Gnocchi fatti in casa al Castelmagno DOP. Un piatto di tradizione occitana.

di Alessandra Favaro

Ultima Modifica: 14/02/2018

Gli gnocchi al Castelmagno DOP sono un piatto tipico della tradizione piemontese, e in particolare di quella occitana.  Si perchè il Castelmagno, è un formaggio simbolo della Valle Grana, una delle Valli Occitane in Italia. L’Occitania oggi conta 7 regioni francesi, 15 piemontesi, e alcune enclavi in Liguria e Calabria. Le Valli Occitane piemontesi coprono un’area che spazia dalla Val di Susa al monregalese.

Un piatto goloso e anche “povero”, che porta in tavola i sapori della montagna e aggiunge il sapore particolare del Castelmagno, conosciuto fin dal XIII secolo (anche da Carlo Magno) .

Gli gnocchi al Castelmagno  sono uno dei classici primi piatti con cui si usa il Castelmagno fuso, un’applicazione da provare assolutamente con questo formaggio. Un altro must, con cui provarlo fuso è il risotto.

Servono pochi ingredienti, ma il segreto è che siano più di qualità possibili: un buon burro di montagna, Castelmagno DOP, pepe macinato al momento, un buon olio extravergine d’oliva, patate buone per gli gnocchi.

Non esagerate con la farina: più se ne usa più gli gnocchi rischiano di diventare “gommosi”. Devono invece essere belli sodi.

Per un tocco ancora più rustico alla portata, impiattate in ciotole di terracotta e usate quelle dopo averli scolati per gratinare gli gnocchi in forno.

Servite con un vino rosso fermo piemontese.

Gnocchi al Castelmagno DOP

Gnocchi al Castelmagno DOP fatti in casa. Un piatto della tradizione piemontese

Piatto Main Course
Cucina Italian
Preparazione 15 minuti
Cottura 5 minuti
Tempo totale 20 minuti
Porzioni 6 persone

Ingredienti

  • 1 kg patate;
  • 4 etti farina di frumento;
  • 2 etti formaggio Castelmagno;
  • 2 etti panna;
  • 80 gr burro;
  • 1 cucchiaio olio extra vergine
  • qb sale;

Istruzioni

  1. Lessate le patate in abbondante acqua salata, finchè non sono morbide, sbucciatele e passatele al passaverdure o schiacciatele con una forchetta. 

  2. Unite l'olio e, a poco a poco, la farina, impastando finché il composto sarà liscio e non appiccicoso. Se risulta troppo appiccicoso aggiungete poca farina ma attenti a non esagerare, pena un gnocco "gommoso" anzichè bello sodo e morbido.

  3. Dividete l'impasto in pezzi e allungateli fino ad ottenere dei bastoncini della dimensione di un grissino. Tagliateli a pezzetti di due centimetri e cuoceteli in acqua bollente salata. 

  4. In una capiente padella fate imbiondire il burro e gettate gli gnocchi a mano a mano che salgono in superficie dell'acqua. Quando salgono infatti significa che sono pronti.

  5. Unite il Castelmagno a dadini, la panna e aggiungete pepe a piacere. Mescolate bene e tenete sul fuoco.finché il formaggio non è bello fuso.

  6. Trasferite in una pirofila e passate per cinque minuti in forno già caldo per gratinare leggermente. 

Condividi L'Articolo

L'Autore

giornalista