fbpx

Mostra del Bitto a Morbegno: 100 formaggi in concorso per i 25 anni della Dop valtellinese

di Oriana Davini

Ultima Modifica: 11/10/2021

Va in scena nel weekend del 16 e 17 ottobre 2021 la Mostra del Bitto a Morbegno, 114esima edizione della fiera che da oltre un secolo celebra il formaggio d’alpeggio simbolo della Valtellina. 

Un appuntamento, quello in provincia di Sondrio, particolarmente atteso perché si celebrano i 25 anni dell’assegnazione della Dop al Bitto e al Valtellina Casera.

Leggi anche: 10 cose da sapere sui formaggi Bitto e Valtellina Casera Dop

Dal mercato alle degustazioni

mostra-del-bitto-morbegno

Due giorni aperti al pubblico con degustazioni, postazioni didattiche per bambini per imparare a fare il formaggio o mungere una mucca, esperienze immersive di narrazione dei metodi di produzione, spettacoli itineranti, la mostra mercato con i migliori formaggi, menù ad hoc nei ristoranti della città, incontri con i produttori, rievocazioni di antichi mestieri, lavorazione dei pizzoccheri, intagliatori di legno: questo il programma della Mostra del Bitto 2021.

La piazza di Morbegno si trasformerà in un tradizionale calecc, la storica baita itinerante del Bitto usata per lavorare il latte subito dopo la mungitura, in modo da non disperderne le proprietà organolettiche: qui si potrà scoprire come si produce questo formaggio Dop, usando solo latte crudo intero proveniente da razze tradizionali della zona portate a un’altezza media che parte dai 1.400 metri (quindi prodotto esclusivamente durante i mesi estivi).

E ancora Palazzo Macrida sarà il centro delle degustazioni a base di prodotti tipici e di abbinamenti particolari tra formaggio e grappe, miele, focacce antiche, vini bianchi. Il tutto da intervallare con merende, aperitivi e cene, ovviamente con menù a tema curati dai ristoranti di Morbegno.

Destinazione bresaola: 10 percorsi trekking e 10 panini

Il concorso

Nell’auditorium del Convento di Sant’Antonio sarà allestita una casera, cioè la latteria tradizionale valtellinese, con le forme di Bitto, Valtellina Casera (che proprio da questa costruzione prende il nome) e Scimudin partecipanti al concorso  che premia i migliori formaggi. Oltre 100 i partecipanti attesi, pronti a essere giudicati da una commissione composta da 25 giurati Onaf.

Bitto e Valtellina Casera Dop sono adatti anche agli intolleranti al lattosio

25 anni di storia

mostra-del-bitto-valtellina

Protagonista dell’evento sarà il Consorzio di Tutela dei formaggi Valtellina Casera e Bitto Dop (CTCB): i quattro presidenti che si sono succeduti nel corso degli ultimi 25 anni saranno presenti durante la premiazione dei migliori formaggi Bitto e Valtellina Casera, per ripercorrere la storia del Consorzio e i momenti salienti dello sviluppo di due produzioni centrali per l’economia valtellinese.

“I 25 anni sono una tappa importante per fare i primi bilanci – spiega Vincenzo Cornaggia, presidente del CTCB -: dal 1996 ad oggi la produzione di Bitto e Valtellina Casera è cresciuta rispettivamente del 193% e del 330%”. Di conseguenza sono aumentati anche i soci del Consorzio, passando da 35 a 165: oggi la filiera fattura 13 milioni di euro dando lavoro a 133 allevamenti, 13 caseifici, 26 stagionatori e 54 alpeggi produttori. 

 

 

Condividi L'Articolo

L'Autore

giornalista

Giornalista specializzata in turismo e itinerari enogastronomici