fbpx

La ricetta originale degli Sciatt Valtellinesi

La ricetta di questa specialità tipica della Valtellina, i modi migliori per gustarla e abbinarla

di Alessandra Favaro

Ultima Modifica: 25/05/2021

Gli Sciatt valtellinesi sono delle golose frittelle di grano saraceno con un cuore filante di formaggio. Tra gli ingredienti della ricetta ci sono tanti sapori tipici della Valtellina, dove nasce questo piatto tipico. Anche la grappa.

Gli ingredienti

Fondamentale per la perfetta riuscita del piatto è il cuore filante. Per questo, è importante usare il Valtellina Casera, come vuole la ricetta originale. Questo non solo perché formaggio tipico della Valtellina,  ma perchè, con il suo sapore di latte e la sua freschezza, si scioglie alla perfezione. Quando si vuole impiegare un formaggio in grado di dare un aroma di latte a un piatto e di sciogliersi perfettamente, il Valtellina Casera Dop è perfetto (non a caso si usa anche per i pizzoccheri) .

Gli ingredienti giusti per gli Sciatt Valtellinesi

Per la ricetta degli Sciatt Valtellinesi quindi procuratevi del Casera o un formaggio altrettanto fresco (ma non molle). In caso proprio di necessità potete provare a sostituirli con un fontina o una toma, ma ormai trovate Valtellina Casera Dop anche al supermercato, quindi non sarà difficile reperirlo.

Le origini degli Sciatt

Gli sciatt della Valtellina nascono nel paese di Teglio ma ormai sono diventati “ambasciatori” di tutta la Valtellina.  Tra gli ingredienti principali di questo piatto c’è il grano saraceno, cereale che veniva coltivato in queste montagne e valli sin dal 1600 anche se non originario.

Così nutrienti e gustosi, una volta gli sciatt venivano mangiati a colazione, magari con un bicchiere di latte appena munto: di certo un pieno di energia per tutta la giornata!

Abbinamenti

Gli sciatt valtellinesi sono molto sostanziosi, non a caso parliamo di frittelle con ripieno di formaggio. Per questo amano accompagnamenti leggeri e freschi: insalata, cicoria, tarassaco, spinaci, conditi semplicemente con olio e aceto.

In accompagnamento, un Rosso di Valtellina o, se è un’occasione importante, uno Sfursat.

La ricetta

Ecco la ricetta per fare gli sciatt valtellinesi anche a casa.

Sciatt valtellinesi

Casera, farina bianca e di grano saraceno, grappa, un po’ di birra o acqua frizzante, un pizzico di bicarbonato. Ecco gli ingredienti per preparare gli Sciatt Valtellinesi, rospetti in dialetto locale, piccole frittelle ripiene di Valtellina Casera che si sciolgono in bocca. Si può dire di aver vissuto a pieno la Valtellina solo dopo aver provato queste croccanti frittelle dal tenero cuore di formaggio filante. 
Una specialità delle valli, resa unica dall’inconfondibile sapore del Valtellina Casera. Ideali per un aperitivo o per un antipasto davvero speciale! Ecco la ricetta.

Ingredienti

  • 200 g farina di grano saraceno fine
  • 200 g farina bianca
  • 2 cucchiai grappa
  • 33 cl birra o acqua minerale gassata
  • un pizzico di bicarbonato
  • 250 g Valtellina Casera DOP
  • sale q.b.
  • ½ cavolo cappuccio
  • olio di arachidi

Istruzioni

  1. In una bacinella unire tutti gli ingredienti, tranne il formaggio e l’olio di arachidi che si userà solo per friggere.

  2. Lavorare il tutto fino ad ottenere un impasto non troppo morbido, che va lasciato riposare per circa un’ora e mezza in frigorifero.

    pastella per Sciatt
  3. Intanto tagliare il formaggio Valtellina Casera Dop a cubetti di circa 2 cm e immergerli nella pastella che avete fatto precedentemente riposare.

    come fare gli sciatt pastella
  4. Cominciare a scaldare abbondante olio in una padella, fino a temperatura di circa 175°C

  5. Con l’aiuto di un cucchiaio raccogliere un cubetto di formaggio per volta, badando che sia ben ricoperto di pastella e lasciarlo cadere nell’olio bollente

  6. Far dorare gli sciatt nell’olio e scolarli con una schiumarola, poi posarli su carta da cucina assorbente.

  7. Servire gli sciatt adagiati su un letto di cavolo cappuccio fresco, tagliato finissimo e condito o una semplice insalata verde o cicoria, conditi con una vinaigrette all’aceto rosso.

Condividi L'Articolo

L'Autore

giornalista