Rinnovarsi restando fedeli a se stessi: la sfida di Gran Cereale, tra novità e impegno ambientale

di Alessandra Favaro

Ultima Modifica: 24/06/2020

Sa adattarsi ai tempi rimanendo fedele a se stesso. Si rinnova ed è sempre più green Gran Cereale, nato nel 1989 come primo biscotto integrale con cereali di Mulino Bianco, fino a diventare un vero e proprio brand con una sua identità nel 2011.

Texture croccante, l’aspetto grezzo, per un’esperienza multi-sensoriale ricca di gusto ed energia naturale. Tratti iconici che oggi caratterizzano un brand dal posizionamento distintivo, acquistato da quasi 7 milioni di italiani con una vasta offerta tra biscotti, barrette e cereali da colazione per una produzione annuale di più di 11.000 tonnellate di prodotto.

Arriva la frutta secca

A febbraio 2020, ad arricchire la linea delle Barrette Gran Cereale, sono arrivate le nuove barrette frutta secca con due gusti: la prima con “semi di zucca e quinoa soffiata”, fonte di proteine e ricche di fibre, la seconda con “cioccolato fondente e mirtilli rossi”, ricche di fibre. Ricette piene di gusto ed energia naturale esaltata dall’aspetto “aggregato” con pezzi interi visibili ed il 40% di frutta secca.

Nuovi trend: con legumi e cioccolato

Ma non è tutto. A settembre 2019 è stato lanciato il primo biscotto con legumi di Barilla: “Gran Cereale Legumi Croccanti e Cioccolato fondente”. Il biscotto nasce dalla combinazione tra gli ingredienti iconici di Gran Cereale, come fiocchi di avena e farina integrale 100% da agricoltura sostenibile, con l’aggiunta di fiocchi di ceci e lenticchie intere croccanti e la golosità dei pezzi di cioccolato fondente.

L’impegno per ambiente e sostenibilità

La mission “Buono per Te, Buono per il Pianeta” di Barilla si traduce nell’“Impegno Integrale” di Gran Cereale.

Un programma di iniziative che mira al miglioramento continuo dei nostri prodotti, ricette realizzate con farina integrale 100% da agricoltura sostenibile, senza olio di palma, grassi idrogenati e additivi conservanti.

Un impegno concreto anche verso l’ambiente: Gran Cereale infatti utilizza solo packaging riciclabile e dal 2018 ha ridotto e compensato le emissioni di CO2 della propria filiera produttiva e ha attivato il progetto “Boschi di Gran cereale” che tutela e salvaguarda 6 aree boschive in Italia.

Condividi L'Articolo

L'Autore

giornalista