Monferrato da amare, tra Cattedrali Sotterranee e Strada Romantica

Itinerario romantico per wine lovers a Canelli, la Capitale dello spumante italiano: cosa vedere, dove mangiare, gli eventi da non perdere, le esperienze da provare.

di Alessandra Favaro

Ultima Modifica: 11/09/2019

Canelli, in provincia di Asti, é conosciuta come capitale dello spumante e del Metodo Classico, ma si candida ad essere una destinazione perfetta romantica da vivere in due. 

La cittadina è famosa soprattutto per le sue Cattedrali Sotterranee, Patrimonio Unesco. Si tratta di cantine scavate nel tufo delle colline tra il XVI ed il XIX secolo e rimaste intatte fino ai giorni nostri.

Quattro cantine locali permettono al pubblico di visitare le loro cattedrali sotterranee a Canelli, dove ancora oggi viene affinato il vino più pregiato: Coppo, Contratto, Gancia e Bosca. Fu Carlo Gancia, nel 1865 dopo un viaggio a Reims per carpire i segreti dello champagne, a “importare” il metodo champenoise in Italia, semplificando un po’ il procedimento e applicandolo alle uve moscato tipiche della sua zona. Nacque così il metodo classico e lo spumante italiano. 

monferrato paesaggio
Paesaggi del Monferrato astigiano

Cosa vedere

La cittadina del Monferrato, ricca di cultura enoica, osterie, locali e zone panoramiche, offre molto altro. Tra le cose interessanti meno conosciute da vedere ad esempio c’é la Strada Romantica, la Sternìa in dialetto piemontese locale.

Si tratta di una passeggiata di circa un quarto d’ora che dal centro di Canelli porta in cima alla cittadina. Canelli infatti é divisa in due parti, la parte bassa e quella alta, chiamata Villa Nuova.

 

La strada accompagna tra osterie, wine bar, locali, scorci panoramici, opere d’arte di artisti locali.

Strada degli Innamorati Canelli
La Sternia di Canelli
Da qui parte la Strada degli Innamorati
Il tappo dello spumante al posto dei lucchetti: meglio stappare una bottiglia che una catena per celebrare un amore!
Wine bar e osterie lungo la strada
Opere degli artisti locali lungo la strada

É nata dopo gli anni 80 quando il fumettista Peynet soggiornò qui. Al termine del suo soggiorno regaló una mattonella raffigurante una coppia. E da qui l’idea di continuare in un percorso, coinvolgendo gli artisti del territorio le cui opere ora decorano in pannelli il cammino.

Si arriva in cima dove c’è una panchina panoramica, dove sostare e ammirare il territorio unico delle colline del Monferrato astigiano, e poi, procedendo più in alto, si arriva alla chiesa di San Rocco, esempio di barocco piemontese.

C’é anche l’usanza di far stampare o scrivere il proprio nome sui caratteristici tappi a fungo delle bottiglie di metodo classico e “incastonarle” nel percorso. Una versione più “vinicola” dei classici lucchetti degli innamorati.

Nei pressi della panchina panoramica, un pannello a forma di cuori ospita i “tappi” da incastonare, che possono essere quelli di una bottiglia aperta assieme, come ricordo, voto, promessa.

Il vino d’altronde in questa zona è un elemento culturale e caratteristico.  Una visita alle cantine sotterranee delle 4 famose cantine, con degustazione finale è d’obbligo. E magari proprio qui si può acquistare una bottiglia di metodo classico da sorseggiare insieme.

Dove mangiare, dove dormire

Il ristorante Tra la Terra e il Cielo
Il ristorante Tra la Terra e il Cielo

A Canelli, lungo la Sternìa, si trovano osterie e locali molto caratteristici per una cenetta romantica e anche un relais, Villa Del Borgo, antica dimora di charme ideale per un soggiorno a due, affacciata sulle colline. Nasce dal recupero conservativo di edificio costruito tra ‘700-’800.

Spostandosi di qualche chilometro in auto, si arriva a Moasca, piccolo borgo a 260 metri di altezza dominato da un’antica fortezza, oggi sede della terrazza panoramica Alta Langa, e del ristorante Tra la Terra e il Cielo: location molto suggestiva e con vista mozzafiato sulle colline dell’astigiano, tanti piatti tipici del Piemonte e prodotti locali rivisitati in chiave moderna, senza perdere autenticità.

cantine sotterranee coppo
Nelle cattedrali sotterranee di Coppo di Canelli

Eventi

Ogni anno, il territorio di Langhe Monferrato Roero è teatro di numerosi appuntamenti che celebrano vino e le tante eccellenze locali. Come il  Tartufo Bianco d’Alba. La Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba si svolge nei weekend di ottobre e novembre. Nello stesso periodo, nel Monferrato si svolgono alcune fiere, regionali e nazionali, dedicate al fungo ipogeo.

Il buon cibo è protagonista a Cheese, evento biennale di Slow Food a Bra; ad Asti, la Douja d’Or è il Salone Nazionale dei Vini Selezionati al cui interno si svolge il Festival delle Sagre, un week end di celebrazione della vita agreste. Folclore e storia medioevale rivivono nei Palii: il Palio di Asti, il più antico d’Italia, e il Palio degli Asini di Alba, in apertura della Fiera del Tartufo.

Collisioni, festival musicale e culturale in Barolo, Alba Music Festival e Alba Jazz Festival nella capitale delle Langhe e Monfort In Jazz a Monforte d’Alba sono gli eventi musicali più importanti tra le colline del Basso Piemonte.

A dicembre, Il “Magico Paese di Natale” a Govone regala un’atmosfera magica che proietta direttamente nel Natale.

Condividi L'Articolo

L'Autore

giornalista