Il Cavaliere “Bolivar” continua il viaggio nella Puglia, sbarca a Monte Sant’Angelo dallo chef Gegè

La tappa di oggi: S. Marco in Lamis - lago di Varano - Lago di Lesina - Confine con il Molise

di Donato Troiano

Ultima Modifica: 25/07/2020

Sempregirandotenevai  di “Bolivar” ieri ha scalato le montagne, da Manfredonia a Monte Sant’Angelo fino a San Marco in Lamis.

Un tappone montanaro di quelli che sarebbero piaciuti a Coppi e Bartali. I due eroici ciclisti, però, non potevano fermarsi, bere, mangiare e scroccare passaggi a destra e a manca come il nostro Bolivar, felice di essere un fresco nominato  Cavaliere dell’Arcobaleno. (leggere su Informacibo).

Il porto turistico Manfredonia

A Manfredonia, città porta d’accesso allo sperone d’Italia, c’è l’incontro con gli amici della Marina del Gargano, il nuovo porto turistico della città, un vero vanto, un diamante, un qualcosa di strabiliante.

L’intervista a Michele de Meo e Andrea Zullo l’ha confermato: la struttura è un unicum di eleganza ed efficienza ma allo stesso tempo è collegata al tessuto urbano e a tutta la cittadinanza.

Dopodiché Mario Bolivar ha abbandonato la città preferita da Re Manfredi per inoltrarsi sulla montagna più incontaminata.

Santuario di S. Michele Arcangelo

Incontro con il grandioso chef Gegè Mangano

Un fantastico piatto da Gegè: fregola alle erbe, con ortica, pepe rosa e oro

La cena da Li Jalantuumene da Gegè è un trionfo!

Bolivar arriva a Monte Sant’angelo, città dai sue siti UNESCO, città dall’antichissima energia mistica, città che può vantare un grande ristorante ed un grandioso chef: Li Jalantuumene di Gegè Mangano, angelo ribelle della ristorazione pugliese. Ribelle perché è anarchico, perché non lascia molto spazio alle mezze misure e perché è sempre coinvolto in progetti sociali.

Ultimamente il suo ristorante, Li Jalantuumene ospita le opere di artisti di caratura internazionale, (Esmeralda da Gegè) invidiati da mezzo mondo, ma l’amministrazione comunale di questa cittadina non pare nemmeno essersene accorta. 

Si potrebbe fare molto di più per il turista, e Bolivar lo capisce  quando lo chef va a prenderlo a metà strada, con la sua 500 d’epoca con tetto panoramico. A bordo di essa fanno tutto il giro di Monte Sant’Angelo. É un favore che ogni tanto riservo ai turisti, confessa Gegè, lo faccio di cuore, anche se sono cose che non spetterebbero a me.

La cena da Gegè è un trionfo. I piatti, gli arredi curati, la materia prima, il servizio… non c’è che dire, il nostro chef spinge come non mai.

Il Maestro del Pane: Pascal Barbato

Pascal Barbato e Bolivar

La tappa si conclude dal magister del pane in Puglia: l’amicone Pascal Barbato di Fulgaro Panificatori. Vederlo all’opera nel suo laboratorio, a notte fonda, sarà un’altra di quelle magie capitate in questo tour che non si dimenticheranno mai.

Pascal oltre ad essere un maestro nell’arte bianca, attira così tanti apprezzamenti da parte del gentil sesso che molte amiche del Bolivar lo hanno chiamato per chiedergli di “mettere una buona parola” con lui. Appost!

Tappa di oggi: S. Marco in Lamis – lago di Varano – Lago di Lesina – Confine con il Molise 

Il tour di Bolivar si avvia alla conclusione

Bolivar fa tappa sulla costa pugliese da Trani a Barletta fino alle Saline di Margherita di Savoia

 

Condividi L'Articolo

L'Autore