ha deciso di promuovere la Settimana della cucina Italiana attraverso una brochure contenente i ristoranti che hanno aderito all’iniziativa. Delle 10.000 copie prodotte, 8.000 verranno inviate quale allegato agli abbonati della rivista Italie Magazine ed in parte distribuiti dai vari partner del progetto. La brochure contiene il logo di ENIT tra gli enti promotori ed una pubblicità dedicata alla mostra virtuale ENIT sul retro copertina nonché un breve annuncio sulla newsletter digitale. Italie Magazine ha inserito la notizia nella sua newsletter inviata 24.500 indirizzi dedicando un tab alla mostra virtuale.

BRUXELLES

Prima iniziativa: saranno realizzati dei brevi video nelle cucine dei migliori ristoranti italiani a Bruxelles, dove gli chef prepareranno alcune ricette regionali (di Toscana, Lombardia e Campania). I brevi video verranno diffusi sui social e canali istituzionali dell’ambasciata assieme a video ENIT (realizzati da Vienna e Stoccolma) e foto inviate dalla regione Emilia-Romagna.

Seconda iniziativa: due articoli sul quotidiano De Morgen in collaborazione con l’ambasciata. Saranno molto probabilmente un’intervista all’ambasciatrice e informazioni sulla settimana della cucina italiana e l’importanza di politiche per la protezione di eccellenze enogastronomiche.

Terza iniziativa: inviamo una cinquantina di box con prodotti enogastronomici italiani (e libro Promuovere la Bellezza) ad agenzie, giornalisti e sistema Italia. Le spedizioni inizieranno a giorni e ci sarà una lettera in cui si parla appunto della settimana della cucina italiana.

LONDRA

ENIT UK, in collaborazione con National Geographic Traveller, organizzerà un evento digitale con masterclass con lo chef Aldo Zilli, sessione di Q&A e circolazione delle ricette prima dell’evento. L’evento, che si terra’ il 24 Novembre 2020, sarà promosso tramite canali online, social media e newsletter e pubblicità a pagina intera su National Geographic Traveller Food e National Geographic Traveller edizione Novembre/Dicembre 2020. Per continuare a parlare dell’evento anche successivamente sarà pubblicato un Advertorial, pagina doppia, sulla rivista National Geographic Traveller nell’edizione Gennaio/Febbraio 2021.

MOSCA

Diffonderà al massimo la notizia della Settimana della Cucina Italiana, soprattutto tra gli operatori dell’enogastronomia, per creare rumor e innescare una catena di post sui social.

RSVP: [email protected]

Inoltre la sede di Mosca realizzerà il progetto online #LikeItalia_cucina (con gioco di parole: “like” nel senso di “piace” e “come”) sui social media per il mercato russo. Sarà una maratona dedicata alla salutare cucina italiana, argomento della V Settimana della cucina, con l’incentivazione del pubblico a condividere foto di enogastronomia italiana e con il coinvolgimento di personaggi del campo (chef, fotografi gastronomici, food blogger).

STOCCOLMA

Post sul account Facebook locale, newsletter e trasmissione video promozionale su canali Sistema Italia.

Iniziativa di Informacibo 2014

«La cucina italiana nel mondo verso l’Expo 2015», una settimana all’insegna della cucina e dei prodotti made in Italy in giro per il mondo. Una iniziativa di Informacibo svoltasi nel luglio 2014 in collaborazione del Consorzio del Prosciutto di Parma, Consorzio del Parmigiano Reggiano, Fabbri 1905 e il sostegno di Parma Alimentare, Cibus, Alma, Apt dell’Emilia Romagna, Ifse Scuola di Cucina, Bonat, Pignoletto Righi, Degusta e tanti altri.

L’E-book di INformaCIBO nel 2015 con le ricette di Chef italiani nel mondo e le Bloggalline

Per la valorizzazione dei prodotti italiani di eccellenza. Con la prefazione del ministro Maurizio Martina e di Cesare Azzali di Parma Alimentare (Cliccare Qui l’e-book)

Verso la “settimana” promossa dal governo, la quinta edizione su Informacibo

V Settimana della cucina italiana nel mondo: in primo piano la Dieta Mediterranea

La quarta edizione

IV Settimana della Cucina Italiana nel Mondo

Gli Chef italiani nel mondo, il Gruppo diretto da Marco Medaglia, e la “Settimana”

(cliccare qui)

Il sito del CIM, la voce degli chef itliani nel Mondo (cliccare qui)

Condividi L'Articolo

L'Autore