Autunno: è tempo di raccolta delle castagne

di Antonino Crescenti

Ultima Modifica: 17/03/2020

 Tutti i suggerimenti su come raccogliere, selezionare e come conservare le castagne appena raccolte.

La raccolta delle castagne: è una bellissima opportunità di trascorrere giornate in famiglia tra camminate, pic-nic e cromoterapia allo stato puro. Infatti, una passeggiata tra i boschi tinti d’autunno, riesce sempre a far scaricare energie negative.

Raccogliere le castagne è quel che si può definire 2 piccioni con una fava. Fortuna permettendo, dà infatti l’opportunità di incombere nel ritrovamento di qualche goloso fungo porcino da aggiungere magari a una classica torta salata. D’altronde, i due vegetali sono in perfetta simbiosi da sempre. Dove c’è castagno c’è porcino.

raccolta-castagne

Il periodo della raccolta delle castagne ha un’atmosfera un po‘ simile a quella della vendemmia. É una giornata di festa, in cui tutti i pensieri si allontanano man mano che la distanza dalla città aumenta.
Un odore accomuna indistintamente città del nord e del sud Italia: è il fumo delle caldarroste. Avvisa tutti che è arrivato il tempo di raccogliere le castagne.

Raccolta delle castagne, le istruzioni per l’uso

Lungo tutto lo stivale le varietà di castagne sono davvero tantissime, piccole, grandi, grosse o giganti si dividono in due macro-categorie: marroni e castagne. Differiscono per grandezza e per alcune caratteristiche che vedrete meglio in questo articolo. La raccolta inizia l’ultima decade di settembre e si inoltra fino all’ultima di ottobre. I frutti si raccolgono recuperando i ricci caduti sul terreno. Sì, esattamente. L’albero lascia cadere i frutti una volta raggiunta la giusta maturazione.

Qualcuno usa percuotere i rami per far cadere i ricci precocemente dall’albero.
Pessima abitudine e soprattutto da evitare. Si rischia di danneggiare i rami e l’albero subirebbe uno stress che potrebbe interromperne la fruttificazione, con conseguenti frutti dalla dimensione ridotta. In più, le castagne ricavate da questa maldestra operazione, risultano essere prevalentemente acerbe e quindi dure e prive di gusto. 

raccolta-delle-castagne

La raccolta delle castagne va fatta ogni 3 giorni. Infatti, il grado di maturazione dei frutti, risulta disomogeneo sull’albero. Maturano prima sempre i frutti più esposti al sole.
Dalle primizie raccolte alla metà di settembre, passano circa 40 giorni in cui ai piedi degli alberi c’è un costante tappeto di ricci pronto a essere raccolto e lavorato.

Raccogliete le castagne dei ricci già aperti e aiutatevi con il tallone a schiacciare quelli rimasti chiusi. Con la pressione del tallone  le castagne vengono fuori. È bene sapere che raccogliere tutti i ricci e i suoi frutti danneggiati è un grande aiuto che possiamo dare all’ambiente.
Poichè sono precursori di focolai per malattie e insetti nocivi all’ecosistema, sbarazzatevi sempre dei frutti rovinati bruciandoli in posti isolati e soprattutto lontano dai boschi.

Conservazione castagne, come fare?

Le castagne integre non vengono mai a galla

Dopo la selezione visiva che ha portato a una più grossolana cernita, mettete le castagne in una bacinella e copritele con dell’acqua. Entro pochi minuti, inizierà una selezione spontanea delle castagne: alcune andranno sul fondo del catino e altre verranno a galla grazie all’aria in esse contenute.

Le castagne che hanno incorporato aria sono sinonimo di un frutto rovinato nella buccia e nella polpa a causa di parassiti o varie patologie delle piante. Eliminare e bruciare tutte le castagne venute a galla è l’unico modo di escludere la possibilità di infestazioni e dare così una mano all’ambiente.

raccolta-delle-castagne

Le castagne si conservano naturalmente 15 giorni dopo la raccolta. Dopodiché la polpa perde vigore risultando anche più dura e poco piacevole alla masticazione. Per allungare i tempi di conservazione delle castagne, esiste una tecnica che si chiama curatura in acqua fredda.

La pratica consiste nell’immergere le castagne in acqua fredda (preferibilmente priva di calcio e ferro) e lasciarle a riposare e asciugare per 7 giorni. Le castagne vanno disposte in un posto ombreggiato sommerse da sabbia o segatura, in uno strato che non deve superare i 20 centimetri.

Queste operazioni permettono di conservare le castagne fino a primavera nel caso la conservazione sia stata con la sabbia, mentre con la segatura hanno un’autonomia di 2 mesi.

Se volete essere sicuri di conservare castagne sane, l’altra pratica che scongiura al 100% gli imprevisti, consiste nell’immergere le castagne in acqua calda alla temperatura di 50° C per 45 minuti. Questo serve a uccidere le larve di balanino e carpocapsa contenute all’interno dei frutti non venuta a galla nella fase di duratura. Dopo questa operazione, è comunque necessario asciugarle come nella curatura in acqua fredda.

raccogliere-castagne

 

Come congelare le castagne

Le castagne si possono congelare con tutta la buccia previa selezione. Fate sempre attenzione all’integrità del guscio. Dopo averle congelate, per utilizzarle, sbollentatele in acqua per 3/4 minuti prima di iniziare a cucinarle.

Se le castagne che state conservando sono destinate a diventare caldarroste, incidete il guscio dalla parte bombata prima di riporle in freezer. In tutti i casi, essendo congelate, le castagne richiederanno almeno 5 minuti in più di cottura rispetto al prodotto fresco.

Se le avete congelate nel freezer, le castagne si conserveranno per 3 mesi circa. Cosa diversa se le avete messe nel pozzetto congelatore. Li si manterranno integre fino a 12 mesi.

Come congelare le castagne cotte

Le castagne possono essere congelate già cotte arrosto o bollite. Basterà sbucciarle e, una volta fredde, riporle nei sacchetti da gelo. Una volta congelate, si manterranno per cira 6 mesi in freezer e 12 nel pozzetto congelatore.raccogliere-castagne

Curiosità sui castagni

Il castagno è un albero ultracentenario. Ed è proprio un castagno ad essere una delle piante più longeve sul territorio italiano. Più precisamente, è il Castagno dei Cento Cavalli, iniziò a germinare nel parco naturale dell’Etna oltre 3000 anni fa. L’albero, considerato come il più famoso e grande d’Italia, è oggetto di uno dei più antichi atti di tutela naturalistica, se non il primo del genere. Nel 1982 è stato inserito nel patrimonio italiano dei monumenti verdi, ed è nei primi 150 con alto valore storico e monumentale.

 

 

 

Condividi L'Articolo

L'Autore

Collaboratore

Il cibo e la cucina sono le arti del terzo millennio.