fbpx

Carne vegetale: Poke House lancia la poke bowl con pollo vegetale

di Oriana Davini

Ultima Modifica: 11/01/2021

Si diffonde sempre di più l’utilizzo di carne vegetale, spesso chiamata anche carne non carne o carne plant based, in ristoranti e fast food, soprattutto di catena. Un trend ormai inarrestabile, che oltre ad accontentare chi per scelta non vuole consumare prodotti di derivazione animale, premia anche l’ambiente.

Dopo Burger King, che ha lanciato Rebel Whopper a base di carne 100% vegetale, e McDonald’s, che ha annunciato l’arrivo del McPlant, va in questa direzione anche Poke House con THIS isn’t Chicken Poke, la prima poke bowl in Italia a base di pollo vegetale e disponibile fino al 20 marzo via delivery e nei 21 store della catena in Italia e all’estero.

Il pollo vegetale

Nella bowl ci sono riso integrale, cetrioli, pomodorini, avocado, senape, miele, salsa speciale, sesamo, jalapeño e ovviamente pollo vegetale, composto principalmente da proteine della soia e dei piselli, oltre che da derivati dei legumi.

Il sapore, promette Poke House, è del tutto identico a quello del pollo vero e una porzione è ricca di ferro e vitamina B12. Ma non solo: l’attenzione del brand è soprattutto in termini di sostenibilità visto che la materia prima con cui è preparato il pollo vegetale permette una riduzione del consumo di acqua ed energia, oltre all’abbattimento delle emissioni di gas terra.

Una scelta sostenibile

sostenibilità

“Viviamo in un momento storico in cui l’attenzione alla sostenibilità è una priorità, con scelte di consumo che tengono presente l’impatto ambientale di prodotti e servizi – conferma Vittoria Zanetti, co-founder di Poke House –. Per questo abbiamo collaborato con il brand THIS per la nuova ricetta invernale, con una proteina interamente plant-based”.

Una nuova proposta che segue le richieste dei consumatori, quindi, e cerca di soddisfare non solo vegani e vegetariani ma anche i cosiddetti flexitariani, ossia coloro che pur non avendo abbandonato del tutto il consumo di carne scelgono le alternative vegetali per una dieta più bilanciata e perché preservano l’ambiente.

Chi sceglie una THIS isn’t Chicken Poke, sottolinea Zanetti, “contribuisce a un risparmio dell’87% di acqua e a una riduzione delle emissioni di CO2 del 83%. Si tratta per noi di un primo ma significativo passo nella direzione della food innovation, specialmente se consideriamo che i prodotti del rinomato brand THIS non sono mai stati utilizzati all’interno di una poke bowl nel panorama italiano”.

Condividi L'Articolo

L'Autore

giornalista

Giornalista specializzata in turismo e itinerari enogastronomici