fbpx

Regione Lombardia e Carlo Cracco: patto per promuovere Panettone e Polenta lombardi

di Oriana Davini

Ultima Modifica: 21/05/2021

Un protocollo d’intesa per promuovere a livello internazionale il panettone e la polenta, due simboli della cucina lombarda: è quello siglato tra Regione Lombardia e l’associazione Maestro Martino, guidata dallo chef Carlo Cracco.

L’obiettivo è valorizzarli al meglio sia tra gli chef che nella comunicazione delle eccellenze gastronomiche lombarde. In che modo? Offrendo una serie di workshop, seminari, mostre, convegni e laboratori a Villa Terzaghi, la scuola di cucina e ristorante didattico a Robecco sul Naviglio dell’associazione Maestro Martino, in modo da cercare ricette innovative e organizzare masterclass per formare professionisti, cuochi e pasticceri. Che ovviamente sappiano dare nuova linfa a panettone e polenta, troppo spesso preparati sempre nello stesso modo.

Villa Terzaghi associazione Maestro Martino
Villa Terzaghi a Robecco sul Naviglio

La filiera agroalimentare lombarda

L’associazione Maestro Martino collabora già da anni con Regione Lombardia per valorizzare la cucina italiana e, più nello specifico, le tipicità e le tradizioni enogastronomiche lombarde, inserendole nel contesto storico-culturale.

Non potevano mancare anche il panettone e la polenta, prodotti simbolo della cucina lombarda che possono giocare un ruolo fondamentale nella ripresa post Covid e nella formazione di una nuova generazione di cuochi e personale da sala più consapevole rispetto alle ricchezze enogastronomiche del territorio.

Panettone
Il panettone di Villa Terzaghi

Il programma

Già sede del network internazionale di cuochi Cook&Chef Institute, Villa Terzaghi sarà anche la sede ufficiale per la diffusione delle conoscenze relative alle produzioni locali, rielaborate e rese uniche dagli chef dell’associazione e dai giovani talenti della scuola di cucina.

Nel 2021 sono previsti una serie di workshop ed eventi dedicati a polenta e panettone, in programma a ottobre e novembre. Inoltre, la partnership con Regione Lombardia prevede interventi di educazione alimentare e sensoriale rivolti alle scuole, soprattutto istituti turistici e alberghieri, per far conoscere a studenti e docenti le produzioni locali di qualità e diffondere un corretto approccio al cibo.

Condividi L'Articolo

L'Autore

giornalista

Giornalista specializzata in turismo e itinerari enogastronomici